Stivali e sTuvalu

28 July 2009, 15:59 | Alta politica | Commenti: 2

Un ottimo modo per capire la situazione politica in un paese è sempre stato il report annuale di Freedom House, che valuta con un punteggio da 1 (il massimo) a 7 il grado di libertà in ciascun paese, secondo due indicatori: i diritti politici, e le libertà civili. Ci sono altri progetti, a latere, sui diritti delle donne e sulla libertà di stampa.
È sempre stato anche un ottimo strumento di confronto: dire che in Italia c’è una dittatura è vergognoso, specie in spregio di chi sotto le dittature ci vive veramente. E il fatto che  l’Italia avesse la valutazione massima in entrambi i campi era un argomento molto potente a confronto con quelle che sono davvero le dittature: la Russia, per dirne una, che ha 6 e 5. Come si può immaginare, all’Italia non andava così bene in quanto a libertà di stampa.

È uscito il report del 2009, e per la prima volta dopo sette anni Freedom House declassa, a due, il livello delle libertà civili in Italia. Questo è l’elenco degli stati che hanno un grado di libertà civili migliore del nostro:

Andorra
Australia
Austria
Bahamas
Barbados
Belgium
Canada
Cape Verde
Chile
Costa Rica
Cyprus
Czech Republic
Denmark
Dominica
Estonia
Finland
France
Germany
Hungary
Iceland
Ireland
Kiribati
Latvia
Liechtenstein
Lithuania
Luxembourg
Malta
Marshall Islands
Micronesia
Monaco
Nauru
Netherlands
New Zealand
Norway
Palau
Poland
Portugal
Saint Kitts and Nevis
Saint Lucia
San Marino
Slovakia
Slovenia
Spain
Sweden
Switzerland
Taiwan
Tuvalu
United Kingdom
United States
Uruguay

– Commenti:



2 Commenti presenti su “Stivali e sTuvalu” – Feed

  1. fra Alberto – 28 July 2009, 17:29 (n° 1)

    Siamo messi male…

  2. L'Italia declassata da Freedom House | Distanti saluti | Scarpe fashion – 7 August 2009, 16:19 (n° 2)

    […] Approfondisci la notizia: L'Italia declassata da Freedom House | Distanti saluti […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti