A bagnarsi ancora un po’

18 September 2006, 9:42 | Èbbene l'ho scritto, Gruppo misto | Commenti: 0

Alice

E rimane lì a bagnarsi ancora un po’

Poteva essere una ballerina, poteva essere la ballerina, poteva essere ballerino. E invece no, invece ballerina e basta. Che poi uno (!) ci potrebbe anche mettere la maiuscola, sulla ballerina, anzi su Ballerina.
E finquì.
Poi Pavese è perduto, non s’è perduto. Perduto nella e dalla pioggia.
E rimane lì.
Rimane lì perché dài-ancora-un-po’, dài Cesare che tra un po’ arriva. Sarà in ritardo: la fedeltà aspetta!
Ora vado via, no, ancora un po’. Quando l’orologio fa altri sei giri me ne vado, e quando saranno arrivati i giri, aspetterò il prossimo tram che passa, anzi quello dopo ché questo è troppo presto.
Che disperazione. Disperazione di (e da) rimanere lì a gocciolare. Non ad aspettare ormai: a bagnarsi ancora un po’.

link originale

– Commenti:



Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti