Partire per l’Aquila

14 April 2009, 12:41 | Alta politica, Ogni me è politico | Commenti: 2

A seguito di questo post, molte persone m’hanno chiesto qualche informazione in più, su come andare a dare una mano, di quelle che avevo riferito.
Per capire come funziona, e chi parte – appunto – è molto utile il post di Tommaso C. Lì c’è tutto quanto di ufficiale si possa reperire.

Poi vi dico quello che ho capito io: tutti dicono di non partire da soli. Da una parte ha senso, dall’altra un po’ meno. Vi spiego. Quando invece si sente dire che non c’è bisogno di persone che diano una mano, perché i ranghi sono al completo e le persone sufficienti – beh – questo non è vero. Anche perché quattro mani sono sempre meglio di due, se organizzate. Veniamo all’organizzazione, quindi.

Ora come ora, tutte le associazioni, Croce Rossa, Modavi, etc prendono nomi che saranno utili (?) in un futuro chissà quanto lontano. Sicuramente, questo mi è stato spiegato, in questi casi è molto più facile partire se avete già un gruppo, piuttosto che come singoli. Se chiamate il Modavi e dite «siamo otto ragazzi con una discreta esperienza in montaggio, smontaggio tende, etc», avrete sicuramente la priorità rispetto ai singoli. È vero, però, che le tende per gli sfollati, come del resto i campi, sono già tutte costruite: non è di quello che c’è bisogno, ora.

Quindi cosa fare? Bisogna farla un po’ all’italiana: cercate l’associazione di Protezione Civile più vicina. Purtroppo le pratiche di iscrizione impiegano molto tempo (anche se uno ha già lavorato con la Protezione Civile), ed è per questo che ci sono queste liste d’attesa. Se invece di telefonare per essere messi in lista d’attesa, andate lì, fate due chiacchiere, vi spiegano che è possibilissimo andare come privati cittadini, che ci sono già un sacco di ragazzi che lo stanno facendo. Il punto è capire dove, perché ovviamente a seconda di quello che uno sa fare, e a seconda del momento in cui può dare una mano, le necessità potrebbero essere diverse.

È qui che serve l’aiuto dell’associazione di cui sopra, chiedete se vi sanno dire dov’è che c’è necessità: l’importante è essere introdotti, poi se si va come cittadini privati, e dopo un mese arriva la copertura della Protezione Civile, cambia poco. I funzionarî di quelle associazioni vanno e vengono dai luoghi del terremoto a distanza di pochi giorni, così se chiedete loro «la prossima volta che passi nei varî campi, chiedi un po’ dove c’è bisogno di una mano?». Quello torna e vi dice: «guarda, al campo x ci sarebbe bisogno di uno che faccia questo, etc». A quanto ho capito già moltissimi sono partiti così, ufficialmente “privati cittadini di buona volontà” ma, in realtà, inviati dalla Protezione Civile. La burocrazia ci impiega sempre un po’ più di tempo.

Per quanto riguarda me, domani sera so quando parto.

– Commenti:



2 Commenti presenti su “Partire per l’Aquila” – Feed

  1. Lorenzo Panichi – 14 April 2009, 14:08 (n° 1)

    “Anche perché quattro mani sono sempre meglio di due, se organizzate”

    Ricardo dissente

  2. Alberto – 26 April 2009, 09:11 (n° 2)

    oggi sono passato dall’Aquila: che desolazione…

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti