In fuga con Walter

23 February 2008, 8:00 | Bellezza in biciclette, link und recht, Ogni me è politico | Commenti: 1

Come ho già detto, penso che quando Marco Beccaria parla di ciclismo valga sempre la lettura.
Ovviamente, io sono sempre stato un chiappucciano, ho il video di quella tappa e ogni tanto lo riguardo.
Da bambino era l’unico che mi faceva entusiasmare, ricordo che a una Firenze-Pistoia (Crono) riuscii a orecchiare il suo contatto. Ero andato lì per farmi fare l’autografo, e lui stava dettando il suo nuovo numero di telefono all’agente. Dovendo scegliere in un attimo se avere il numero di telefono o l’autografo di Chiappucci – con l’incoscienza infallibile dei 6 anni – optai per il primo (non potevo appuntarmi il numero di telefono sul foglio che mi ero preparato per l’autografo e poi sottoporglielo).

Proprio perché, al contrario di Beccaria, credo che l’illogica logica del ciclismo sia proprio questa, e la bellezza sia nel quando (già dopo un po’ meno) salta il banco… io sto ancora con quelli che ti fanno entusiasmare come un bambino: sia gli originali, sia le brutte copie, ma che almeno sanno cosa copiare.

Ovviamente non ebbi mai il coraggio di telefonargli.

– Commenti:



Un commento presente su “In fuga con Walter” – Feed

  1. D'Alema in panchina, Mastella in tribuna, e Dell'Utri squalificato | Distanti saluti – 13 March 2008, 15:13 (n° 1)

    […] metafore ciclistiche (viva Chiappucchi!) ci pensa sempre il Beccaria, ma mi stupisco che non ci sia nessuno che abbia tirato fuori un […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti