Mutando vita

13 November 2008, 17:33 | Èbbene l'ho scritto, Ogni me è politico | Commenti: 2

Lorenzo Cairoli racconta della Roma dei barboni che ho avuto modo di conoscere anch’io, lavorandoci, lo scorso anno:

a Roma ci sono tutte le mense che vuoi. Ho un amico rumeno che a Brasov faceva l’autista di pullman. A Natale si è ritrovato la casa infestata da parenti: volevano vedere Roma, il Colosseo, il Papa e Piazza San Pietro. Per un mese li ha scarrozzati da Trigoria ai Fori Imperiali e a colazione e a cena gli ha fatto fare il giro delle mense romane.

La Roma di Veltroni (ma anche della potentissima Caritas) era anche questa, piena di cooperative dai vertici molto compromessi, che però svolgevano il proprio lavoro. E, dopotutto, lo svolgevano bene. Grazie alla sensibilità delle persone che ci lavorano dentro, spesso molto poco professionali, cosa che in fondo si rivelava essere un bene. Perché in quelle situazioni non ci sono molte regole. Ci puoi trovare di tutto, e devi essere sempre pronto: anche senza il manualino. E anche di tutti: il soldato che fa il doppio lavoro senza dirlo ai propri capi in caserma, l’assistente sociale che fa la gavetta, quella che la gavetta l’ha già fatta ma non ha ancora trovato un posto fisso e arrotonda così, il giornalista che vuole provare l’esperienza, e poi i tanti stranieri: il bulgaro che è venuto con la famiglia e fa il portiere, l’eritreo che viene da Lampedusa e dall’essere quasi morto di sete in Sudan che dice «no, a casa non voglio tornare: Italia mi piace», l’albanese che studia giurisprudenza e si paga così l’affitto.

Sempre Cairoli:

Verso dicembre le cose miglioreranno un po’, perchè scatterà l’emergenza freddo e allora per chi dorme in strada potrebbero spalancarsi le porte del paradiso: un letto in un centro o su un pullmino, invece che dormire nel vagone di un treno, su una panchina della Termini, in una macchina, o su un permaflex di cartoni.

Accusavano Veltroni di buonismo, che tante iniziative buone fossero solo di facciata (in effetti l’emergenza freddo è durata esattamente sino al giorno delle elezioni) , ma che intanto ci sono, o c’erano.
Non so come sia la nuova Roma di Alemanno da questo punto di vista, a quanto mi dicono i miei ex-colleghi sembrano esserci pochi cambiamenti, ma tutto deve ancora cominciare.

Anche nella sfiga occorre fortuna. Morale: se proprio devi finire in strada cerca di finirci quando c’è l’emergenza freddo….

Io so che l’anno scorso, all’emergenza freddo, specie nei mesi di gennaio e febbraio erano molti più quelli che eravamo costretti a buttare fuori che quelli a cui riuscivamo a trovare un posto. Non voglio immaginare come sia ora, se davvero hanno tagliato tanti altri c’entri d’accoglienza.

Sono tornati tutti a Brasov più in carne di come erano partiti. Il problema qui non è mai il cibo.

Eh sì: se volete aiutare una struttura come questa non portate cibo, ce n’è tanto, e tanti ne portano – per fortuna: c’è il barista che allunga la strada dopo aver chiuso il bar per consegnare i panini non consumati, oppure c’è quello della parrocchia che raccoglie il cibo e lo porta ogni domenica. Non portate neanche giacche, o piumoni, maglioni. Anche quelli ci sono. Ce ne sono tanti, ognuno ha un maglione di cui disfarsi. Portate scarpe, ma soprattuto mutande. Mutande e calzini, quando uno che è finito in strada smette di cambiarsi le mutande è il principio di un barbone, quando un barbone comincia a potersele cambiare, è il principio di una nuova vita. Perché c’è chi ci riesce, a farsi una nuova vita. Portate le mutande e i calzini, perché nessuno ci pensa mai, e mai se ne trovano.

– Commenti:



2 Commenti presenti su “Mutando vita” – Feed

  1. lorenzo cairoli – 13 November 2008, 19:06 (n° 1)

    Mutande e calzini. Santissime parole.

  2. Il Burkina Faso, il Grande Fratello, e mia nonna | Distanti saluti – 27 October 2009, 20:32 (n° 2)

    […] che aveva accomunato le mie esperienze di volontariato, con i bimbi in Palestina, al tendone dei senza tetto, in Abruzzo dopo il terremoto, o a insegnare italiano agli immigrati, era il tentativo di fare le […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti