Singoli standard

12 July 2010, 9:18 | Il Male curabile | Commenti: 4

“Il sesso rende gli uomini uguali agli altri animali. Sono un uomo che sostiene determinati principi morali. Il celibato è qualcosa che mi distingue dai comuni animali”. L’ha detto il Dalai Lama, nel corso di un’intervista concessa a Bild, ripresa da un articolo apparso su La Stampadel 7 luglio, che Giuseppe Di Leo così commenta nella sua consueta Rassegna stampa vaticana: “Chissà quali reazioni ci sarebbero state se queste frasi le avesse pronunciate Papa Ratzinger”. Posso rispondere per me solo. Avrei detto: “Papa Ratzinger è stronzo come il Dalai Lama”.

Luigi Castaldi

– Commenti:



4 Commenti presenti su “Singoli standard” – Feed

  1. Ugo – 12 July 2010, 11:18 (n° 1)

    Grazie.

    Rispondi  |  Cita
  2. viltrio – 12 July 2010, 11:44 (n° 2)

    non so dove se ne era discusso, ribadisco che mi metto sempre a ridere quando i pannella, le bonino e i vari dirigenti della “galassia radicale” si esibiscono in una serie di “sua santità” introducendo il dalai lama, e bollano con un semplice “razzingher” il papa.

    Rispondi  |  Cita
  3. dtm – 12 July 2010, 16:54 (n° 3)

    mi sento profondamente offeso: trombo molto meglio di un cane.

    Rispondi  |  Cita
  4. lore – 20 July 2010, 19:18 (n° 4)

    Approvo. Anche se più che stronzi direi… miseri, o meglio “mischini!” come si dice dalle mie parti.
    Che mania, ‘sti grandi capi spirituali, di sentirsi al di sopra delle altre forme di vita! Il dio lassù, se c’è a prescindere da com’è, penso che si senta molto offeso da tali dichiarazioni.

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti