Simone e Alessandra

13 April 2009, 19:56 | Ogni me è politico | Commenti: 4

Oggi ero Ar mare de Roma, e c’era una scritta che diceva “Ti amo… dolce essenza che inebria la mia vita. Simo + Ale”, così mi son chiesto se fossero Simone e Alessandra, o Simona e Alessandro (oppure ancora Simona e Alessandra, o Simone e Alessandro).

E dunque, preso dal dubbio vivido, ho visto che c’erano due che giocavano a racchettoni, lì davanti, gli ho posto la domanda. Loro, per nulla stupiti, si sono guardati e lui mi ha risposto: «beh, Simone e Alessandra, perché io mi chiamo Simone, e lei Alessandra». «Ma siete voi che l’avete scritto?». «No».

La scritta sul muro, pure col suo forzamento delle convenzioni, è diventata a sua volta una convenzione, e oramai non raggiunge nessun tipo d’originalità (tranne quello lì, o quella lì, che scrisse “io e te quattro metri sopra al cielo, perché a tre metri ci sta troppa gente”).

Ma piazzarsi davanti a una scritta, fatta da qualcun altro, mantiene un che di sovversivo. Ho voluto credere che si fossero messi lì per quello.

– Commenti:



4 Commenti presenti su “Simone e Alessandra” – Feed

  1. giovanna – 13 April 2009, 21:53 (n° 1)

    simone e alessandra è più probabile: ci sono più simone che simone e più alessandra che alessandro.

    ma com’era la mia scritta sul poster?
    tipo” stellina sei la mia vita (cioè per altri sei mesi)”

  2. giovanna – 13 April 2009, 21:54 (n° 2)

    più simona che simone

  3. giovanna – 13 April 2009, 22:01 (n° 3)

    Vienna è meno burina ma meno romantica in questo.
    L’unica scritta che ho sotto casa è “streikt”, scioperate.

  4. fabchi – 14 April 2009, 14:49 (n° 4)

    per me l’avevano scritto loro e avevano paura del cazziatone da te.
    una volta ho fatto un mercatino “garage sale” sul marciapiedi davanti a casa e un coglione e’ venuto a lamentarsi che avevo attaccato un cartello su un albero, legato ad una cordicella che girava intorno. Manco un buchino ci avevo messo.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti