Il voi fascista

11 January 2008, 18:08 | Alta politica | Commenti: 2

Nella marea di insulti, stavolta necessariamente pregiudiziali, che ne ha colto Alessandro Gilioli, lo ha colpito il ‘voi’ recatogli da molti fan di Grillo. Come se Gilioli fosse responsabile delle azioni di tutta una categoria, come se ogni giovedì sera alle 21.30 si riunisse con la casta di tutti i giornalisti, per decidere la comune azione ai danni dell’informazione corretta.

È una cosa già successa, come in altri casi (a Andrea Romano, uno di sinistra che ha scritto questo!), che notano anche i frequentatori non pregiudiziali di Grillo:

  1. Insulti, insulti, incredibilmente tanti, e poche argomentazioni.
  2. Voi, fascista e indistinto. Chi non la pensa come me, la pensa necessariamente allo stesso modo: ci sono solo due modi di pensare. E La mia opinione è l’unica accettabile.
  3. Corrotti! Chi non la pensa come me, la pensa necessariamente allo stesso modo, e lo fa necessariamente per convenienza. La mia opinione è l’unica onesta.

Ecco, agli insulti non si risponde, al voi si risponde col ‘tu’ (comunista, per Mussolini), ma al “siete pagati dai politici” si risponde con la stessa moneta, ovvero: «voi siete pagati da Beppe Grillo!». Non perché ci si creda, se qualcuno paga è l’esatto opposto, ma perché è l’unica cosa che sbalordisce le squadracce. Le volte che l’ho usata, è stata l’unica argomentazione che ha reso auto-evidente l’inconsistenza dell’accusa: «Ma come puoi dire che ..?», «Così, è talmente semplice: corrotti!».

– Commenti:



2 Commenti presenti su “Il voi fascista” – Feed

  1. A-ha » Il voi fascista – 11 January 2008, 18:44 (n° 1)

    […] Here’s another interesting post I read today by Distanti saluti […]

  2. In coscienza | Distanti saluti – 20 January 2008, 02:04 (n° 2)

    […] molto e ben altro, certo – toglierci queste pigrizie ideologiche. Probabilmente ho sbagliato quando ho detto che delle volte bisogna armarsi della stessa dietrologia, per […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti