Il vecchino milanese del tram

15 August 2010, 12:40 | Ogni me è politico | Commenti: 17

interesse 2 su 5

Oggi dovevo prendere il tram, e ieri avevo finito la scorta di otto biglietti che mi ero comprato per farmeli durare un po’. Però, ferragosto, era tutto chiuso. E allora sono andato alla fermata a chiedere se qualcuno avesse un biglietto ché le tabaccherie sono tutte chiuse. E c’era questo vecchino che mi ha detto «sissì, ce l’ho», e – mentre gli davo l’euro del costo del titolo di viaggio – ha aggiunto, con accento milanese: «sa io ho l’abbonamento, ma c’è sempre qualcuno che ha bisogno di un biglietto, così ne porto sempre dietro tre o quattro».

E a me, questa cosa del vecchino milanese che porta con sé i biglietti per i bisognosi, e in questo traduce la propria buona azione quotidiana, mi ha un po’ commosso.

– Commenti:



17 Commenti presenti su “Il vecchino milanese del tram” – Feed

  1. Giovanna – 15 August 2010, 12:53 (n° 1)

    Mah lo faccio anch’io, lo fanno altri.

    Rispondi  |  Cita
  2. Giovanni Fontana – 15 August 2010, 12:55 (n° 2)

    @ Giovanna:
    Cioè, tu li porti dietro per la gente che non li ha?

    Scopro un lato di te che non conosco.

    Rispondi  |  Cita
  3. Veronica – 15 August 2010, 15:07 (n° 3)

    Meanwhile, in the U.S….

    Sono a New York, dove prendo sempre la metropolitana ma stavolta devo prendere l’autobus in un quartiere periferico di Brooklyn. Salgo, e la mia tessera non contiene credito sufficiente.
    “Posso pagare in contanti?” Chiedo.
    “Sì, ma solo in quarti di dollaro” risponde l’autista, e intanto parte.
    “Ma io non ce li ho adesso 2.75$ in quarti di dollaro, non mi può dare il resto?”
    “No, non posso prendere i tuoi soldi”
    “Allora che faccio, scendo?”
    “Ma no, siediti, che tanto io sono un autista buono”.

    Ora che ci penso dovrei farci un blog post.

    Rispondi  |  Cita
  4. Valentina – 15 August 2010, 15:10 (n° 4)

    M’è scappata la lacrimuccia, le mo immagino sto vecchino dolce dolce….snif!

    Rispondi  |  Cita
  5. Shylock – 15 August 2010, 17:31 (n° 5)

    Cazzo, ma il pezzo lacrimevole a Ferragosto non si faceva sui cani abbandonati? o sugli anziani abbandonati? o sui cani anziani abbandonati?

    Rispondi  |  Cita
  6. franco rivera – 16 August 2010, 11:40 (n° 6)

    Giovanna scrive::

    Mah lo faccio anch’io, lo fanno altri.

    idem

    :)

    Rispondi  |  Cita
  7. Lorenzo Panichi – 16 August 2010, 18:54 (n° 7)

    omino spettacolo, ma ora sono curioso anch’io: Giovanna e franco rivera veramente si portano dietro i biglietti extra? ma in quanti vi chiedono sti benedetti biglietti?

    Rispondi  |  Cita
  8. franco rivera – 17 August 2010, 16:47 (n° 8)

    Lorenzo Panichi scrive::

    omino spettacolo, ma ora sono curioso anch’io: Giovanna e franco rivera veramente si portano dietro i biglietti extra? ma in quanti vi chiedono sti benedetti biglietti?

    sarò sincero

    Io ho cominciato a farlo perchè non ho l’abbonamento tutto l’anno, ma solo nei mesi invernali, se no vado a lavorare in moto o in bicicletta (abito fuori Torino a 15 km dal luogo di lavoro). Quindi nei mesi in cui non ho l’abbonamento se devo spostarmi in città mi servono i biglietti ed è una grossa seccatura trovarsi a cercare una rivendita all’ultimo minuto.
    Una volta cominciato a portarmeli dietro, ogni tanto in effetti capita che qualcuno sia senza biglietto, talvolta è un conoscente che mi accompagna, ma altre volte è un illustre sconosciuto.
    Magari è semplicemente uno che chiede informazioni su dove trovare una rivendita e io glielo vendo sul momento dato che li ho sempre nel portafoglio.
    Non ne ho una scorta infinita, ma di solito ne ho sempre con me più di uno.

    Rispondi  |  Cita
  9. Giovanni Fontana – 17 August 2010, 16:51 (n° 9)

    @ franco rivera:
    Dài, sei anche tu un buon vecchino.

    Rispondi  |  Cita
  10. Anellidifum0 – 23 August 2010, 06:21 (n° 10)

    Non per rovinare la vostra poesia, ma se i tram e i bus italiani avessero:

    a) le macchinette che vendono i biglietti dentro al mezzo;

    oppure

    b) le macchinette che prendono direttamente i dindarelli del biglietto dentro al mezzo sennò non sali;

    le municipalizzate avrebbero bilanci non in rosso, i Comuni potrebbero non alzare le tasse locali, i biglietti costerebbero di meno per tutti e dunque anche gli abbonamenti e, soprattutto, del vecchino buono milanese CE NE POTREMMO TUTTI SBATTERE AL CAZZO! ;-D

    Rispondi  |  Cita
  11. Valentina – 23 August 2010, 10:13 (n° 11)

    @ Anellidifum0:

    Che cinico! Hai ragione sul fatto di fare in modo di poter comprare il biglietto a bordo però credo che anche se tutti pagassero il biglietto le società di trasporti non avrebbero i bilanci in positivo comunque.
    Almeno per quanto riguarda Roma so che una buona fetta dei costi del trasporto pubblico, forse più della metà è coperta da comune, regione e provincia.

    Rispondi  |  Cita
  12. Giovanni Fontana – 23 August 2010, 10:16 (n° 12)

    @ Valentina:
    Beh, Valentina, ma mica è cinico, a parte la battuta finale: dice una cosa giusta.

    Dopodiché se le cose funzionassero meglio quel vecchino non sarebbe meno buono, e sicuramente troverebbe un’altra possibile espressione della propria buona azione quotidiana.

    Rispondi  |  Cita
  13. Valentina – 23 August 2010, 10:24 (n° 13)

    @ Giovanni Fontana:

    Il mio cinico era proprio per la battuta finale…ed era una battuta :)

    (Se vedi bene dopo ho scritto che ha ragione secondo me :) )

    Rispondi  |  Cita
  14. Valentina – 23 August 2010, 10:31 (n° 14)

    @ Giovanni Fontana:
    Ah e secondo me il vecchino continuerebbe a portarsi dietro i biglietti pensando che magari qualcuno non ha gli spicci

    Rispondi  |  Cita
  15. Max – 23 August 2010, 13:11 (n° 15)

    @ Veronica:
    you guys live in the stone-age of mass transit…;-), in Boston we have RF-rechargeable cards and you can pay/recharge on the spot with bills or credit/debit card….

    …quarters….

    Rispondi  |  Cita
  16. Il giovanotto parigino con la sedia | Distanti saluti – 22 December 2010, 13:16 (n° 16)

    […] la saga dei personaggi nei mezzi pubblici nelle città europee: dopo il vecchino milanese del tram, il giovanotto parigino del […]

  17. Ila – 1 March 2011, 22:35 (n° 17)

    Una bella iniziativa di ticket crossing, per regalare ad altri il proprio biglietto non scaduto:

    http://globalproject.info/it/in_movimento/Genova-Protesta-contro-il-caro-bus-Riciclate-il-vostro-biglietto/7581

    Anche a Bologna già lo fanno da anni.
    Non per soldi, ma per generosità.

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti