Il miglior momento per piantare un albero era vent’anni fa; il secondo miglior momento è ora.

20 December 2012, 23:18 | Il Male curabile | Commenti: 3

5 su 5

Bravi, bravi, bravi! A Niccolò, ad Alvilda, a Ilwad, a Sabrina, a Carla, a Greta, a Gabriele, alla strepitosa Emma, a tutti gli altri. Bravi! Grazie!

[Il proverbio lì sopra me l'hanno insegnato in Burkina Faso, quando ho avuto la fortuna di poter dare un piccolissimo pezzettino di aiuto a costruire questa cosa bellissima. Non credo ci siano migliori parole per illustrarlo]


Altre cose sullo stesso tema:

  1. Bambini che provano la tecnologia di vent’anni fa
  2. Non pensare, neanche solo per un momento, che sia perché ti rispetto.
  3. E ora ora?
  4. Giovanni Paolo secondo (me)
  5. La donna con il miglior fisico al mondo

Condividi – Commenti:

3 Commenti presenti su “Il miglior momento per piantare un albero era vent’anni fa; il secondo miglior momento è ora.” – Feed

  1. tenkiu – 7 January 2013, 14:10 (n° 1)

    se il miglior momento per piantare un albero era 20 anni fa, si ammette che 20 fa c’erano le condizioni per poterlo piantare.
    il secondo miglior momento è ora? all’estero, forse… :-/

  2. Dario – 8 January 2013, 11:22 (n° 2)

    Credo che il significato sia del tutto differente: il momento migliore era venti anni fa perché così adesso l’albero sarebbe già bello cresciuto.
    Il secondo momento migliore è adesso perché prima lo pianti e prima cresce.

    Non perdere tempo, credo sia il significato del proverbio.

  3. Valerio – 16 January 2013, 17:47 (n° 3)

    @ tenkiu: ma perché sempre questo estero? Qui non c’entra proprio niente. Tutt’al più il tuo discorso dovrebbe essere il contrario: lì dove gli alberi ci sono – perché li hanno piantati vent’anni fa – c’è meno bisogno di piantarne ora. Qui dove non sono stati piantati, rimbocchiamoci le maniche e piantiamoli adesso, così che fra vent’anni non dovremo più leggere qualcuno che commenta dicendo “all’estero, forse…”

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.