Venerdì 18 luglio / sera

18 July 2008, 18:27 | Diario dalla Palestina | Commenti: 1

L’Intifada dei bambini – Diario dalla Palestina 5

Mi hanno chiesto dei soldi e non gliel’ho dati. Appena ero abbastanza lontano hanno cominciato a tirarmi dei sassi. Uno mi ha preso in faccia. Ho pensato che il modo migliore per non dargli soddisfazione fosse fingere di non essere stato colpito. Ci sono cascati.

Stavo andando a comprare un cocomero e ho visto un bambino in cima a un balcone con un mitra giocattolo: “sparava” a tutti i passanti mimando il suono dei colpi  con la bocca e il rinculo del fucile con il corpo. Dopo aver puntato tutti i passanti ha rivolto il fucile verso di me e ha scaricato il suo caricatore; io con gesto fluido mi sono accasciato al suolo, in mezzo alla strada, a braccia larghe. Il ragazzino per due secondi è rimasto paralizzato, poi ha guardato la canna del suo fucile, incredulo. Non ricordo di aver mai sentito fare a nessun bambino una risata fragorosa come quella che ha fatto quando mi sono rialzato e l’ho salutato. Alla fine mi son dimenticato di comprare il cocomero.

P.s. Lo ammetto, erano trenta secondi che pensavo «dài spara a me, dài».

– Commenti:



Un commento presente su “Venerdì 18 luglio / sera” – Feed

  1. Meravigliosi 106 – 19 July 2008, 02:14 (n° 1)

    aiuto! mi riempiranno di botte!

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti