San Valentino

14 February 2012, 19:25 | Il Male curabile, Medio orientato | Commenti: 5

3 su 5

Quasi dimenticavo, l’oramai tradizionale post – in cui c’è dentro tutto questo blog – per San Valentino:

Tanti auguri.

Agli unici innamorati al mondo che non possono permettersi di non sopportare questa festa. Che non hanno il diritto di sogghignare dei lucchetti a Ponte Milvio o farsi venire l’urticaria per le strade tappezzate di cuori di peluche rossi. Di ridere delle scritte per terra, o di considerare kitsch le scatole di cioccolatini a forma di cuore.

In Arabia Saudita, e in tanti altri posti del mondo, festeggiare San Valentino è vietato dalla legge. Ti viene a prendere la polizia per l’imposizione della virtù e l’interdizione del vizio. Non è una parodia, si chiama veramente così. Perché amarsi è un’idea occidentale.

A tutti coloro per i quali volersi bene è – necessariamente – un atto rivoluzionario, a loro, buon San Valentino.

– Commenti:



5 Commenti presenti su “San Valentino” – Feed

  1. Lasciatele morire di fame | Distanti saluti – 8 March 2012, 15:14 (n° 1)

    […] da ogni tipo di pubblico, assumendo gli inevitabili contenuti kitsch che noi qui, privilegiati, possiamo permetterci di malsopportare: ditelo a me che ho vissuto per più di dieci anni in un posto chiamato Colli […]

  2. Buon San Valentino, ma non a voi | Distanti saluti – 14 February 2013, 10:11 (n° 2)

    […] L’unica tradizione di questo blog, il post di San Valentino, va rispettata: Tanti auguri. […]

  3. Buon San Valentino, ma non a voi | Distanti saluti – 14 February 2014, 00:34 (n° 3)

    […] L’unica tradizione di questo blog, il post di San Valentino. Tanti auguri. […]

  4. Buon San Valentino, ma non a voi | Distanti saluti – 14 February 2016, 08:29 (n° 4)

    […] L’unica tradizione di questo blog, il post di San Valentino. […]

  5. Buon San Valentino, ma non a voi | Distanti saluti – 14 February 2017, 19:10 (n° 5)

    […] L’unica tradizione di questo blog, come ogni anno, il post di San Valentino. […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.