Lunedì degli aneddoti – XVII – La caduta del Muro

9 November 2009, 0:00 | Luneddoti | Commenti: 11

Quando mi capita di leggere un aneddoto carino, da qualche parte, me lo appunto per non dimenticarlo: così ora ho un piccolo mazzo di aneddoti che ogni tanto racconto. Pensavo di farci un libro, un giorno, ma forse è più carino pubblicarne uno, ogni tanto, sul blog. Questo ‘ogni tanto’ sarà ogni lunedì.

La caduta del Muro

Il mondo finì il nove novembre del 1989, vent’anni fa. Finì come non ci si aspetterebbe mai che finisca un mondo, per caso, quasi per sbaglio. Di mondi – a quel tempo – ce n’erano tre, e a finire fu il secondo: povero come il terzo mondo, ma potente come il primo.
Fini a Berlino, con il crollo del Muro. Un crollo il cui rumore impiegò un paio d’anni per attraversare tutto il globo, ma un crollo inesorabile, ancora più significativo perché avvenuto dal di dentro al di fuori, e non il contrario. Uno non ci pensa mai, considera il Muro di Berlino come il Muro di Berlino Est: e invece no. Era il muro che circondava completamente quel piccolo lembo di Germania orientale, Berlino, che era sempre rimasta libera.
Non è vero che tutto accadde per caso, né che le coincidenze furono determinanti per l’intero corso della storia, ma l’ultima picconata, sì, a quel muro la diede un insieme di coincidenze che fecero finire in commedia rocambolesca quello che era stato un regime fondato sulla più nociva coazione all’organizzazione.
Erano i mesi successivi all’estate dell’89, che era stata l’estate di manifestazioni per la libertà e apertura di frontiere limitrofe. In agosto l’Ungheria dischiuse le frontiere, con l’effetto di ritrovarsi migliaia di tedeschi dell’est che volevano fare il giro per poter andare nella sorella Germania. Operazione fino ad allora vietata, l’attraversamento, e impresa nella quale molti erano rimasti uccisi e altri erano riusciti con i metodi più strani, come una mongolfiera che scavalcasse il muro.
A quel punto nella DDR si studiarono misure per contenere le manifestazioni, e si arrivò ad una conferenza stampa nella quale si sarebbero annunciate dei provvedimenti di concessione in questo senso: ma Günter Schabowski, colui che teneva la conferenza stampa, non aveva partecipato alla riunione in cui il provvedimento era stato pianificato e si era trovato a descriverlo senza padroneggiarlo.
Al termine della conferenza stampa un giornalista chiese: «ma quando entreranno in vigore queste misure?». Schabowski rispose: «per quanto ne so, ora». Immediatamente dopo l’annuncio fallace, che tutta la Repubblica Democratica Tedesca aveva ascoltato per televisione, una marea di persone affollò i varî punti di passaggio per chiedere di avere concesso ciò che il funzionario socialista aveva loro accordato.
Le guardie di frontiera furono prese alla sprovvista da quella folla di gente che si sentiva in diritto di passare di là, e non poterono far altro che aprire le frontiere.
La sera del 9 novembre tutta Berlino Est si riversò dentro a Berlino Ovest, producendo in un attimo quella commistione che era mancata per almeno trent’anni. All’improvviso arrivare dei tedeschi dell’est, quelli dell’ovest poterono fare soltanto una cosa: offrire birra gratis a tutti.
Buon anniversario anche a voi.

[Qui il primo: Brutti e liberi qui il secondo: Grande Raccordo Anulare qui il terzo: Il caso Plutone qui il quarto: I frocioni qui il quinto: Comunisti qui il sesto: La rettorica qui il settimo: Rockall qui l’ottavo: Compagno dove sei? qui il nono: La guerra del Fútbol qui il decimo: Babbo Natale esiste qui l’undicesimo: Caravaggio bruciava di rabbia – qui il dodicesimo: Salvato due volte – qui il tredicesimo: lo sconosciuto che salvò il mondo qui il quattordicesimo: Il barile si ferma qui qui il quindicesimo: Servizî segretissimi qui il sedicesimo: Gagarin, patente e libretto ]

Vuoi indicare un aneddoto per un prossimo lunedì? Segnalamelo.

– Commenti:



11 Commenti presenti su “Lunedì degli aneddoti – XVII – La caduta del Muro” – Feed

  1. fra Alberto – 9 November 2009, 09:32 (n° 1)

    Eh già, oggi vedremo qui in Germania cosa succede, c’è aria di festeggiamenti, ma credo che ci siano altri problemi latenti, ad esempio una certa insofferenza per le persone dell’Est da parte di quelli dell’Ovest, tipo Polentoni e Terroni per intenderci :-)

  2. Cesare – 9 November 2009, 10:49 (n° 2)

    Ciao Giovanni,
    se vuoi conosco un altro annedoto riguardo a questa vicenda. Dicono che se chiedi a un ex abitante della Berlino ovest cosa ricorda dei giorni dopo la caduta del muro, in molti raccontano come in tutta la zona occidentale siano scomparse le banane dai negozi, prese d’assalto dagli “orientali” che non ne vedevano molto spesso, se non quando Fidel ne mandava una cassa per Natale.
    Hasta luego!

  3. franco rivera – 9 November 2009, 14:59 (n° 3)

    Hai omesso di ricordare che il giornalista era italiano, il giornalista Riccardo Ehrman dell’ Ansa, che ricevette l’ “imbeccata” da Günter Pötschke un importante funzionario del partito di potere.

    qui un articolo del corriere

    http://archiviostorico.corriere.it/2009/aprile/18/domanda_suggerita_che_fece_cadere_co_9_090418052.shtml

  4. Giovanni Fontana – 10 November 2009, 09:32 (n° 4)

    Cesare scrive::

    Dicono che se chiedi a un ex abitante della Berlino ovest cosa ricorda dei giorni dopo la caduta del muro, in molti raccontano come in tutta la zona occidentale siano scomparse le banane dai negozi, prese d’assalto dagli “orientali” che non ne vedevano molto spesso, se non quando Fidel ne mandava una cassa per Natale.

    Molto carino!

  5. Lunedì degli aneddoti – XX – Il gallo nero | Distanti saluti – 1 December 2009, 00:10 (n° 5)

    […] segretissimi – qui il sedicesimo: Gagarin, patente e libretto – qui il diciassettesimo: La caduta del Muro – qui il diciottesimo: Botta di culo – qui il diciannovesimo: (Very) Nouvelle […]

  6. Lunedì degli aneddoti – XXII – Che bisogno c’è? | Distanti saluti – 21 December 2009, 20:51 (n° 6)

    […] segretissimi – qui il sedicesimo: Gagarin, patente e libretto – qui il diciassettesimo: La caduta del Muro – qui il diciottesimo: Botta di culo – qui il diciannovesimo: (Very) Nouvelle Cuisine – qui […]

  7. Lunedì degli aneddoti – XXIII – Fare il portoghese | Distanti saluti – 28 December 2009, 21:30 (n° 7)

    […] segretissimi – qui il sedicesimo: Gagarin, patente e libretto – qui il diciassettesimo: La caduta del Muro – qui il diciottesimo: Botta di culo – qui il diciannovesimo: (Very) Nouvelle Cuisine – qui […]

  8. Lunedì degli aneddoti – XXVII – Zzzzzz | Distanti saluti – 25 January 2010, 21:30 (n° 8)

    […] segretissimi – qui il sedicesimo: Gagarin, patente e libretto – qui il diciassettesimo: La caduta del Muro – qui il diciottesimo: Botta di culo – qui il diciannovesimo: (Very) Nouvelle Cuisine – qui […]

  9. Lunedì degli aneddoti – XXX – L’invincibile Marco Aurelio | Distanti saluti – 15 February 2010, 20:47 (n° 9)

    […] segretissimi – qui il sedicesimo: Gagarin, patente e libretto – qui il diciassettesimo: La caduta del Muro – qui il diciottesimo: Botta di culo – qui il diciannovesimo: (Very) Nouvelle Cuisine – qui […]

  10. Ma i dittatori mai | Distanti saluti – 11 February 2011, 17:37 (n° 10)

    […] a Berlino nell’89, il crollo in farsa di un regime perverso. La gente si ritrovò libera quasi per caso, dopo che per decadi le rivoluzioni erano state ammazzate dai carri armati, in Primavera a Praga, o […]

  11. Ciao mondo!! « rivasinistra – 19 February 2011, 04:54 (n° 11)

    […] nell’89, il crollo in farsa di un regime metodico e perverso. La gente si ritrovò libera quasi per caso, dopo che per decenni le rivoluzioni erano state ammazzate dai carri armati, in Primavera a Praga, […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.