Martedì 6 gennaio

6 January 2009, 19:58 | Diario dalla Palestina, immagina tu | Commenti: 1

La fiaccolata – Diario dalla Palestina 127

Era la ‘manifestazione dei pacifisti’. Non ho tanta voglia di raccontarvi che gli slogan erano “dal Marocco al Qatar vogliamo cacciare tutti gli ebrei” e “dove sono gli arabi? Vogliamo soldati, non pecore!”, e permettete la preterizione.

Allora vi racconterò che le candele erano trasportate dentro alla carta dei falafel:

0falafel.JPG

Che c’era tanta salita da scalare:

00-scalata.JPG

Che tanta gente non c’era, ma qualcuna sì:

000folla.JPG

Che con altre candele hanno scritto Gaza, ma in arabo, davanti alla Natività:

0000gaza-scritto-in-arabo.JPG

Che c’era anche il megafono, come allo stadio, solo che davanti alla Chiesa della natività, e fa un po’ strano:

00000megafono.JPG

Che dietro c’erano i preti che controllavano un po’ incazzati perché l’altra volta gli avevano appiccicato le candele sulla chiesa, ecco questo non ve lo posso, perché non ho fatto la foto, quindi vi accontenterete di una bella foto generale:

000000gente.JPG

Tantomeno vi spiegherò che Gaza in arabo si pronuncia krasa (il kr sarebbe una “r” francese + catarro):

0000000gaza.JPG

Però che la gente cantava cori per Arafat, beh, questo ve lo faccio ascoltare:

– Commenti:



Un commento presente su “Martedì 6 gennaio” – Feed

  1. Pia Tucci – 13 January 2009, 20:26 (n° 1)

    Mi sono imbattuta per caso nei “Distanti saluti”. Mi avete proprio colpita, se decido di scrivere (non ho mai partecipato – se si dice così- a un blog). Domani sera, nel cineclub di un piccolo paese della Calabria, Rovito, vicinissimo a Cosenza, vedremo “Per uno solo dei miei due occhi”, film di Avi Mograbi scelto per l’apertura della programmazione 2009.
    Saluti. Pia Tucci, Cosenza

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti