Scontro di religioni a Gerusalemme Est

14 February 2008, 10:43 | immagina tu, Ogni me è politico | Commenti: 3

Si dice che questa sia la terra dei miracoli, ebbene:

Punto primo – Io non ho mai tirato una palla dentro un canestro
Punto secondo – So quattro parole in ebraico, e cinque in arabo.

Punto terzo – Ho fatto il coach della squadra degli ortodossi*, nella partita di pallacanestro fra Ortodossi e Anglicani.
Punto quarto – Abbiamo vinto:

pict0649.JPG
pict0643.JPG
pict0646.JPG

Punto quinto: il mister anglicano alla fine mi ha detto “you’ve stolen”

*Per la precisione – si fatica solo a dirlo – studenti del college palestinese-cristiano-ortodosso-greco

(le foto si ingrandiscono con un click)

– Commenti:



3 Commenti presenti su “Scontro di religioni a Gerusalemme Est” – Feed

  1. Meravigliosa – 14 February 2008, 18:55 (n° 1)

    1) se tu fossi un lettore Attento avresti notato l’avvertimento in basso nel blog:
    “L’autrice di questo blog possiede una cultura decente,conosce la grammatica e raramente sbaglia i congiuntivi,ma scrive quasi sempre di getto,non ha mai capito la differenza fra accento acuto/grave-apostrofo,e si dimentica molto spesso di metterli al posto e nel modo giusto,ma promette che un giorno si impegnerà seriamente a fare chiarezza sui propri dubbi linguistici.intanto sperando che fino ad allora ciò non infici la vostra lettura,per favore siate comprensivi verso di lei e perdonatela.”

    2)le 4 parole in ebraico le usi per rimorchiare le tizie là?

    v.

  2. Sergio – 14 February 2008, 19:52 (n° 2)

    AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI! AN-GLI-CA-NI!

  3. Mettere ordine | Distanti saluti – 13 March 2008, 18:40 (n° 3)

    […] 13 nomi, vanno negli Scritti altrove. Il reportage da Gerusalemme, con richiami alla neve e al coaching, va nelle […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti