Sabato 31 gennaio

31 January 2009, 13:56 | Diario dalla Palestina | Commenti: 2

I bambini – Diario dalla Palestina 154

Dunque due racconti che ieri non vi ho fatto a proposito di Popcorn e cinema:

1 – Mentre stavamo guardando il Robin Hood Tina si alza, viene da me e mi chiede «posso andare al bagno?»; io mi stupisco – non devono mai chiedere se possono andare in bagno, se hanno bisogno ci vanno – e trasparendo nella mia incomprensione, dico «sì, certo, perché no?». E lei: «nono, questo vuoldire che devi fermare il film!».

2 – Durante la proiezione Ghaida si è girata verso di me e mi ha fatto la linguaccia, allora io le ho risposto con la linguaccia, e lei mi ha ririsposto con la linguaccia, così poi io le ho riririsposto con la linguaccia, e poi lei mi ha ririririsposto con la linguaccia, e alla fine io – che sono una persona seria – le ho fatto l’occhiolino come per dire «dài, ti voglio bene, ma se andiamo avanti così non finiamo più: ora guardiamo il film», e mi sono messo a vedere il film.
Ora direte voi: e che c’è di strano? Tu sei grande e grosso, e quella è una bambina. È normale che tu sia più “saggio”.

Ecco, il fatto è che ve l’ho raccontata al contrario: cioè sono io che ho cominciato a farle la linguaccia e lei che, saggia, a un certo punto mi ha fatto l’occhiolino come per dire «ok, ora torniamo a Robin Hood».

– Commenti:



2 Commenti presenti su “Sabato 31 gennaio” – Feed

  1. paperoga – 31 January 2009, 21:45 (n° 1)

    giovanni!
    simpaticissimo!
    è un po’ di giorni che ti seguo sul tuo blog. la tua scrittura è molto divertente. grazie!
    anche io sono un ciclista a gerusalemme (il post suicide bicycle è stata la porta per arrivare a te). anche io ho a che fare con le bambine palestinesi anche se non ho mai avuto l’onore di preparare loro i popcorn.
    inshallah ci vediamo prima o poi per strada!
    andres

  2. cristina – 1 February 2009, 16:12 (n° 2)

    ahahah:)
    bastan poche briciole lo stretto indispensabile!

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti