Cronaca di un pomeriggio milanese su Friendfeed

30 May 2011, 17:37 | Alta politica, link und recht | Commenti: 1

2 su 5

Alcune cose che ho scritto:

– Instant poll, intention poll. Tutti a consigliare cautela. Macché, io consiglio euforia! È fatta! È vinta! Almeno, nel caso, ci saremo goduti due ore felici, in questa vita di depressioni seriali.

– A giudicare dai risultati, se Gigi D’Alessio avesse suonato anche a Milano, Pisapia avrebbe preso il 65%.

– Milano, Napoli, Trieste, Cagliari, Grosseto, Novara. A Pavia il candidato del centrodestra è avanti di 78 voti: dobbiamo tifargli contro!

– È il caso di dirlo: SUCATE!

– Il sito di Libero non funziona per overload, quello della Padania uguale. Siamo così amabilmente sadici.

– Prego!

Grazie.jpg

– Arcore

arcore.png

E alcune che hanno scritto gli altri:

vic
– quei giorni in cui brigitte bardot e charlie brown vanno a braccetto

Francesco Costa
– Lavorare sodo http://yfrog.com/hsjsgdzj

Lavorare sodo http://yfrog.com/hsjsgdzj

Luca Sofri
– RT @danycapp60: dai è tutto un trucco di #Pisapia – i milanesi in piazza Duomo e lui a svaligiare case – già rubate 28.000 auto – canne gratis in Centrale

dario
– pacatamente.

keep-calm.gif

Federico D’Ambrosio
– Se faccio la spesa ora mi fanno pagare o è già tutto libero?

Filippo Costa Buranelli
– Milano Napoli Torino Bologna Cagliari Trieste e Grosseto a parte, è stato un pareggio.

jAsOn
– “Papà mi porti in quella piazza dove ci sono gli arcobaleni arancioni?”

Leonardo
– Eppure era ovvio: Mike Bongiorno, Raimondo Vianello e Sandra Mondaini erano gli unici veri coordinatori del PdL. Morti loro, crolla tutto.

– Commenti:



Un commento presente su “Cronaca di un pomeriggio milanese su Friendfeed” – Feed

  1. Tooby – 30 May 2011, 20:11 (n° 1)

    >nel caso, ci saremo goduti due ore felici, in questa vita di depressioni seriali.

    Tu non te la ricordi la terribile delusione nel 2008 (avanti negli EP, poi…)?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti