E anche se l’omosessualità fosse una scelta?

26 May 2008, 20:00 | Alta politica, Èbbene l'ho scritto, Moralismo noioso | Commenti: 17

Quando si leggono notizie come queste, “padre accoltella figlio perché gay”, si parte sempre dal presupposto che l’omosessualità non sia una condizione sui cui l’interessato può speculare. Si dice sempre, per difendere una persona dall’orrore di non essere accettato, che “l’omosessualità non è una scelta”. Capisco l’utilità nell’affermarlo, capisco e condivido il salvifico principio della riduzione del danno; però bisognerebbe sempre pensarci – e magari dirlo – che la cosa è del tutto irrilevante: fosse anche una scelta, sarebbe opinabile quanto tutte le altre scelte, quindi quanto l’eterosessualità.

Perché sì, le discussioni su un livello filosofico un po’ più distaccato dal materialismo (assolutamente necessario) del sopruso quotidiano sono il campo d’inciampo della sinistra, se non c’è Dio a stabilire il Giusto, e non si accetta il relativismo bieco e fancazzista, bisogna trovare un nuovo appiglio che necessariamente non è evoluto. Spesso si ripiega sul diritto naturale, o più abborracciatamente su cosa ci sia in natura (senza spiegare perché quello che c’è in natura, annesse le peggiori crudeltà fra animali, dovrebbe essere giusto); si difende dall’accusa della contro-naturalità dei gay obiettatando che non sia “naturale” neanche il matrimonio, o che persino fra altri animali – scimmie in testa – l’omosessualità sia diffusa. Anche qui: foss’anche innaturale, embè?

Certo che – se non si mette in mezzo un Dio – non c’è nessun motivo Universalmente Giusto per nessuna cosa, quindi neanche per i diritti civili, per il riconoscimento delle coppie gay, etc. Ma portiamola alle proprie conseguenze questa argomentazione, quella per la quale Bagnasco ha – impeccabilmente – sovrapposto incesto e omosessualità, diciamo che non c’è nessun motivo Universalmente Giusto per non bruciare in piazza i gay, e staccar loro le braccia: e questo è – argomentativamente – un pizzico meno persuasivo, no? Ma soprattutto non c’è nessun motivo per non fare lo stesso con chi è eterosessuale. Non c’è nessuna ragione perché sia Giusto riconoscere il matrimonio etero, per dire.

Facciamola noi ‘sta scelta, decidiamo di essere partigiani, di stare dalla parte dei più deboli: faziosi delle minoranze. Non per il fascino romantico di quest’ultime da parte di un certo conservatorismo di destra e di sinistra (che poi guardacaso quando si parla di omosessuali in Iran se ne frega), ma perché la democrazia – e ancora di più tutte le altre forme di governo – ha l’aporia della dittatura di chi è maggioranza. E bisogna costantemente mettersi nei panni dell’altro, farne da costanti supervisori: armarsi, proprio armarsi di empatia. Perché il sano principio della libertà propria che finisce quando inizia quell’altrui è sempre scivoloso, ed è difficile stabilire quale sia il punto di valico: come un cattolico può dirsi offeso dall’esistenza di matrimonî gay, un Ayatollah può contestare – anche qui impeccabilmente – una donna non velata in quanto questo inficerebbe la propria libertà di non vederla e esserne offeso.

È lo stesso per l’inveterata abitudine del definire l’essere gay come pura normalità: come al solito l’intenzione è buona ma finisce per adombrare un concetto pericoloso, ovvero che chi non è normale vada bandito. Cercando di estendere abusivamente la definizione di normalità a qualunque cosa (il che, comunque, è una considerazione puramente statistica), non facciamo difetto a quelli che – giocoforza – ne rimarranno fuori? L’omosessualità non è normale? In qualche modo è vero. Ma se questo è il campo di discussione, neanche tifare per la Fiorentina a Roma è normale. E penso ci siano tante altre cose meno, normali, dell’amare una persona dello stesso sesso – anche nell’ambito dei gusti sessuali – cose che nessuno si sognerebbe di contestare.

Insomma qui si decide, con qualche licenza al bando, di non usare quelle stropicciate espressioni – come quella da cui sono partito secondo cui “l’omosessualità non è una scelta” – che, senza volerlo, insinuano un concetto da tregenda: cioè che l’omosessualità sia uno scempio della natura, ma in quanto tale vada accettata. Che non si può scegliere, è una menomazione, e che quindi bisogna accogliere cosa ti dà in sorte il destino. Che un figlio omosessuale è una disgrazia, ma una disgrazia ineluttabile. Spianiamo con la ruspa, questi assunti. Non permettiamo, neanche, le sinuosità.

Ah, ovviamente, ma questa non è né un’intuizione né una novità, la disgrazia è avere un padre simile.

– Commenti:



17 Commenti presenti su “E anche se l’omosessualità fosse una scelta?” – Feed

  1. giovanna – 26 May 2008, 22:29 (n° 1)

    Ho letto la cronaca di una brutta storia. Padre palermitano pregiudicato accoltella il figlio diciottenne perché viene a sapere che è gay. Scorrevo con tristezza questo racconto di miseria umana e all’improvviso ecco la rivelazione: il ragazzo vuole fare il fotomodello. Allora ho preso le parti del padre.

    da http://www.neotom.com

    Rispondi  |  Cita
  2. Meravigliosa 106 – 27 May 2008, 10:04 (n° 2)

    (grande ironia eh)

    appoggio, io sono bisessuale e perversa Apposta.

    Rispondi  |  Cita
  3. Sotto sotto | Distanti saluti – 1 July 2008, 12:55 (n° 3)

    […] primo risultato su google per “l’omosessualità è una disgrazia”, è il post di cui andavo più orgoglioso negli ultimi […]

  4. sabrina – 7 August 2008, 22:07 (n° 4)

    esistono luoghi dove gli uomini non possono entrare, altri dove le donne non ossono entrare. esitono parti di città destinati ad appartenenti ad una religione, un’altra, una razza, un’altra…l’essere umano al suo stato primitivo e bestiale categorizza per sentirsi sicuro,non abbiamo fatto un passo al di la di questa falsa sicurezza, di questo falso sapere come comportarsi se si è in un luogo o con quella persona di quella razza, religione sesso..il sesso poi, che noia, basta!

    Rispondi  |  Cita
  5. etero – 5 April 2009, 05:18 (n° 5)

    Ricchioni di merda! Fate Schifo,Siete Contro ogni legge naturale…non dovreste vivere,dovreste suicidarvi…rappresentate l’osceno risvolto delle conquiste sociali.fate schifo,merde,pezzi di merda

    Rispondi  |  Cita
  6. L’idiota virile | Distanti saluti – 14 June 2009, 12:54 (n° 6)

    […] a quello che scrissi qualche tempo […]

  7. dtm – 28 October 2009, 21:45 (n° 7)

    Concordo poco.
    Se giriamo l’affermazione con “le tendenze sessuali non sono una scelta” ne consegue che qualsiasi tendenza sessuale è ovviamente accettata, senza che la cosa possa essere considerata strana (ma quanto sono bravo: non ho usato nè la parola “naturale” nè la parola “normale”).
    Tra l’altro, l’argomentazine virgolettata di cui sopra, viene addotta quando arriva un pirla a dire “gli omosessuali sono innaturali” oppure, ancora peggio, “hanno fatto una scelta che accetto ma non condivido” (sentita tempo fa da una mia coetanea). Quest’ultima in particolare mi inorridisce: nella testa della tizia in questione ci si può svegliare una mattina e decidere di essere omosessuali (o etero, o bisex), oppure si è tenuti a modificare la propria tendenza sessuale in base a… non si quale motivo.
    Quindi mi sento di ripeterlo ancora e ancora: l’omosessualità non è una scelta.

    Rispondi  |  Cita
  8. Giovanni Fontana – 28 October 2009, 21:55 (n° 8)

    @ dtm:
    In realtà l’omosessualità è, in una piccola misura, una scelta. Qui argomento meglio: http://anellidifum0.wordpress.com/2009/10/23/la-spia-falsaria-continua-a-scrivere/#comment-637

    Ma questo non deve cambiare nulla. Quello che tu dici, ovvero che si possa dire una cosa imprecisa, o una cosa che non c’entra nulla, per ottenere un fine giusto è un po’ pericolosa, anche se ammetto che talvolta vada praticata.

    È importante accettare qualunque tipo di tendenza sessuale, che siano “suggerite” da madre natura, o no. Non ci può essere libertà se non c’è libertà sessuale.
    Inoltre le cose “naturali” non sono, necessariamente, quelle giuste: lo stupro è un ottimo dispositivo di prosecuzione della specie, ma è una cosa barbara, e il fatto che sia “naturale” non la rende meno barbara.

    La chiave per una società che non infierisca sulle diversità e sulle minoranze è una e semplice: non ci può essere nessun crimine senza una vittima. Non si può considerare “male” niente che non faccia del male a qualcun altro.
    Scelta, non scelta, dire, baciare, lettera o testamento.

    Rispondi  |  Cita
  9. dtm – 29 October 2009, 00:19 (n° 9)

    @ Giovanni Fontana:
    Capisco quel che dici, anche se mi riesce difficile comprendere come ci possa essere una componente culturale nella scelta della propria identità sessuale sebbene, debbo dire, conosco direttamente una situazione del genere, indi…
    La mia ideee comunque va ancora più a monte, e coincide con l’ultimo tuo paragrafino. Il concetto di giustizia non è nemmeno secondo me applicabile alle tendenze sessuali: non ci può essere quella sbagliata.
    Però, ecco, affermando la non-scelta della propria identità sessuale non si vuole sottointendere che “purtroppo è così, ce tocca subì”.
    Tra l’altro, “naturale uguale giusto” è per l’appunto una equazione superficiale; col termine “artificiale” si denota qualcosa “fatto dall’uomo”, e pensare che esso stesso sia in qualche modo costretto a seguire un canone di naturalità, be’…

    (Uh che prolisso, mi zittisco. A proposito: il blog me piasce proprio.
    E. per inciso, cambierei quel times new roman del menu con un georgia o qualcosa di meno sfronzoloso e più leggibile :D
    Ciao!)

    Rispondi  |  Cita
  10. Mi spiegate l’omofobia? | Distanti saluti – 28 December 2009, 16:36 (n° 10)

    […] E, sì, mi torna in mente una considerazione molto elementare su cui sto riflettendo da qualche mese: io ’sta cosa che è l’omofobia proprio non la capisco. Voglio dire – ci sono delle considerazioni collaterali che dovrebbero scoraggiare l’omofobia nelle società, al di là dell’aspetto etico: l’omosessualità conviene economicamente, ad esempio. E non c’è un argomento, non dico caritatevole, ma proprio logico per considerare l’omosessualità una disgrazia. […]

  11. leo – 25 April 2010, 15:08 (n° 11)

    ricchionazzi ,quando diventeremo come la merdosa spagna allora riderete ,ma non per molto,non esseri normali ci dobbiamo rassegnare ,a sentire i programmi tv ,e il principale problema ITALIANO ma andate a ffanculo voi e noi cittadini che ve lo permettiamo ,le famiglie con figli non ne parla nessuna ,fate schifo i primi i conduttori televisivi che non capiscono
    che stanno contribuendo a far scomparire l’italia e prima o poi succedere questo e veramente triste …..I RICCHIONI SOLO LORO MA NEL CULO LO PRENDIAMO TUTTI NOI ……

    Rispondi  |  Cita
  12. tenkiu – 23 May 2010, 14:58 (n° 12)
  13. 100 лв. за задграничен паспорт, 40 за лична карта | Guardiamo Papi Silvio's Blog – 20 September 2010, 14:18 (n° 13)

    […] Germano Bellina Italtrans ha raggiunto con rapidità una posizione di leadership nel settore dei trasporti e dei ser…Germano Bellina Как Пугачева и Галкин отдыхают в ЮрмалеАко […]

  14. Articolo successivo | Guardiamo Papi Silvio's Blog – 22 October 2010, 15:45 (n° 14)

    […] sign in with your Windows Live ID (a Microsoft account like Hotmail, Messenger, or MSN) Sign in Rispondi. Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria. Includi tra i preferiti il permalink. […]

  15. Se l’omosessualità è una scelta | Distanti saluti – 12 December 2010, 13:04 (n° 15)

    […] è sempre bene ricordare che, anche se fosse una scelta, non cambierebbe assolutamente nulla. Altre cose sullo stesso tema:E anche se l’omosessualità fosse una […]

  16. Per iniziare seleziona un prodotto tocca qui sotto | Guardiamo Papi Silvio's Blog – 16 December 2010, 17:51 (n° 16)

    […] Bellina Italtrans ha raggiunto con rapidità una posizione di leadership nel settore dei trasporti e dei ser…Germano Bellina Как Пугачева и Галкин отдыхают в ЮрмалеАко […]

  17. Tanay – 24 November 2015, 17:47 (n° 17)

    borei i hrisi aygi na min efthinete gia ola ta kaka pou ehoun svimei sti hwra, alla auto kai mono den apotelei logw gia na tous valoume kai na mas kyvernisoune… Min to hasoume kai teleiws! Vasika boroun na mas afisoune hsyhous oloi? Ade giati poso koutohorto na faei enas anthrwpos se mia zwi… Kai legame ti ma**kia na kanoume twra?.. Den vazoume kai ti x.a. Panw sto kefali mas… An kai vgazei poli gelio, kanonika einai gia klamata i katastasi an to skefteis…

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti