Domenica 25 gennaio /sera

25 January 2009, 18:53 | Diario dalla Palestina | Commenti: 3

Confronti – Diario dalla Palestina 147

Le cose che sto per dire sono come quelle che si dicono sui tedeschi, che sono precisi, i francesi antipatici etc. Ovviamente tutti abbiamo esperienza di quanto sia vasto il campo delle eccezioni, ma l’evidenziazione di tratti comuni è un’operazione alla comodità della quale, ogni tanto, è utile ricorrere.

Ognuno – quindi – ne trarrà quello che vuole, forse il rafforzamento dei proprio pregiudizî, tant’è: poche persone sono maleducate come gli israeliani (ebrei), e se gli arabi-israeliani sono una via di mezzo, i palestinesi rientrano molto nel cliché dell’arabo prodigo e sprovveduto.

Ora sicuramente tutti avrete un sacco di esempi di israeliani gentili e palestinesi informati, ma posso garantire una certa larghezza del campione, quindi ridurrò ai termini così: se in Israele chiedi un’indicazione, l’israeliano sa la strada ma non sta a sbattersi per indicartela. Se in Palestina chiedi un’indicazione, l’arabo non sa la strada, ma te la indica lo stesso.

In ogni caso, portatevi una mappa.

– Commenti:



3 Commenti presenti su “Domenica 25 gennaio /sera” – Feed

  1. Sergio – 25 January 2009, 22:33 (n° 1)

    I Brussellesi, le strade, non le sanno proprio!
    Neanche i tassisti..

  2. Rita – 26 January 2009, 08:52 (n° 2)

    Pure i tassisti romani non sanno le strade e, una volta che li hai guidati a destinazione, se ne escono con frasi del tipo: “Io faccio il tassista, mica il calzolaio?” E a te che provi a replicare di avergli indicato direzioni, svolte e sensi unici, alla fine cadono le braccia, paghi e chiedi la ricevuta perché, ‘perlomeno’, ti fai rimborsare la corsa dal datore di lavoro.

  3. V. – 26 January 2009, 14:51 (n° 3)

    te gliela chiedi in inglese i francesi ti spiegano tutta la strada..in francese.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti