Algoritmo, e motore di ricerca

20 May 2010, 19:53 | immagina tu | Commenti: 10


Grazie a Valerio

– Commenti:



10 Commenti presenti su “Algoritmo, e motore di ricerca” – Feed

  1. Anon – 20 May 2010, 20:25 (n° 1)

    Ahah :D

    Rispondi  |  Cita
  2. fabio – 20 May 2010, 22:30 (n° 2)

    mah, vivendo lontano mi e’ arrivato l’eco della risata e francamente non la capisco.
    Ma da quando gli italiani si possono ergere a maestri di pronuncia dell’inglese? Ho visto post su facebook da parte di gente che non sa dire ‘hello’.
    Peraltro io ho sentito anche la pronuncia ‘googles’, con la o e anche se tutti lo pronunciano (correttamente ma anche chissene) allo stesso modo, credo che ci siano cose piu’ importanti da additargli.

    Rispondi  |  Cita
  3. Valentina – 21 May 2010, 01:31 (n° 3)

    Non è tanto il gogol quanto l’atteggiarsi ad esperto di internet quando non lo è. Il problema non è la pronuncia inglese, il problema sta nell’ignoranza che si manifesta nel non sapere pronunciare una parola ormai così comune.
    Il gogol è solo la punta del’iceberg

    Rispondi  |  Cita
  4. franco rivera – 21 May 2010, 13:47 (n° 4)

    ok ok
    ma si può comunque sorridere no?
    s se scappa una risata, ben venga

    una risata non ha mai fatto male a nessuno, indignarsi per una risata invece si :)

    Rispondi  |  Cita
  5. fabio – 21 May 2010, 17:49 (n° 5)

    @ Valentina. non mi pare proprio che da quel breve intervento si sia proclamato esperto di internet. E quello e’ il compito dei politici: dare indicazioni, direzioni, messaggi. Non essere esperti. Quanti ce ne sono di ministri che non sanno di cosa devono occuparsi, loro devono solo dare impulsi e decisioni, gli esperti ricevono gli incarichi.
    E poi ripeto, gogle non e’ una pronuncia scandalosa, per nulla.
    Scandali sono altri

    @ franco, io ho espresso un’opinione. non sono per nulla indignato, anzi. Non me ne frega proprio.

    E comunque non si pensi che io sono berlusconiano, vade retro.

    Rispondi  |  Cita
  6. Valentina – 21 May 2010, 19:43 (n° 6)

    @ Fabio
    Qualcosa mi aveva fatto intuire che tu non fossi berlusconiano…
    Non ho espresso bene il mio pensiero e se hai sentito rabbia nella mia risposta non era indirizzata a te assolutamente. Concordo che Berlusconi ha fatto cose più gravi che dire gogol o “addiritura” avere un’amante diciassettenne (anche se il mio intuito mi dice che tra i due non c’è stato nulla) per cui avremmo dovuto indignarci di più

    Nel video non ha detto di essere esperto però è un po’ l’atteggiamento che assume quando parla con Mubarak delle tecnologie e del resto, come uno che sa di cosa sta parlando. Io credo che anche se il discorso glielo fanno gli esperti sarebbe il caso di fare qualche domandina se non capisce qualcosa…

    Rispondi  |  Cita
  7. Bruce – 21 May 2010, 22:39 (n° 7)

    @ Valentina. non mi pare proprio che da quel breve intervento si sia proclamato esperto di internet. E quello e’ il compito dei politici: dare indicazioni, direzioni, messaggi. Non essere esperti. Quanti ce ne sono di ministri che non sanno di cosa devono occuparsi, loro devono solo dare impulsi e decisioni, gli esperti ricevono gli incarichi.
    E poi ripeto, gogle non e’ una pronuncia scandalosa, per nulla.
    Scandali sono altri

    @ franco, io ho espresso un’opinione. non sono per nulla indignato, anzi. Non me ne frega proprio.

    E comunque non si pensi che io sono berlusconiano, vade retro.

    Rispondi  |  Cita
  8. Giovanni Fontana – 22 May 2010, 08:32 (n° 8)

    Fabio, io penso che il pericolo del benaltrismo esista, e capisco anche le tue perplessità – da non berlusconiano – sull’ossessione di certi antiberlusconiani.

    Però, almeno a me, fa ridere.

    Rispondi  |  Cita
  9. Valentina – 24 May 2010, 04:36 (n° 9)

    @ Bruce:

    ?

    Rispondi  |  Cita
  10. Bau – 29 June 2012, 16:05 (n° 10)

    Certo a me per fare esempio mi fa sorridere quando Benigni parla di Berlusconi in modo molto ….molto vago
    Rinnovarsi nella comicità nella musica nel calcio nel lavoro non è semplice.Non credo che non ci si voglia provare.
    Ho parlato proprio oggi con una persona in difficoltà.Ci sono persone che dicono dia aiutare questa gente e poi si fermano al primo aiuto.Chi ha i soldi pretenderebbe di insegnare a certe persone criticandoli(come se non avessero già difficoltà)a vivere invece di aiutare in modo concreto e da vicino con lavoro retibuito(non credo si sia chiesto la luna)continuativo….altrimenti poi si prendono le fanose cattive strade(in modo assolutamente involontario)di cui tanto si parla tra i ragazzi che frequentano le parrocchie e che poi quando per strada incontrano un extracomunitario o una persona che non veste in giacca e cravatta neanche lo vedono.Queste persone spero non facciano schifo esclusivamente a me

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti