Catania

21 August 2009, 13:32 | immagina tu | Commenti: 28

2

1

– Commenti:



28 Commenti presenti su “Catania” – Feed

  1. angia – 21 August 2009, 14:44 (n° 1)

    @ Fra Alberto:
    che cos’è l’indulgenza?
    200 giorni d’indulgenza sarebbero 200 giorni in meno da trascorrere all’inferno?
    :-)

  2. angia – 21 August 2009, 14:49 (n° 2)

    Ah, no, era il Purgatorio.
    Ma ridurre tutto ciò che fa parte del mondo ultraterreno a terreno (il tempo fa parte solo di questo mondo, no?), non è un po’ da imbecilli?
    E crederci, anche?

  3. fra Alberto – 21 August 2009, 16:25 (n° 3)

    @ angia:
    angia scrive::

    Ah, no, era il Purgatorio.
    Ma ridurre tutto ciò che fa parte del mondo ultraterreno a terreno (il tempo fa parte solo di questo mondo, no?), non è un po’ da imbecilli?
    E crederci, anche?

    sono indulgenze parziali, in effetti, senza entrare in giudizio, il problema del tempo nell’eternità è serio…

  4. angia – 21 August 2009, 16:37 (n° 4)

    fra Alberto scrive::

    il problema del tempo nell’eternità è serio…

    C’è qualcuno che l’ha risolto?

  5. fra Alberto – 21 August 2009, 17:47 (n° 5)

    @ angia:
    beh, modestamente io! ahahahahahah
    Per l’indulgenza devo rimandare a domani la spiegazione ora devo scappare

  6. angia – 21 August 2009, 19:48 (n° 6)

    fra Alberto scrive::

    beh, modestamente io! ahahahahahah

    …………………..
    megalomane.

  7. farfintadiesseresani – 22 August 2009, 16:10 (n° 7)

    Anch’io ho un’ipotesi. Che si sappia.

  8. tenkiu – 22 August 2009, 16:15 (n° 8)

    Lì non si gioca il superenalotto

  9. tenkiu – 22 August 2009, 16:25 (n° 9)

    …non si gioca proprio

  10. angia – 22 August 2009, 17:42 (n° 10)

    farfintadiesseresani scrive::

    Anch’io ho un’ipotesi. Che si sappia.

    …..caspita, questo è un blog di cervelloni!
    Einstein vi fa un baffo….
    :-)

  11. Gabriele – 23 August 2009, 02:42 (n° 11)

    tenkiu scrive::

    …non si gioca proprio

    naaa, secondo me si gioca

  12. Fra Alberto – 23 August 2009, 09:39 (n° 12)

    @ Gabriele:
    Giocatevi i numeri, c’è il cardinale e il 200!

    @ angia:
    L’indulgenza può essere di 2 tipi:
    a) Parziale (n. giorni)
    b) Plenaria

    E’ la vexata questio della scomunica di Lutero (ahahahhah!) a parte questo oggi ha solo un valore spirituale.
    Tutto inizio per facilitare il lavoro dei Confessori. Ad ogni peccato veniva “comminata una pena” (linguaggio giuridico che neanche a me piace, ma la storia…) ovvero una penitenza. Hai tradito la moglie? 20 gg di digiuno! Hai rubato 300 denari, devi restituire il maltolto 20 frustate (se le davano da soli) e 10 gg di digiuno. Per fartela breve (lez. di storia della morale a gratis!) tutte queste pene vennero raccolte in un “Tariffario” (che bello anche il linguaggio commerciale!) dove ad ogni peccato corrispondeva una penitenza standard.

    Ora cos’è successo? Che ad esempio per gli omicidi dovevi fare a piedi il pellegrinaggio a Roma o a Gerusalemme o Santiago!!! Se lo facevi remissione di tutte le pene (da qui derivarono gli abusi perchè si commutava il pellegrinaggio con una cifra in denaro…)

    Questa è la storia, oggi è cambiato molto ed è solo sul piano spirituale:
    Se vuoi ricevere un perdono totale devi fare un pellegrinaggio in un luogo indulgenziato (ad es. tombe dei papi o anche Loreto o Assisi) recitare il Padre Nostro, il Credo Apostolico e una preghiera per le intenzioni del papa. Partecipare all’eucaristia e confessarti entro gli 8 gg. Con una clausula però che abbandoni ogni “affezione al peccato” (questa è la cosa veramente difficile, altro che pellegrinaggio!!!!)

    Il tutto si fonda sul passaggio del Vangelo di Matteo cap. 16:

    E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. 19A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”.

    spero di essere stato esauriente

  13. me stesso medesimo – 23 August 2009, 09:43 (n° 13)

    Fra Alberto scrive::

    Se vuoi ricevere un perdono totale devi fare un pellegrinaggio in un luogo indulgenziato (ad es. tombe dei papi

    Mi stai dicendo che se avessi pagato i 6 € di ingresso ai sepolcri dei papai in San Pietro avrei avuto l’indulgenza? Mannaggia un’occasione sprecata…sarà per un’altra vita.

  14. Fra Alberto – 23 August 2009, 09:46 (n° 14)

    @ me stesso medesimo:

    sapevo che era agratis…

  15. angia – 23 August 2009, 09:56 (n° 15)

    Fra Alberto scrive::

    Con una clausula però che abbandoni ogni “affezione al peccato” (questa è la cosa veramente difficile, altro che pellegrinaggio!!!!)

    Si, poi magari uno può dire “io ho abbandonato ogni affezione al peccato, ma è il peccato che non ha abbandonato ogni affezione a me!”
    ahahahahahahahahahahah!!!!

  16. me stesso medesimo – 23 August 2009, 10:32 (n° 16)

    @ Fra Alberto:

    No no 6 € per le tombe…praticamente un’indulgenza in saldo.

  17. Fra Alberto – 23 August 2009, 12:43 (n° 17)

    @ angia:
    ahahhahahahhahhahahahhahahhahahahahhahahahahahhahahahahahhhahahhahahahahahhahahahhahahahahahahahahahhahaha

  18. Fra Alberto – 23 August 2009, 12:54 (n° 18)

    @ me stesso medesimo:
    sul sito dei musei trovo i biglietti http://mv.vatican.va/2_IT/pages/MV_Home.html
    mentre delle tombe non trovo…

  19. me stesso medesimo – 23 August 2009, 13:45 (n° 19)

    @ Fra Alberto:

    Neanch’io trovo, ma ricordo distintamente il cartello. Sono stato a Roma solo qualche mese fa.

  20. chiara – 23 August 2009, 17:25 (n° 20)

    @ me stesso medesimo:
    Si vede che Josef c’ha fame ultimamente, perché le grotte vaticane sono sempre state gratis. Forse hai letto il cartello della necropoli dove sta la tomba di Pietro (ma quella si pagano 40 euro e tocca mettersi i lista come nei locali cool), comunque a ci sono tombe di Papi a buon mercato un po’ ovunque in Italia, per redimersi low cost.

  21. chiara – 23 August 2009, 17:53 (n° 21)

    uff:
    ma PER quella

  22. Fra Alberto – 23 August 2009, 19:58 (n° 22)

    @ chiara:
    chiara scrive::

    uff:
    ma PER quella

    ???

  23. Fra Alberto – 23 August 2009, 20:02 (n° 23)

    @ me stesso medesimo:
    Dei miei amici ci sono stati l’altro ieri, volendo ci potrei andare io, ma mi perdo la mattinata, quindi telefono!

    Ha ragione Chiara forse stai parlando della Necropoli e prima di andare in Germania la vorrei visitare come anche i Musei Vaticani di notte!!! Ogni settimana c’è una visita
    ;-)
    PS
    Fra un po’ di tempo ho il materiale per scrivere un libro: Il catechismo per agnostici, atei e non credenti in genere (cmq nn è originale l’idea, ma voi siiiiiiiiii!)

  24. angia – 23 August 2009, 20:25 (n° 24)

    Fra Alberto scrive::

    Fra un po’ di tempo ho il materiale per scrivere un libro: Il catechismo per agnostici, atei e non credenti in genere (cmq nn è originale l’idea, ma voi siiiiiiiiii!)

    E i diritti d’autore ce li darai?
    :-)

  25. Giovanni Fontana – 24 August 2009, 09:08 (n° 25)

    Fra Alberto scrive::

    un libro: Il catechismo per agnostici, atei e non credenti in genere

    Non mi sembra che stia funzionando proprio, proprio bene.

  26. tenkiu – 24 August 2009, 10:39 (n° 26)

    Giovanni Fontana scrive::

    Fra Alberto scrive::
    un libro: Il catechismo per agnostici, atei e non credenti in genere
    Non mi sembra che stia funzionando proprio, proprio bene.

    Non ti preoccupare, aspetta che esca il libro poi ne parliamo!

  27. tenkiu – 24 August 2009, 10:47 (n° 27)

    @ Giovanni Fontana:
    anche tu dovresti avere un bel po’ di materiale per scrivere un libro dal titolo:
    “In risposta al catechismo per agnostici, atei e non credenti in genere di fra Alberto”
    Cosa ne pensi? :-)

  28. Fra Alberto – 24 August 2009, 14:14 (n° 28)

    @ Giovanni Fontana:

    Ma si, mica funziona se vi convertite, “basta che capiate” per il resto lo sa Dio! ;-)

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti