Vàntatene

7 February 2010, 10:37 | Alta politica | Commenti: 6

Min. Luca Zaia: «Molti della sinistra mi voteranno». Eh, se ti votano tanto di sinistra non sono.
«I leghisti sono i veri no-global». Sempre detto io.

– Commenti:



6 Commenti presenti su “Vàntatene” – Feed

  1. Gaspare Ressa – 7 February 2010, 10:41 (n° 1)

    Può darsi che sì e può darsi che no, però Maroni e Zaia stanno lavorando bene e se lo dice un terrone doc come me…

    Rispondi  |  Cita
  2. Giovanni Fontana – 7 February 2010, 12:24 (n° 2)

    Gaspare Ressa scrive::

    stanno lavorando bene

    Tipo?

    Rispondi  |  Cita
  3. Sergio – 7 February 2010, 12:32 (n° 3)

    Lega di lotta e di governo

    Rispondi  |  Cita
  4. franco rivera – 8 February 2010, 12:24 (n° 4)

    Giovanni Fontana scrive::

    Gaspare Ressa scrive::
    stanno lavorando bene
    Tipo?

    Di Zaia la prima cosa che mi viene in mente è la legge truffa sulle quote latte per dare privilegi a chi non ha pagato le tasse e metterlo nel “serrapapier” a chi invece era in regola

    quello lo ha fatto perfettamente ^___^

    Rispondi  |  Cita
  5. Ugo – 12 February 2010, 12:54 (n° 5)

    Mah, guarda che non ha tutti i torti, eh? Sono convinto che sui temi economici i leghisti siano o ignoranti o comunisti, ma ultimamente propendo per il comunista, perché l’ignorante almeno per sbaglio qualcosa di giusto farebbe.
    Ne ho avuto conferma qualche settimana fa quando un mio amico, consigliere comunale del PD, pubblicò su Facebook il seguente stato: “il consiglio comunale di San Giorgio in Bosco (maggioranza leghista dopo anni di centro-sinistra) ha votato all’unanimità l’ordine del giorno elaborato dal Partito Democratico sul tema dell’Acqua: l’interesse pubblico deve essere tutelato, no alla privatizzazione”. Il mio commento è stato “Sono anni che dico che la scelta in Italia è tra comunisti che negano di esserlo e comunisti che ignorano di esserlo”. Il sinistroide si sente tutelato dalla Lega perché non nega il dogma statalista, lo coniuga solo in forme diverse.

    Rispondi  |  Cita
  6. Shylock – 12 February 2010, 18:28 (n° 6)

    @ Ugo:
    Il tuo discorso si può facilmente rovesciare, proprio sull’acqua: ci sono i capitalisti selvaggi che negano di esserlo e quelli che manco sanno di esserlo.
    In Italia, già adesso, l’acqua da bere la pagano salata i cittadini dall’acquedotto pseudo-comunal-clientelare, mentre le imprese prosciugano il sottosuolo quasi aggratis per poi imbottigliarla e venderla.

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti