«…ho appena dimostrato che niente è dimostrabile…»

15 January 2008, 22:11 | Alta politica, Moralismo noioso, Ogni me è politico | Commenti: 3

re214yu6x_20080114.jpg

Oggi sono passato al’Università e c’erano vari striscioni dei cosiddetti collettivi studenteschi contro la venuta del Papa alla Sapienza; uno in particolare mi ha dato il senso – recitava: “Il Vaticano è uno stato senza libertà di parola, non possiamo far parlare il capo di uno stato così”. La quadratura del cerchio.

Ora, si può discutere dell’opportunità dell’invito, ma quando si fanno le barricate per impedire a qualcuno di parlare – molto, molto banalmente – ho sempre un fastidio di pancia. Oltre a essere un principio da monarchia assoluta.

– Commenti:



3 Commenti presenti su “«…ho appena dimostrato che niente è dimostrabile…»” – Feed

  1. CLAUDIA – 16 January 2008, 14:11 (n° 1)

    PENSO CHE CHI HA CONTESTATO LA VISITA DEL PAPA SIA CHI CONDIVIDE L’IDEOLOGIA “DEI I DIRITTI E LE LIBERTà”(A GRANDI LINEE)Bè, MI PARE CHE ABBIANO DELLE IDEE UN Pò CONFUSE..VALE SEMPRE IL DETTO”SI PREDICA BENE E SI RAZZOLA MALE”

  2. Con testa no | Distanti saluti – 17 January 2008, 21:53 (n° 2)

    […] confuso dal mio ondivago pensiero sui recenti fatti alla Sapienza, eccone la summa: peggio dei contestatori del papa alla Sapienza, ci sono solo i contestatori dei contestatori del papa alla […]

  3. Giocare a destra | Distanti saluti – 21 January 2008, 09:06 (n° 3)

    […] Sempre sul papa alla Sapienza, Carlo segnala questo ben argomentato post di bioetiche, che però – mi permetto di dire – non c’entra precisamente la porta. […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti