Sempre i migliori che se ne vanno

7 October 2009, 13:04 | Gruppo misto, link und recht | Commenti: 7

Il De Mauro Paravia, compagno di tante notti e risolutore ultimo di tante capziosità, è defunto.

– Commenti:



7 Commenti presenti su “Sempre i migliori che se ne vanno” – Feed

  1. omidevicitarecapito!!vogliolamiagloria!!poimimettiunbanneriotelodico – 7 October 2009, 14:48 (n° 1)

    per fortuna il suo compare* c’è sempre…

    *http://www.etimo.it/?pag=hom

  2. franco rivera – 7 October 2009, 14:50 (n° 2)

    uno di meno!
    la marcia delle K avanza inesorabile, la prossima vittima designata chi sarà?
    Penso i congiuntivi, che giacciono ormai agonizzanti solo più su alcuni obsoleti libri di grammatica

    ^_*

  3. Giovanni Fontana – 7 October 2009, 14:53 (n° 3)

    @ franco rivera:
    Quello sui congiuntivi è un po’ un luogo comune (non si sono mai troppo usati nel parlato), e sulle “K” la penso allo stesso modo: scommettiamo che hanno già perso?

    Si diceva che fra vent’anni tutti scriveranno con le “k”, ne son passati già dieci!

  4. rosalucsemburg – 7 October 2009, 15:04 (n° 4)

    ma….ma che notizia di merda!!! sono disperata

  5. franco rivera – 7 October 2009, 15:15 (n° 5)

    Giovanni Fontana scrive::

    (…)
    Si diceva che fra vent’anni tutti scriveranno con le “k”, ne son passati già dieci!

    eheh
    sei tu che invecchi e ti confronti con i coetanei, guarda con più attenzione le nuove leve poi mi dirai! ^_*

  6. renzo – 8 October 2009, 13:24 (n° 6)

    http://www.treccani.it/Portale/homePage.html

    Quando si dice chiusa una porta si apre un portone ;)

  7. Billy Pilgrim – 10 October 2009, 11:23 (n° 7)

    @ renzo: spettacolare! Un po’ troppi (e inutilissimi) clic prima di poter vedere la definizione completa del lemma ma, accidenti, è proprio un’ottima cosa. Già infilata tra le shortcuts, al posto del de cuius. :)

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti