Lunedì degli aneddoti – XI – Caravaggio bruciava di rabbia

28 September 2009, 22:23 | Luneddoti | Commenti: 6

Quando mi capita di leggere un aneddoto carino, da qualche parte, me lo appunto per non dimenticarlo: così ora ho un piccolo mazzo di aneddoti che ogni tanto racconto. Pensavo di farci un libro, un giorno, ma forse è più carino pubblicarne uno, ogni tanto, sul blog. Questo ‘ogni tanto’ sarà ogni lunedì.

Caravaggio bruciava di rabbia

Siamo proprio agli sgoccioli del sedicesimo secolo, e Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, non è ancora così famoso: sta per dipingere quelli che sono i suoi primi capolavori: la “Vocazione di San Matteo” e il “Martitio di San Matteo”.  E fa il botto, come non si dovrebbe dire per un pittore. I dipinti, collocati nella cappella Contarelli – e tutt’ora lì – a San Luigi dei francesi, vengono apprezzati da tutti, e destano l’invidia di tanti. Quello che brucia d’invidia è Tiberio Cerasi, monsignore, che punta più in alto e commissiona a Caravaggio un dipinto sulla conversione di Saulo, cioè Paolo di Tarso. È quel dipinto che c’ha messo in testa che San Paolo sarebbe caduto da cavallo, anche se il buon (si fa per dire) Saulo non l’ha mai scritto. Anzi, no, non è ancora quello. Perché Caravaggio fa una prima versione, va dal Cerasi e gliela propone. E il Monsignore gli dice «no». Come no? Ecco, no. Non ci piace. Ma è un quadro di Caravaggio, perbacco! Niente, rifallo, da capo. Che fosse un quadro di Caravaggio lo sapeva bene, per primo, lo stesso Caravaggio, che proprio non ci sta. Prende questo dipinto, se l’arrotola sotto l’ascella, e si mette a vagabondare per Roma, schiumante di rabbia, con l’intento di trovare un bell’angolino per dare alle fiamme quella tela rifiutata, come smacco. Caravaggio brucia di rabbia, non si ricorda più dove sta andando, e si ritrova a Campo de’ Fiori, o lì nei pressi. C’è un assembramento di folla, e il pittore, la cui ira era evidentemente superata dalla curiosità, domanda a un villico: «ma che succede?», quello gli risponde «Lì ar Campo, li preti stanno a brucià n’eretico».

Caravaggio, intimorito, di roghi non ne volle più sapere: tornò a casa – si armò di pittura, di genio e di volontà – e si mise a dipingere la celebre “Conversione di San Paolo” nella forma mirabile che gli conosciamo noi.
Quel giorno era il 17 febbraio del 1600, e l’eretico – che intimorì Caravaggio e atterrì il Papa – era il povero Giordano Bruno, arso vivo per aver fatto girare la Terra, e le palle a “li preti”.

[Qui il primo: Brutti e liberi – qui il secondo: Grande Raccordo Anulare – qui il terzo: Il caso Plutone – qui il quarto: I frocioni – qui il quinto: Comunisti – qui il sesto: La rettorica – qui il settimo: Rockall – qui l’ottavo: Compagno dove sei? – qui il nono: La guerra del Fútbol – qui il decimo: Babbo Natale esiste]

– Commenti:



6 Commenti presenti su “Lunedì degli aneddoti – XI – Caravaggio bruciava di rabbia” – Feed

  1. Fra Alberto – 29 September 2009, 11:44 (n° 1)

    Per chi non lo sapesse il primo quadro fu rifiutato perchè la raffigurazione faceva l’occhiolino ad un concetto di libero arbitrio non molto cattolico (il Cristo appare a Saulo, trattenuto da un angelo e appoggiandosi ad un ramo rompendolo) quindi per motivi dottrinali finì per essere rifiutato, non rispettando il libero arbitrio di Saulo (futuro “buon” Paolo!) e quindi ritorna in ballo il problema di qualche mese fa…

    Giordano Bruno? Ucciso per motivi politici, lo volevano morto i protestanti e una diplomazia vaticana debole (si risparmiarono l’ennesima guerra di religione, ma ciò non giustifica…) non si oppose. Certo non era neanche un eretico (ricordate che era un frate domenicano) era solo un pazzo che andava rinchiuso in un manicomio, aimè le cose andarono come non piaccione neanche a me, l’importante è non ripetersi :-)
    Poi la massoneria lo elevò, a torto, a pensatore libero, ma va là!

    Rispondi  |  Cita
  2. richiesto – 4 October 2009, 19:47 (n° 2)

    ma pensa che storia..tu villico cammini bellamente per strada e nella stessa giornata ti capita di assistere al rogo di bruno e di parlare con nientepopodimenocheee..caravaggio!
    e a secoli di distanza vieni ricordato da un tale, giovanni, su di un blog che fa il giro del mondo surfing the net.
    sempre per la serie “la storia siamo noi”
    ma adesso sono curiosa..come si chiamava sto villico??

    Rispondi  |  Cita
  3. Paolo – 2 November 2009, 13:56 (n° 3)

    E infatti esistono due conversioni di Saulo. La seconda è sicuramente più bella.

    Rispondi  |  Cita
  4. Lunedì degli aneddoti – XX – Il gallo nero | Distanti saluti – 1 December 2009, 00:01 (n° 4)

    […] – qui il nono: La guerra del Fútbol – qui il decimo: Babbo Natale esiste – qui l'undicesimo: Caravaggio bruciava di rabbia – qui il dodicesimo: Salvato due volte – qui il tredicesimo: lo sconosciuto che salvò il mondo […]

  5. Lunedì degli aneddoti – XXXI – L’Amabile Audrey | Distanti saluti – 2 March 2010, 15:16 (n° 5)

    […] – qui il nono: La guerra del Fútbol – qui il decimo: Babbo Natale esiste – qui l'undicesimo: Caravaggio bruciava di rabbia – qui il dodicesimo: Salvato due volte – qui il tredicesimo: lo sconosciuto che salvò il mondo […]

  6. Lunedì degli aneddoti – XXXIX – Una frusta dà, di uva, aceto | Distanti saluti – 22 October 2012, 00:01 (n° 6)

    […] dove sei? nono: La guerra del Fútbol decimo: Babbo Natale esiste  undicesimo: Caravaggio bruciava di rabbia dodicesimo: Salvato due volte tredicesimo: lo sconosciuto che salvò il mondo […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti