Domenica 17 agosto / sera

17 August 2008, 21:45 | Diario dalla Palestina | Commenti: 3

The fool on the French Hill – Diario dalla Palestina 39

Qui devono avermi preso per uno davvero strano. Uno dal quale puoi aspettarti di tutto e talmente fuori dagli schemi da possedere un’imprevedibilità pressoché assoluta.

Perché tanta premessa? Ecco.

Yusef è un ragazzo a cui insegno italiano, ha 11 anni (è il più giovane della “classe”), lo farebbe a scuola – in teoria – ma non sapeva neanche l’alfabeto. Sarà perché è abituato a lezioni molto austere e insegnanti inchiodati nel proprio spazio, ma da quando ha visto che a lezione chiedo agli studenti di urlare – più forte che possono – alcune parole (la timidezza è il peggior nemico nell’imparare una lingua), da me si aspetta di tutto.

Dunque, sono arrivato a casa e gli ho lasciato la bici: lui fa sempre qualche giro nel quartiere e poi me la riporta. Nel frattempo io stavo stendendo i panni con un aggeggio infermale che ha la fisionomia di uno stendino della NASA, e la stabilità di una tregua fra Hamas e esercito israeliano. Mi affaccio da questa specie di balconata piena di tralicci, ammassi di ferraglie e comuni denuclearizzati dove stendo i panni e lo vedo in bici, mi sbraccio e lo saluto.

Lui è entusiasta di vedermi quissù e mi chiede: «costa stai facendo?», io rinuncio completamente a provare a spiegargli in arabo «stendino», e gli dico che no, non sono in grado di spiegarglielo, ma lui – ancora più curioso – insiste. Allora che faccio? Prendo sto stendino, in cui c’erano solo due vestiti attaccati e penzolanti, uno a una estremità e uno all’altra (metterne due dallo stesso lato significa il decesso dello stendino della NASA), e glielo alzo, per farglielo vedere e fargli capire in quale operazione fossi affaccendato.

Lui, vedendo quell’arnese con i due vestiti ai due lati, mi urla «staaaaannna» (aspeeettta) lascia la bici e si catapulta su da me. È convinto che voglia provare a lanciare il mio nuovo prototipo dal terzo piano per vedere se vola.

– Commenti:



3 Commenti presenti su “Domenica 17 agosto / sera” – Feed

  1. Carlo & Valter – 17 August 2008, 22:08 (n° 1)

    Un saluto “congiunto” da Carlo e Valter … che non si regge perchè sta vedendo da me Milan Juve (Trofeo Berlusconi)con il Milan che vince 3 – 0 al 16° del secondo tempo.
    Un grande abbraccio :-)
    I fratelli “indiani” di Pennarossa.

  2. g – 18 August 2008, 13:22 (n° 2)

    “Qui devono avermi preso per uno davvero strano”. qui nel mondo intendevi?

  3. Parlo con chiunque, di qualunque cosa | Distanti saluti – 5 October 2010, 00:13 (n° 3)

    […] dell’instabilità come concetto filosofico in relazione allo stendino. Potevo raccontar loro questo episodio, e me ne son […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti