Lunedì 22 dicembre

22 December 2008, 15:13 | Diario dalla Palestina | Commenti: 5

Famiglia cristiana – Diario dalla Palestina 108

Fra le attività correlate a quelle del Centro, c’è l’incontro con delle famiglie che sono aiutate in un modo nell’altro da qualcuna di queste strutture. In una di queste famiglie, Salim, il padre di famiglia – dimentico di quanto queste pratiche confliggano con il fortissimamente professato cristianesimo – mi ha letto il fondo della tazzina di caffè.

Davvero, non riesco a immaginare delle profezie meno azzeccate, anche nella sua estrema genericità. E lui pareva crederci veramente: l’unica cosa precisa che ha detto è che tornerò in Italia prima della fine del tempo perché qualcuno a Roma starà poco bene. Vedremo.

Qui una foto di gruppo, e Cristo ci guarda:

gruppo.jpg

– Commenti:



5 Commenti presenti su “Lunedì 22 dicembre” – Feed

  1. Personalità 21 – 22 December 2008, 20:41 (n° 1)

    aiuto e chi?
    per il resto, che ti ha detto?

  2. Lorenzo Panichi – 22 December 2008, 20:51 (n° 2)

    cavolo assomigli proprio a quello seduto al centro!

  3. luca – 23 December 2008, 04:06 (n° 3)

    in realtà, a guardar bene c’è una certa somiglianza anche con quello sopra a quello seduto al centro…quello che guarda insomma…

  4. Personalità 21 – 23 December 2008, 11:57 (n° 4)

    ieri guardavo l’ispettore Callaghan e a pensarci bene trovo una somiglianza anche con Clint Eastwood!

  5. microfono 31 – 23 December 2008, 12:43 (n° 5)

    questa in foto è la famiglia di Salim? Sembra una famiglia e un ambiente borghese non certo bisognosa di assistenza. E il profeta della tazzina qual è?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti