Riconciliazione

30 January 2011, 16:28 | Alta politica | Commenti: 0

interesse 3 su 5

Oggi nel Regno Unito è un giorno importante e denso di significato: in questo momento si sta tenendo l’ultima marcia di protesta per la commemorazione del Bloody Sunday, il giorno di trentanove anni fa in cui l’esercito britannico sparò sui dimostranti indipendentisti a Londonderry – uccidendone quattordici.

Sei mesi fa si è conclusa l’inchiesta – indetta addirittura dodici anni fa da Tony Blair con il fine di accertare i fatti – che ha inequivocabilmente mostrato le responsabilità dei militari: i primi a sparare, e contro persone che non recavano loro alcuna minaccia. L’innocenza di quei ragazzi è sempre stato uno dei punti cruciali reclamati nella manifestazione tenutasi ogni anno nell’anniversario di quel giorno.

È davvero commovente il video della piazza di Derry che, sei mesi fa, ascolta il primo ministro inglese scusarsi con parole chiare e forti: «quello che è successo è ingiustificato e ingiustificabile (…) il governo è in definitiva il responsabile per la condotta delle proprie forze armate, e per questo a nome del governo, effettivamente a nome del Paese, chiedo profondamente scusa»:

Quell’atto di riconciliazione è stato fondamentale per chiudere un capitolo, e ora – quasi quattro decenni dopo – non c’è più bisogno dell’annuale manifestazione del 30 gennaio. Era una domenica anche quel giorno.

– Commenti:



Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti