Amstel Gold Race

21 April 2008, 2:07 | Bellezza in biciclette | Commenti: 1

Damiano cunego Amstel gold raceOggi ha vinto Cunego, confermando di essere un corridore da classiche. Dopo la Sanremo vinta da Cancellara, Il Fiandre a Devolder, e la Roubaix a Boonen, arriva la prima vittoria italiana in una delle classiche principe. Al di là della ridicola compilazione del calendario pro-tour (no, non vi sbagliate: mancano il Tùr e la Rubé, cioè il massimo, per dirne due) di quest’anno, è la corsa che conta meno fra queste.

Mettiamo un po’ d’ordine per i non addetti: prima dell’inizio dei Grandi Giri le classiche vanno a colpi di tre. Si inizia con la Parigi-Nizza (vale 7,25) e la Tirreno-Adriatica (vale 7), che in realtà non sono classiche ma brevi corse in linea: però sono utilizzate da tutti per preparare la Milano-Sanremo (in linea, vale 9). Poi ci si sposta al nord, anche qui due terzetti fra Francia, Belgio e Olanda, che sembra uno spazio enorme, e invece è un fazzoletto di terra per sei corse importantissime. Prima sul pavé, Giro delle Fiandre (vale 9,5) e a una settimana la Parigi-Roubaix (vale 10). In mezzo la Gand/Gent-Wevelgem (se sbagliate sempre la v e la w, non siete gli unici. Vale 6,75) che è una piccola Rubé. Quella settimana, da quelle parti, è chiamata la Settimana Santa, vedete un po’ voi. Poi ci si toglie da quelle stradine sterrate, e si va in alto: troppo spesso in alto. Tre classiche ondulatissime che sono storicamente – e anche ultimamente – amate dagli italiani. Si inizia con l’Amstel Gold Race (vale 7,75). E qui siamo. Dopo una settimana c’è la Liegi-Bastogne-Liegi (9,5). In mezzo la Freccia Vallone (vale 8,25): quest’ultimo voto potrebbe essere disputato, ed è dovuto a una mio amore per il Muro di Huy, irta erta finale. Ultimamente questioni diplomatiche ed economiche dànno l’Amstel in crescita e la Freccia in calo.
Il resto è preparazione ai grandi giri, Giro d’Italia (vale 8), poi Tour de France (vale 10) e Vuelta a España (vale 7,75). Ci sono poi il Mondiale (fuori categoria, per tante ragioni alcune delle quali spiegate qui da Marco Beccaria – da sempre negli scritti altrui), e il Giro di Lombardia (voto 8,5). Ce ne sono tante altre, ovviamente, ma meno importanti.

Insomma se dovete rammaricarvi di esservi persi tre corse, i nomi sono questi:

Se invece non volete rammaricarvi la prossima volta, la prima occasione che avete è domenica – c’è:

Se poi, volete proprio dare retta ai miei capricci, mercoledì pomeriggio tutti davanti alla tivvù, non solo perché dietro non si vede nulla ma anche perché intorno alle 5 si arriva (chi ci riesce) su uno dei più bei muri dell’intero parnorama ciclistico – visto che c’è:

Buona visione, o come direbbe Galliani: «buon lavoro».

P.s. i voti che ho dato alle corse sono puramente indicativi, e sono un misto di blasone/storia/soldicheggirano/mie opinioni. Ah, ovviamente non si possono paragonare i voti delle corse in linea con quelli delle grandi corse a tappe: queste ultime sono, comunque, 21 giorni di corsa.

– Commenti:



Un commento presente su “Amstel Gold Race” – Feed

  1. Feist | Distanti saluti – 27 April 2008, 13:09 (n° 1)

    […] partita fondamentale per la Champion’s League, c’è il ballottaggio a Roma, e… ovviamente la Liegi Bastogne […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti