Esatto!!!

9 September 2009, 18:46 | Il Male curabile | Commenti: 6

Se l’insegnamento della religione fosse limitato ad un’esposizione delle diverse religioni, in un modo comparativo e neutro, si potrebbe creare confusione o generare relativismo o indifferentismo religioso.

Per una volta sono d’accordo col Vaticano.

– Commenti:



6 Commenti presenti su “Esatto!!!” – Feed

  1. angia – 9 September 2009, 20:54 (n° 1)

    ça va sans dire

  2. restodelmondo – 10 September 2009, 07:52 (n° 2)

    Relativismo, capisco. Indifferentismo (è una parola?), ancora ancora. Ma confusione, data una spiegazione “razionale”, come?

  3. Valentina – 10 September 2009, 11:28 (n° 3)

    Premetto che ero una di quelle che l’ora di religione la seguiva. A livello razionale l’ora di religione intesa come studio di svariate religioni in maniera analitica non mi dispiacerebbe. Anche se forse, porterebbe confusione.

    Sarebbe carino avere un insegnante per ogni tipo di religione e fare in modo che i credenti possano studiare in quell’ora in base alle proprie esigenze.

  4. Lara – 10 September 2009, 14:55 (n° 4)

    L’ora di religione in una scuola statale intesa come indottrinamento è fuori luogo.
    Viviamo in uno stato laico e l’ora di religione se ci deve essere (ed a mio parere sì) dovrebbe essere un mero insegnamento culturale e descrittivo e dovrebbe riguardare la storia di tutte le religioni.
    Un credente può invece studiare, approfondire e vivere la propria fede nel luogo adatto…

  5. alberto – 10 September 2009, 16:18 (n° 5)

    ci vorrebbe l’ora di storia delle religioni oppure “religioni” ma non la religione cattolica solamente , come dice la gelmini che e’ la piu diffusa quindi. .. . .

  6. C’è sempre uno più puro che ti epura | Distanti saluti – 10 January 2011, 19:32 (n° 6)

    […] sono d’accordo col Papa – come lo ero stato qui – sfilare dalle mani dei religiosi il tema del sesso (con l’informazione), è una delle […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti