Weinstein e noi

Dare per scontato che sia impossibile, che non esiste comportamento virtuoso, che di fronte alle ingiustizie siamo tutti uguali, è la cosa più conservatrice che c’è

Parliamo di utero in affitto

Qualche dubbio di uno che pensava di non avere alcuna contrarietà alla maternità surrogata

La condivisione, l’amicizia vera

Se si è veramente amici, bisogna condividere molte più cose di ciò che si fa ora: in pratica, tutta la vita

Le Iene e l’Addetto al Tormento

Striscia la Notizia, le Iene, ora anche tutti i talk show politici hanno questo tizio, l’Addetto al Tormento, che è tutto fuorché un giornalista

Sei al sicuro

La cosa più commovente di questa volantino appeso alla stazione di Vienna non è il titolo, “benvenuto/i”, in grande; né la solidale laboriosità che traspare dall’elenco, quasi burocratiche, delle necessità alle quali l’amministrazione può rispondere. Non è né quel “per favore, non esitate a fare domande”; né la traduzione, fra parentesi, in simple English di una parola (“interprete”) che potrebbe risultare difficile.

Perché ce l’avete così coi vegetariani?

Io non sono vegetariano, ma non passo il tempo a irridere chi, per altruismo, fa una scelta che a me non può far male

What’s App e il sindacato dei bugiardi

Chi contesta la spunta blu, difende le bugie.

Perché sono molestie anche quelle che non sono molestie

Nell’avvilente discussione sugli apprezzamenti per strada, ci sono due cose importanti: 1) che in un mondo migliore non ci sarebbe nulla di male; 2) che non siamo in un mondo migliore

Provare a convincere l’uomo medio che non bisogna accusare di malafede

Una cosa non divertente che non farò mai più: ho passato il pomeriggio a cercare di convincere una persona che non conosco che accusare gli altri di malafede sia sbagliato

Una cosa piccola su Dzemaili (e noi)

Ogni volta che qualcuno dirà la sciocchezza che “o la va o la spacca” penserò al povero Dzemaili, che non sapeva di avere una seconda possibilità, e non ne avrà una terza.

Ancora, prima »