C’hanno messo sessant’anni ma ci sono arrivati

28 April 2009, 17:36 | Alta politica | Commenti: 1

Secondo me, ma io ne capisco sempre poco di questi meccanismi perversi, rinominare il 25 aprile “Festa della Libertà” sarebbe – invece – un clamoroso autogol per i nostalgici del fascismo.

– Commenti:



Un commento presente su “C’hanno messo sessant’anni ma ci sono arrivati” – Feed

  1. angia – 29 April 2009, 21:18 (n° 1)

    A me pare che Berlusconi voglia apporre il suo “marchio di fabbrica” su tutto (casa delle libertà, partito delle libertà, a quando la tivù delle libertà e la scuola delle libertà?). Ma che senso ha chiamare in altro modo l’anniversario della Liberazione? Cambierà anche i nomi dei mesi, come Napoleone?
    Berlusconi non è un dittatore, ma un po’ megalomane lo è..e a noi ci toccherà fare solo una cosa, liberarci da questo modo di fare politica, per slogan e formulette magiche.
    Votate per i radicali!
    Scusa se uso il tuo blog per scopi benefici. :-)

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti