Cronaca di un pomeriggio milanese su Friendfeed

30 May 2011, 17:37 | Alta politica, link und recht | Commenti: 1

2 su 5

Alcune cose che ho scritto:

– Instant poll, intention poll. Tutti a consigliare cautela. Macché, io consiglio euforia! È fatta! È vinta! Almeno, nel caso, ci saremo goduti due ore felici, in questa vita di depressioni seriali.

– A giudicare dai risultati, se Gigi D’Alessio avesse suonato anche a Milano, Pisapia avrebbe preso il 65%.

– Milano, Napoli, Trieste, Cagliari, Grosseto, Novara. A Pavia il candidato del centrodestra è avanti di 78 voti: dobbiamo tifargli contro!

– È il caso di dirlo: SUCATE!

– Il sito di Libero non funziona per overload, quello della Padania uguale. Siamo così amabilmente sadici.

– Prego!

Grazie.jpg

– Arcore

arcore.png

E alcune che hanno scritto gli altri:

vic
– quei giorni in cui brigitte bardot e charlie brown vanno a braccetto

Francesco Costa
– Lavorare sodo http://yfrog.com/hsjsgdzj

Lavorare sodo http://yfrog.com/hsjsgdzj

Luca Sofri
– RT @danycapp60: dai è tutto un trucco di #Pisapia – i milanesi in piazza Duomo e lui a svaligiare case – già rubate 28.000 auto – canne gratis in Centrale

dario
– pacatamente.

keep-calm.gif

Federico D’Ambrosio
– Se faccio la spesa ora mi fanno pagare o è già tutto libero?

Filippo Costa Buranelli
– Milano Napoli Torino Bologna Cagliari Trieste e Grosseto a parte, è stato un pareggio.

jAsOn
– “Papà mi porti in quella piazza dove ci sono gli arcobaleni arancioni?”

Leonardo
– Eppure era ovvio: Mike Bongiorno, Raimondo Vianello e Sandra Mondaini erano gli unici veri coordinatori del PdL. Morti loro, crolla tutto.

– Commenti:



Un commento presente su “Cronaca di un pomeriggio milanese su Friendfeed” – Feed

  1. Tooby – 30 May 2011, 20:11 (n° 1)

    >nel caso, ci saremo goduti due ore felici, in questa vita di depressioni seriali.

    Tu non te la ricordi la terribile delusione nel 2008 (avanti negli EP, poi…)?

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti