imPOSTa come pagina iniziale

19 April 2010, 22:35 | link und recht, Ogni me è politico | Commenti: 8

interesse 4 su 5

Ci sono quelli che come homepage hanno la propria email, e quelli che hanno un sito di notizie. Per i secondi è facile, da oggi ci mettete http://www.ilpost.it/ e siete a posto. Se poi volete vedere qualche boxino morboso c’è sempre Repubblica.it.
Per i primi è un po’ più complicato. Bisogna abituare il proprio cervello – che è molto meno sveglio del computer – ad acquisire il tic di andare su un’altra pagina per sapere se è successo qualcosa di interessante nel mondo.

Quindi sì, ecco, è nato un nuovo giornale. Però solo online. Si chiama Il Post. Lo fanno tre persone, lui lui e lui (ma in redazione ci sono anche tre “lei”), che sono al top del mio feedreader. Di quelli che, insomma, trovano sempre le cose che ci sono da sapere in giro per il mondo, e che ti viene sempre da pensare: cavolo, sicuramente avrà letto qualche articolo interessante e non l’ha messo sul blog. Ecco, ora non potranno farlo più, perché ci devono fare un giornale sopra, su quelle cose lì.

Ancora più sollevante, si impegneranno al massimo per non metterci cose inutili. Insomma, il concetto che dovrebbe passare è: se voi leggete Il Post, sapete tutto quello che c’è da sapere, e non sapete molto di ciò che è inutile sapere, tipo, ecco sì “ira degli animalisti: maltratta il gatto su twitter”, leggo ora altrove.

Se ci cliccate sopra, andate a vedere com’è:

Ah, a latere delle notizie ci saranno anche diversi blog, tenuti da persone che vale la pena di leggere: in particolare, devo dire, che questo Professor Du Lac che tiene un Corso di Alfabetizzazione Sentimentale Obbligatoria mi sconfinfera un sacco.

– Commenti:



8 Commenti presenti su “imPOSTa come pagina iniziale” – Feed

  1. fra Alberto – 19 April 2010, 22:49 (n° 1)

    O Giovanni, ma ci sei anche tu su il Post…

    Rispondi  |  Cita
  2. Flx – 19 April 2010, 23:26 (n° 2)

    Ma son partiti il 19 invece del 20 aprile per evitare di iniziare il giorno del compleanno di D’Alema? Cosa si sarebbe dovuto pensare di un giornale che nasce con D’Alema?

    Rispondi  |  Cita
  3. Giovanni Fontana – 19 April 2010, 23:28 (n° 3)

    @ Flx:
    E di Hitler.

    Rispondi  |  Cita
  4. Shylock – 20 April 2010, 06:29 (n° 4)

    Giovanni Fontana scrive::

    Non ne vedo, di commenti

    E’ che ci hai messo la faccia (e non in senso metaforico).

    Rispondi  |  Cita
  5. Giovanni Fontana – 20 April 2010, 09:11 (n° 5)

    @ Shylock:
    Hai ragione. Quando l’ho concepito non sapevo che fosse così.

    Comunque dicevo a Federico, per scherzo.

    Rispondi  |  Cita
  6. fra Alberto – 20 April 2010, 17:01 (n° 6)

    é che francamente in un giornale cosí conosciuto mi vergogno un po´ :-) (non per il fatto che sia frate, ma per il fatto che potrei uscirmene con cose poco assennate)

    Rispondi  |  Cita
  7. Gaspare Azzurro Ressa – 20 April 2010, 18:20 (n° 7)

    Mi sono iscritto anche io su quel sito.

    Sembra un bell’esperimento che spero vivamente funzioni.

    Rispondi  |  Cita
  8. jojo – 20 April 2010, 21:13 (n° 8)

    Già stimavo Luca Sofri, ora ho un motivo in più.
    Complimenti vivissimi professore!

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti