Guerrilla gardening

14 December 2009, 0:15 | Gruppo misto | Commenti: 2

Dovevo raccontare di tutti gli altri che avevano condiviso con me l‘incontro di Città di Castello. Mica perché dovevo, ma perché hanno fatto proprio cose interessanti. Per primi vi parlo dei guerriglieri.

Guerrilla Gardners

Guerrilla Gardners

Chi sono? Sono della gente che fa cose illegali, intanto. Ma le fa tanto bene che nessuno ha l’ardire di lamentarsene. E ci mancherebbe! Sai che fanno? Avete presente quegli slarghi, quegli spazî grigi, che si trovano in tutte le città perché il comune è negligente o menefreghista? Beh, chi non fa, falla – dicono loro: facciamo. E che fanno? Nottetempo passano di lì, e zac, una cosa così:

Prima

Diventa così:

Dopo

Dopo

Usurpano il suolo pubblico, per renderlo molto più pubblico e godibile. Dove c’è del terriccio o dei rifiuti, arriva una bella aiuola fiorita.
Michele ed Eleonora – sono loro che ho conosciuto – affiatati e rigogliosi, mi hanno raccontato che tutti ne rimangono lietamente stupiti: un signore una volta ha esclamato «è un miracolo!».

Sono dei veri guerriglieri, sul loro sito trovate un sacco di foto dei loro “attacchi” al cemento pubblico per renderlo più verde. Ci tengono a dirlo, che non l’hanno inventato loro: però intanto fanno, e fanno bene. Ci hanno anche scritto un libro.
Poi se ne sono accorti a Repubblica, e a Report, così li potete vedere all’opera.

Post attacco

(mi raccomando, le belle idee vanno copiate)

– Commenti:



2 Commenti presenti su “Guerrilla gardening” – Feed

  1. fra Alberto – 14 December 2009, 17:59 (n° 1)

    Ecco delle attivitá illegali che andrebbero premiate :-)

  2. fabchi – 14 December 2009, 21:53 (n° 2)

    io ho visto personalmente persone prendere i fiori di un’aiuola comunale e portarseli a casa. P.le Brescia a Milano.
    A volte sono i cittadini a non meritarsele, certe cose.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti