Martedì 23 dicembre

23 December 2008, 19:25 | Diario dalla Palestina | Commenti: 0

Per me è arabo – Diario dalla Palestina 109

Non ci crederete, ma fra i miei soliti mille fogliacci che porto a casa, hanno iniziato a comparire anche geroglifici tipo ضعثسفخ (no, non è una parola di senso compiuto, è “questo” scritto con la tastiera araba”). È difficilissimo. Ma peggio di quello che potreste aspettarvi, molto peggio. Avrei talmente tanti esempi da farvi, che non so quale scegliere.

E poi, c’è quella storia del fatto che tutti qui hanno nomi in arabo, ma – specie i cristiani – si fanno chiamare con l’equivalente italiano del loro nome in Arabo: quindi Meriem si fa chiamare Maria (o Mary dagli angloparlanti), Yusuf si fa chiamare Giuseppe (o Joseph), e così via. È un accorgimento utile a semplificare la vita degli stranieri, che troverebbero molto ostici alcuni nomi arabi. Per fortuna non ho ancora trovato un “Aissa” che si faccia chiamare Gesù.
Ecco, per la prima volta sono riuscito a instaurare il procedimento inverso: finalmente una persona mi chiama Hanna, abbreviazione di Johanna, che sarebbe “Giovanni” in arabo.

p.s. Domani per Betlemme è IL grande giorno (se si comprende in domani anche l’arco che va dalle 24 alle 02.00 del 25), purtroppo data la poca internnetticità non posso fare liveblogging, ma cercherò di raccontare tutto.

– Commenti:



Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti