Venerdì 30 gennaio

30 January 2009, 13:15 | Diario dalla Palestina, immagina tu | Commenti: 6

Pop corn e McGyver – Diario dalla Palestina 153

Tutto comincia qualche giorno fa, quando abbiamo preparato la stanza a mo’ di cinema per vedere il film: sedie in prima fila, sedie in seconda fila, sedie in terza. Difatti, proprio come al cinema, appena diamo il via libera i bambini si catapultano, di corsa, per prendere i posti migliori. A quel punto, una delle mie scemate, prima di far partire il “quadro”, scrivo a caratteri cubitali sullo schermo “avete pagato il biglietto?”.

Seguono lamentele: «noi non paghiamo il biglietto perché non ci sono i pop-corn!» «senza i popcorn non è un vero cinema!». Uno a zero per i bimbi, dunque.

Era dura, perché al centro di Amal non c’è una cucina o un fornello. Ma non potevo non raccogliere la provocazione, così ci siamo consultati con Ahlam su cosa si potesse fare: «eeeh, se avessi ancora la bici potrei andarli a fare a casa, e tornare di corsa – ma a piedi arriverebbero più che freddi», dicevo io; «maddai, sono buoni anche freddi», diceva lei; «mannò, freddi non sono come al cinema», dicevo io; «Beh, ma comunque non lo sanno, il cinema l’hanno visto in televisione», diceva lei.

Perché dovete sapere che a Betlemme un cinema non c’è, ce n’era uno, ma è andato a fuoco e nessuno l’ha più ricostruito: ora la zona dove c’era il cinema si chiama “cinemà”, con l’accento sulla ‘a’ finale ma un cinemà non c’è.

«Possiamo chiedere a Nabil, se ci presta la cucina», ma ad Ahlam scocciava molto chiedere a Nabil. Così – c’era un mercoledì libero di mezzo – mi sono trasformato in McGyver, e al grido “se si vuole davvero fare, si può fare” ho preso da casa pentole, grani, mestoli, olî, scolatoî. Poi, inquadrato il mio obiettivo (una stufa elettrica), ho impugnato un cacciavite di fortuna (un coltello) e zac, via il coperchio. Poi un barattolino di vetro da mettere sotto alla stufa in modo che, adagiata per terra, sia orizzontale:

1-tolta-stufa.JPG

Poi si riavvita il coperchio in modo che sia molto più vicino alla fonte di calore, ma certi che il ferro non tocchi l’altro ferro, ed ecco qui Tina in posa, mentre si dà alla cucina – purtroppo Ahmed, il fotografo, non è bravo alla macchina fotografica, quanto Tina è brava con i popcorn:

2-tina-ahmed.JPG

Ed eccomi che servo il primo giro – Tina sembra divertita, ma mica tanto convinta di quei pop corn:

3-tina-non-sembra-molto-convinta.JPG

Alla fine tutti se ne convinceranno, a mani piene:

4-tutti-film.JPG

Tuttavia, è ovvio, i popcorn non li hanno distratti dalla proiezione di Robin Hood:

5-concentrati.JPG

– Commenti:



6 Commenti presenti su “Venerdì 30 gennaio” – Feed

  1. Rita – 30 January 2009, 17:45 (n° 1)

    io, al posto di “se si vuole davvero fare, si può fare” dico “sforzino fa sforzare”.
    Sei proprio il mio genio preferito.
    Ah, e grazie del programmino di ieri: ora ‘volo’ nella trasformazione delle virgolette!!!

  2. max – 30 January 2009, 23:53 (n° 2)

    that’s actually great! I guess your American soul is coming out right in the Holy Land! ah ah ah

  3. angela – 31 January 2009, 11:49 (n° 3)

    grande idea!!!sei veramente arguto!!ma il bello è che l’arguzia deriva dall’affetto profondo che hai per loro!!un abbraccio!

  4. I bambini - Diario dalla Palestina 154 | Distanti saluti – 31 January 2009, 13:58 (n° 4)

    […] Dunque due racconti che ieri non vi ho fatto a proposito di Popcorn e cinema: […]

  5. V. – 1 February 2009, 17:26 (n° 5)

    per me il pop corn é proprio una cosa da bambini (nel senso più onesto, ovvero bella) , da sola o in compagnia non lo mangerei mai, proprio il piglio snob intellettuale del “il film é un’opera seria, come osi mangiare!”.. però quando vado a vedere i film d’animazione con mio fratello, che son poi opere serissime di loro, scroc scroc scroc tutto il tempo dalla sua confezione e lui che mi dice di piantarla di batterglieli tutti!
    tutti in coro Giovanni re fasullo d’Inghilterra?

  6. Giovanni Fontana – 1 February 2009, 17:41 (n° 6)

    @ V.:
    In arabo?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti