Per me è arabo

27 February 2009, 0:02 | Diario dalla Palestina | Commenti: 5

Quando racconto, qui, che in Italia dire “per me parli arabo”, è come dire “dici qualcosa di incomprensibile”, ci rimangono un po’ male. In inglese si dice “è greco per me”, e c’è una pagina wikipedia molto divertente dove sono elencate tutte le stesse espressioni in tutte le varie lingue. Il più gettonato è il cinese, considerato “arabo” da molte altre lingue, fra cui l’ebraico. L’yiddish predilige l’aramaico, che è abbastanza gettonato anche in italiano come seconda scelta dopo l’arabo.

Uno potrebbe stare su quella pagina per ora. C’è qualcuno, però, che si è preso la briga di farne una rappresentazione grafica, che io ho trovato incredibilmente divertente: sembra proprio che il cinese vada per la maggiore, o per la minore, a seconda dei punti di vista.

per-me-e-arabo
>Source: 1<

– Commenti:



5 Commenti presenti su “Per me è arabo” – Feed

  1. Rita – 27 February 2009, 08:25 (n° 1)

    … e pensare che una volta abbiamo studiato il ‘cippo indoeuropeo’ ed eravamo convinti che un giorno o l’altro ci saremmo capiti tutti…

  2. rosalux – 27 February 2009, 14:59 (n° 2)

    meraviglioso!

  3. Silvia – 4 March 2009, 00:49 (n° 3)

    Carinissimo questo post come tutti gli altri che seguo con regolarità.
    Distanti saluti ma…efficaci e neanche tanto distanti.
    Per indicare qualcosa di incomprensibile sono solita usare la formula: “per me è arabo”, ma se qualcuno dimostra di non aver compreso le mie parole, sono anche solita dire: ” Se vuoi te lo dico in greco”….
    E’ un piacere leggerti.
    Buon lavoro e complimenti.
    Sorrisi.

  4. Giovanni Fontana – 4 March 2009, 07:30 (n° 4)

    @ Silvia:
    Grazie!

  5. lorenzo cairoli – 13 March 2009, 22:47 (n° 5)

    Mi accorgo adesso che abbiamo fatto lo stesso post. Ma tu più di una settimana prima. Anche tu, dunque, un fan di Strange Maps?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti