Come metterli d’accordo

6 April 2011, 3:04 | Il Male curabile, immagina tu | Commenti: 13


(il più bel video a proposito di quello che dice lui è questo)

Condividi – Commenti:

13 Commenti presenti su “Come metterli d’accordo” – Feed

  1. alecade91 – 6 April 2011, 09:11 (n° 1)

    No religion? Russia comunista!!..mi hanno detto che ha.funzionato…..

  2. Max – 6 April 2011, 13:43 (n° 2)

    alecade91 scrive::

    No religion? Russia comunista!!..mi hanno detto che ha.funzionato…..

    imagine if we were to grow out of religion, that is. any top down totalitarian decision is bound to fail…that’s all you can conclude from the Russia history.

  3. Angelo – 8 April 2011, 11:24 (n° 3)

    immagino una vita senza senso

  4. tenkiu – 8 April 2011, 13:40 (n° 4)

    Angelo scrive::

    immagino una vita senza senso

    Beh, c’è senso e senso…
    C’è chi ha come unico scopo nella vita combattere qualsiasi tipo di religione facendone una… religione! :-)

  5. tenkiu – 8 April 2011, 13:49 (n° 5)
  6. Max – 8 April 2011, 15:02 (n° 6)

    if you are a student of nature you quickly realize that biologicval life per se has no meaning, except for its own replication. but we are self-conscient beings and we create our own meanings and ask questions.

    on the other hand, it is well established that just because you can ask questions it does not make them likely or meaningful…

    if among your mental “creations” there is some tall tale about a father in the sky and its magic tricks, that’s OK, as long as you understand that it’s just a make-you-feel-good tale among many other tales we have been creating for the past 200 thousand years and you don’t try to make someone else life to adhere to your nonsense.

    ….but, alas, that is not what Believers in tall tales end up doing….just look around!

  7. ormazad – 8 April 2011, 17:08 (n° 7)

    Sono abbastanza d’ accordo con Max , spero di non interpretarlo male dicendo che pare che il religioso sia connaturato all’ essere umano come avere due braccia e due gambe .
    Se è così i’m sorry but there always be a religion .

  8. Giovanni Fontana – 8 April 2011, 17:11 (n° 8)

    ormazad scrive::

    il religioso sia connaturato

    Anche la schiavitù, la stregoneria, lo stupro.

    La prima l’abbiamo fatta fuori, la seconda quasi, e la terza la combattiamo.

  9. Max – 8 April 2011, 18:24 (n° 9)

    ah no, no….io implicavo che la tendenza a cercare significato e la causa di eventi ha portato la nostra specie a cercare spiegazioni fantastiche, ma non esprimo un giudizio pessimista sul trend futuro. il mio dare una spiegazioni dell’origine naturale di un qualcosa non implica che non sia possibile sbarazzarsene….anche la sifilide ha una origine naturale….

    cosi come mio figlio ora crede che la sua automobilina di metallo abbia fame o freddo e sia viva, ed un giorno capira che cosi non e’, un certo punto della nostra evoluzione culturale abbiamo capito in generale che oggetti inanimati sono appunto tali e che gli eventi naturali hanno spiegazioni meccanicistiche. o perlomeno, una parte dei membri della nostra specie hanno superato quella fase infantile con successo…il che indica che ci sia speranza per gli altri …

    ie se la religione vive a progredisce infiltrandosi in spazi di ignoranza (letteralmente), la progressiva restrizione di tali spazi implica una restrizione dei territori fertili dove spiegazioni fantastiche attecchiscono.

  10. Ormazad – 8 April 2011, 19:43 (n° 10)

    Allora mi scuso , interpretavo me stesso :-)))
    Credo che

    we are self-conscient beings and we create our own meanings

    Che poi alcuni lo chiamino dio e tal’altro lo chiami utilitarismo è abbastanza indifferente .

    Giovanni Fontana scrive::

    Anche la schiavitù, la stregoneria, lo stupro.
    La prima l’abbiamo fatta fuori, la seconda quasi, e la terza la combattiamo.

    Sono stato avvelenato da Leopardi , non credo alle magnifiche sorti e progressive.

  11. Giovanni Fontana – 8 April 2011, 20:01 (n° 11)

    Ormazad scrive::

    Che poi alcuni lo chiamino dio e tal’altro lo chiami utilitarismo è abbastanza indifferente

    Per te, magari, non per quelli che lo subiscono.

    Ormazad scrive::

    Sono stato avvelenato da Leopardi , non credo alle magnifiche sorti e progressive.

    Non c’è mica bisogno di credere che – inevitabilmente – le cose miglioreranno, per pensare che ci siano cose che vadano migliorate.
    Anzi, semmai è proprio il contrario: se pensi che niente è inevitabilmente destinato al meglio – ma che c’è un meglio e un peggio, tipo non morire di fame – l’impegno per ottenerlo diventa ancora più rilevante.

  12. Lorenzo Panichi – 8 April 2011, 22:00 (n° 12)

    Giovanni Fontana scrive::

    Ormazad scrive::
    Che poi alcuni lo chiamino dio e tal’altro lo chiami utilitarismo è abbastanza indifferente
    Per te, magari, non per quelli che lo subiscono.

    e allora continuiamo ad ammaestrarlo, facciamogli dire la cosa giusta , con le -come dicevi- baionette dove necessario

  13. tenkiu – 9 April 2011, 22:29 (n° 13)

    Giovanni Fontana scrive::

    ormazad scrive::
    il religioso sia connaturato
    Anche la schiavitù, la stregoneria, lo stupro.
    La prima l’abbiamo fatta fuori, la seconda quasi, e la terza la combattiamo.

    “L’abbiamo”?!!!!!
    Mi dispiace ma
    - la prima NON E’ ancora “fatta fuori”,
    - la seconda NEMMENO,
    - la terza SI STA (non la state) combattendo…

    La religiosità è connaturata… mi dispiace!
    Perchè mai sarà connaturata?
    Questo discorso non vale per le scimmie o per i rinoceronti, ecc.
    Immagino che “la stiate” combattendo ma con… insuccesso!
    Si, perchè nonostante “VOI” sono in aumento – seppur in sordina – le conversioni, soprattutto al cattolicesimo – o meglio – a Cristo!
    A Cristo che – è una PERSONA – non un qualcosa di astratto!
    Vi sfido a chiamarlo “utilitarimo”!

    Ma poi, chi siete “voi”?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




È piaciuto: a