La questione della giustizia

15 July 2010, 16:59 | link und recht, Medio orientato | Commenti: 2

interesse 3 su 5

Per fortuna Christopher Hitchens è ancora il più lucido:

Non sono uno di quelli che crede – come, invece, Obama sostiene – che una soluzione alla questione di uno Stato palestinese metterebbe fine al risentimento mussulmano nei confronti degli Stati Uniti; fra parentesi, se Obama lo pensa davvero la sua letargia e impotenza nei confronti del continuo gioco sporco di Netanyahu è ancora più colpevole. I fanatici islamisti hanno la loro agenda, e – come nel caso di Hamas e dei suoi sponsor iraniani – hanno già dimostrato che nient’altro che la distruzione d’Israele e la cancellazione dell’influenza americana nella regione li soddisferebbe.

No, la questione è quella che la giustizia – e una terra per i palestinesi – è una causa buona e necessaria in sé stessa. È anche una responsabilità squisitamente legale e morale degli Stati Uniti che hanno dichiarato un sacco di volte quello dei due Stati come il loro obiettivo.

– Commenti:



2 Commenti presenti su “La questione della giustizia” – Feed

  1. Anellidifum0 – 28 July 2010, 02:44 (n° 1)

    Ciccio, in aereo (secondo viaggio intercontinentale in 5 giorni: cominciano a esse troppi) mi sono letto tutto “Lettera a un giovane ribelle”, che avevo comprato su Bol.it assieme all’altro testo sulla religione, che però è rimasto a Roma per esigenze di peso del bagaglio. Beh mi è piaciuto moltissimo! Grazie per la preziosa indicazione. In ottobre, quando torno a Roma per 3 settimane, mi leggerò l’altro di Hitchens. Bella scoperta davvero, gracias.

    Rispondi  |  Cita
  2. Giustizia in Medio Oriente | Blog del circolo online del PD "Barack Obama" – 10 September 2010, 12:43 (n° 2)

    […] Christopher Hitchens Questo articolo è stato pubblicato in Notizie ed etichettato con Giustizia, hitchens, israele, palestina, usa. Includi tra i preferiti il permalink. ← Evasi contro evasori […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti