Make football not war

7 June 2008, 16:00 | Alta politica, La palla è rotonda | Commenti: 0

logo1.pngDella serie belle idee che non si realizzaranno mai, ho letto oggi dell’iniziativa lanciata su questo sito, e rilanciata come testimonial da Lilian Thuram – calciatore sui generis, da sempre impegnato contro antisemitismo e islamofobia – di disputare i mondiali di calcio del 2018 (i primi a non avere ancora assegnazione) in organizzazione congiunta Israele-Palestina, per favorire il dialogo e il processo di pace.

Ovviamente non si farà mai, per mille e più ragioni, di cui qualcuna anche comprensibile: ma lo sanno anche loro, e ci scherzano su.

– Commenti:



Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti