Altre segnalazioni

5 January 2009, 12:06 | link und recht, Medio orientato | Commenti: 0

Un lettore mi segnala la lunga lettera di un rabbino, Michael Lerner, che elenca una dozzina di punti che potrebbero portare alla pace in mediooriente. È talmente vero, che ognuno che ne leggevo pensavo: sì, giusto, ma non succederà mai. Uno per uno, la stessa identica reazione. Se volete sapere come si potrebbe raggiungere la pace, ma non succederà mai, leggetela.

Israel’s attempt to wipe out Hamas is understandable, but dumb.

Da Malvino, invece, scopro alcune considerazioni di Gianni Pardo che mi hanno fatto riflettere. Per quanto trascurino le responsabilità israeliane nella faccenda, hanno fatto vacillare quella che è una mia convinzione da tempo, ovvero che Arafat fosse il peggior nemico delle persone palestinesi (ma amico del popolopalestinese):

Se non si vuole essere pessimisti senza speranza, rimane lecito sperare che le ferite inferte ad Hamas siano tali da indurre a più miti consigli la dirigenza di questa gang: dopo tutto, è ciò che è avvenuto nel Libano meridionale, con Hezbollah. Ma questa vicenda fa venire in mente una terribile battuta di Voltaire: “Non è vero che tutti gli uomini agiscono per egoismo. Se fosse vero, ci sarebbe modo di mettersi d’accordo”. I fanatici non sono sensibili all’egoismo e non ascoltano nemmeno l’istinto di conservazione.
Si è quasi tentati di rimpiangere Yassir Arafat che era corrotto, sì, ma egoista e amante della vita.

Lo stesso sull’amore per la causa più che per la vita – talvolta schietto amore per la morte – di Hamas, il sempre un pensiero più avanti Adriano Sofri.

I carri armati dovranno decidere che cosa fare quando si troveranno davanti una folla di bambini. Poi, comunque vada, dovranno chiedersi ancora una volta come tornare indietro.

– Commenti:



Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti