Ultimo discorso registrato

6 June 2008, 3:08 | Gruppo misto | Commenti: 0

Paolo Madeddu su Macchianera:

Anche se Volavola è proprio da schiaffi: “Vola il pavone e vola il cardellino” – seguono puttanate sul grano e la farina, da canzone popolare antica confezionata per lo sdilinquimento degli amichetti del Tenco – quando poi partono i mandolini e le Sparagnate, vien proprio da mandarlo affanculo, al vecchio Ciccio. E alla fine, perché no? Ogni uomo manda affanculo la cosa che ama, diceva (all’incirca) Oscar Wilde: il problema è liberarsi della ragazza la cui faccia ricorda il crollo di una diga, degli aerei che stanno al cielo come le navi al mare, dei matti che vanno contenti, e persino degli uomini col machete sui fuoristrada. Okay, fatto – vaffanculo, Francesco De Gregori. Fottiti, Principe, Bacio Perugina in carta stagnola rossiccia, tu e il tuo elegante articolino sulla “gente senza cuore in giro per la città”. Vai in mona, col tuo sospiro sulla “sinistra che era paralizzata e la destra che lavorava in certe stanze stanche dove discutono di psichiatria, terrorismo e fotografia”. Va’ a dà via i ciapp, con le tue musiche orrende, pensate in mezzo minuto, che quella meno scontata è un esercizietto di ironia intitolato Carne umana per colazione – e suona come Live is life, mondo schifoso. Vattela a pijà ’n der culo, De Gregori, che dispensi con abilità frasine a effetto tue o scelte laddove il tuo laureato pubblico le potrà riconoscere (“Non ci si può bagnare per due volte nello stesso fiume”). Vacci, Francesco, tu e quel poetarvi addosso che Berlusconi realmente non può chiedere di meglio. Vacci con Walter e Nanni e tutti gli amichetti – e se ci trovate anche dei fiori in questa storia, sono vostri.

Queste sono chiacchiere melliflue e tanto paracule quanto gli ultimi dischi del presunto* De Gregori ai degregoriani comeannoi. Qual miglior artifizio del cercare di beccare tutte le citazioni? Bene. Però c’è tanta di ragione in essi, tante parole ammodino. Perché er Principe che fine c’ha fatto? Effettivamente, sta roba nun la fa più: insomma, tutto quel che resta è tutto quel che, ora, manca; tutto quel che avevi.

*Perché presunto? Ovvio, perché De Gregori è morto – ucciso dai suoi ultimi LP – dopo Amore nel pomeriggio. Avete presente la storia di Paul McCartney? Eh, si son sbagliati. Era Degregori. De Gregori è morto. Anzi, De Gregori era morto. L’ha scritto pure lui.

– Commenti:



Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti