Un aeroporto in mare

7 April 2009, 13:20 | Medio orientato | Commenti: 5

Molte volte mi sono trovato a spiegare l’assurdità della situazione attuale, fra occupazione e non occupazione, Palestina che c’è e Palestina che non c’è, dove possono andare i palestinesi, dove possono andare gli israeliani e dove nessuno dei due. E la verità, quella più semplice da spiegare, è che a Oslo ’94-’96 c’era una vera speranza di pace, ci furono delle concessioni, e degli accordi. E degli impegni. Quegli impegni dovevano essere rispettati, e nessuno li rispettò (per la precisione  i palestinesi rispettarono lo 0,00% e gli israeliani, forse, lo 001%), cosicché quella situazione che doveva essere provvisoria, e trasferire – nei successivi 20 anni – via via nuovi territorî si è cristallizzata, e l’attuale Autorità Nazionale Palestinese, sembra una sorta di arcipelago di isole. Certo, mai avrei pensato che qualcuno la rappresentasse per davvero così:

palestina

p.s. Quell’aeroporto, in mezzo al mare come da titolo, è quello (israeliano, ma su territorio palestinese) di Atarot. Sarebbe l’aeroporto di Gerusalemme, ma è chiuso da anni, perché nel raggio dei potenziali missili palestinesi.

>Source: 1<

– Commenti:



5 Commenti presenti su “Un aeroporto in mare” – Feed

  1. franco rivera – 7 April 2009, 13:47 (n° 1)

    l’immagine colpisce!
    In effetti il frazionamento del territorio è tale da renderlo un arcipelago di isolette separate tra di loro da un mare che non possono che sentire ostile.

  2. Alberto – 8 April 2009, 14:12 (n° 2)

    mamma mia, è incredibile, quando arrivi pensi di arrivare in uno stato compatto e poi guarda che macello!
    ;-)

  3. Alberto – 14 April 2009, 17:22 (n° 3)

    http://www.informazionecorretta.com/index.php forse Giovanni l’ha già linkato per chi non lo conoscesse è interessante, è un po’ sbilanciato, ma in fondo in fondo, chi non lo è?

  4. Giovanni Fontana – 14 April 2009, 18:21 (n° 4)

    Alberto ha scritto:

    è un po’ sbilanciato, ma in fondo in fondo, chi non lo è?

    è molto sbilanciato.
    Quanto a chi non lo è, io, tu, molti altri lettori del blog.

  5. Alberto – 14 April 2009, 19:52 (n° 5)

    @ Giovanni Fontana:
    ahahhahah! certo, in effetti noi lo siamo molto meno di loro!
    ;-)

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti