Andava a cento all’ora di religione

17 October 2009, 19:53 | Alta politica, Il Male curabile | Commenti: 25

Io sono contrario all’insegnamento della religione islamica – e a quella cristiana, ebraica, induista – a scuola come sono contrario all’insegnamento di qualunque impostura della realtà cristallizzata dalla storia.
Sono ancor più contrario all’inoculamento, da parte dei genitori, di frottole basate su “fedi” fondate solo sul caso di essere nati in un posto anziché un altro.

Ma una volta che, nel Paese, si manifesta la necessità di avere l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole, non capisco dove sia tutto questo scandalo nel volerne proporre anche una di religione islamica.

– Commenti:



25 Commenti presenti su “Andava a cento all’ora di religione” – Feed

  1. sam – 17 October 2009, 20:13 (n° 1)

    ovvimente, una delle voci cristianamente contro, è quella di Tonini che fa parte della religione principale e più sovvenzionata dell’Italia.

  2. fra Alberto – 17 October 2009, 22:20 (n° 2)

    @Giovanni F.
    Forse sei poco informato, ma normalmente già nell’ora di religione cattolica insegnano l’islam, cosa che chiaramente io disapprovo…

  3. Giovanni Fontana – 18 October 2009, 02:43 (n° 3)

    @ fra Alberto:
    Non essere ridicolo Alberto: ti va bene, quindi, se religione cattolica la facciamo insegnare dagli imam?

  4. chiara – 18 October 2009, 11:01 (n° 4)

    Il punto è che ‘ste ore di religioni assortite vanno pagate. Cioè tocca che lo Stato assoldi anche degli islamici a far proseliti, come se non fosse già abbastanza uno spreco che assoldi cattolici a far proseliti, visto che il soldo ce lo mettiamo noi. Certo si può ragionare alla “rotta per rotta rompiamola tutta”, come nelle più evolute società. Cioè se non riusciamo a debellare il vizio, rendiamolo democraticamente distribuito? MA che bella idea!

  5. chiara – 18 October 2009, 11:06 (n° 5)

    @ fra Alberto:
    Albe’ ti prego, nelle ore di religione della mia scuola si insegnava per il 90% delle ore il tema fondamentale: Ogino Knaus, mille modi creativi per evitare di usare contraccettivi e passare una bella serata uguale. Che, è meglio di insegnare L’Islam, certo, e anche di una randellata sui denti.

  6. ugo – 18 October 2009, 11:07 (n° 6)

    Il problema non è che si insegni la religione islamica, quanto che, visto che i prof di religione cattolica sono scelti dalla curia, i prof di religione islamica dovrebbero essere scelti dall'(brrrrrr)Ucoii.
    Indipendentemente da questo sono favorevole ad un approfondimento dello studio delle caratteristiche della religione islamica nelle scuole, per il semplice motivo che bisogna “know your foe”.

  7. fra Alberto – 18 October 2009, 13:14 (n° 7)

    @ Giovanni Fontana:

    guarda che è la verità. Comunque il problema mi sembra più complesso e personalmente, allo stato attuale, preferisco una scuola pubblica completamente laica, ma che possa essere non-ideologizzata ne a destra ne a sinistra.
    Poi sull’educazione dei figli ne abbiamo parlato a lungo e ho una visuale diversa, credo che il fondamentalismo si vince con la giusta educazione religiosa e non con l’assenza di educazione. Sai come la penso, che se tu ti convertirai al cristianesimo, statisticamente parlando, sarai un fondamentalista, tu stesso lo ammetti :-)

  8. Giovanni Fontana – 18 October 2009, 14:55 (n° 8)

    fra Alberto scrive::

    credo che il fondamentalismo si vince con la giusta educazione religiosa e non con l’assenza di educazione.

    ahi, mi sa che ti stai dando la zappa sui piedi: educazione uguale metodo scientifico, in tutti i campi: letteratura, storia, biologia, aritmetica.

    A meno che tu non intenda “educazione” come inoculamento di un dogma qualunque, ma allora in quel caso perché non educare anche ai riti vudù?

    fra Alberto scrive::

    Sai come la penso, che se tu ti convertirai al cristianesimo, statisticamente parlando, sarai un fondamentalista, tu stesso lo ammetti :-)

    Come Gesù Cristo!

  9. farfintadiesseresani – 18 October 2009, 18:28 (n° 9)

    Educazione uguale metodo scientifico è la frase della settimana. Immagino che per educare tuo figlio, che so, all’apprezzamento dell’arte o alla capacità di volere bene tu ricorra alle celebri equazioni in merito, no? Chi non le conosce, dopotutto.

  10. fra Alberto – 18 October 2009, 18:57 (n° 10)

    @ Giovanni Fontana:
    Innanzitutto straquoto farfintadiesseresani, ma poi sta storia dell’educazione come metodo scientifico la devo dire alla mia nonna, le faccio avere una laurea honoris causa :-)
    eppoi sta storia dell’inoculamento del dogma è bella, mi sa che bisognerebbe capire cos’è sto dogma.

  11. Giovanni Fontana – 18 October 2009, 19:04 (n° 11)

    farfintadiesseresani scrive::

    Educazione uguale metodo scientifico è la frase della settimana. Immagino che per educare tuo figlio, che so, all’apprezzamento dell’arte o alla capacità di volere bene tu ricorra alle celebri equazioni in merito, no?

    Ovviamente. Tu a che metodo ricorri?

    [vorrei anche una tua risposta sull’oggetto in questione, e ne aspetto una di là]

  12. Giovanni Fontana – 18 October 2009, 19:07 (n° 12)

    fra Alberto scrive::

    bisognerebbe capire cos’è sto dogma.

    Ancora? Qualunque cosa che credi senza averne le prove.
    Ovviamente non è solo religioso.

  13. fra Alberto – 18 October 2009, 21:29 (n° 13)

    @ Giovanni Fontana:

    Le prove “scientifiche”, per il resto parliamo di “verità rivelate” da Dio e in particolare tramite Gesù Cristo.

    Ma solo la scienza esprime verità per te?

  14. Frank77 – 19 October 2009, 13:52 (n° 14)

    Il cristianesimo fa parte della nostra storia,quindi trovo giustissimo che lo si studi a scuola.

  15. Giovanni Fontana – 19 October 2009, 13:58 (n° 15)

    fra Alberto scrive::

    Ma solo la scienza esprime verità per te?

    Beh, se per scienza intendi l’insieme dei saperi – non solo quelli biologici/chimici etc – beh sì.
    Tu hai altri modi di approssimarti a ciò che è vero?

  16. Giovanni Fontana – 19 October 2009, 13:58 (n° 16)

    Frank77 scrive::

    Il cristianesimo fa parte della nostra storia,quindi trovo giustissimo che lo si studi a scuola.

    Quindi anche il Fascismo.

  17. Frank77 – 19 October 2009, 14:10 (n° 17)

    Ma infatti il fascismo lo studiamo a scuola :-)

  18. Giovanni Fontana – 19 October 2009, 14:12 (n° 18)

    @ Frank77:
    Ah sì, da quando?

    C’è l’ora di Fascismo? Con un professore inviato direttamente da Predappio?

    Sarebbe una cosa per cui fare una rivoluzione.

  19. Frank77 – 19 October 2009, 14:31 (n° 19)

    Evitiamo di fare i bambini con queste risposte da elementari.

    Sul fatto che sia assurdo che i professori di religione siano scelti dal vescovo,invece mi trovi d’accordo.

  20. Giovanni Fontana – 19 October 2009, 14:38 (n° 20)

    Frank77 scrive::

    Evitiamo di fare i bambini con queste risposte da elementari.

    Sul fatto che sia assurdo che i professori di religione siano scelti dal vescovo,invece mi trovi d’accordo.

    Benvenuto, è tutto lì il punto!
    Nella scuola italiana c’è l’insegnamento di RELIGIONE CATTOLICA.

    Fanno parte della “nostra” storia anche Giove, Marte e Venere. E difatti in storia noi insegnamo questi miti, ma non c’è un insegnamento di “religione romana”.

  21. Frank77 – 19 October 2009, 15:15 (n° 21)

    Giovanni partiamo da presupposti totalmente diversi:per te non è giusto dedicare un’ora all’insegnamento della religione cristiana,per me sì per l’importanza che ha avuto,e per questo non può essere messa sullo stesso piano della “religione romana”e perchè non accetto il paragone con la religione islamica;sarebbe come se uno mi dicesse,perchè nell’ora di storia non studiamo anche la storia del Giappone?

  22. Giovanni Fontana – 19 October 2009, 15:38 (n° 22)

    @ Frank77:
    Esatto. Io sto cercando di spiegarti che trovo il tuo presupporto poco fondato, perché sovrapponi la spiegazione di un fenomeno storico – come ogni religione è – con l’insegnamento di un credo.

    Vi sono centinaia di cose che sono state importanti nella nostra storia e di cui non insegnamo la pratica, ma solo la storia: perché? Perché non sono fondate su prove.

    Il geocentrismo è stato fondamentale per la nostra cultura. Dante Alighieri non avrebbe scritto – o l’avrebbe scritta in maniera completamente diversa – la Divina commedia, per dirne una.
    Eppure non si insegna “Scienza Geocentrica” a scuola. Nessuno si sognerebbe di insegnare ai bambini, oggi, che la Terra è al centro dell’universo perché “è stato importante per noi”.

  23. Lorenzo Panichi – 20 October 2009, 00:52 (n° 23)

    fosse per il fatto di far pari con l’ora di religione cattolica non me ne fregherebbe nulla, come ha scritto qualcuno parteciperemmo alla distribuzione di vizi, invece di puntare a toglierli.
    però quei giovani mussulmani, probabilmente, andranno a far lezione alla moschea ed in famiglia, quindi è meglio se gli passiamo la versione dell’islam che non indispone -troppo- all’uso della liberaldemocrazia e della ragione.
    e poi si tengono sotto controllo i fanatici

  24. fra Alberto – 21 October 2009, 13:51 (n° 24)

    Giovanni Fontana scrive::

    fra Alberto scrive::
    Ma solo la scienza esprime verità per te?
    Beh, se per scienza intendi l’insieme dei saperi – non solo quelli biologici/chimici etc – beh sì.
    Tu hai altri modi di approssimarti a ciò che è vero?

    Quindi ammetti anche la Teologia che ha metodo-oggetto-epistemologia :-)

    Ragà domani parto per la Germania! Una preghiera o un augurio fate come vi pare!!!
    :-)

  25. daria – 28 October 2009, 10:12 (n° 25)

    io sarei per ABOLIRE l’ora di religione e sostituirla con EDUCAZIONE CIVICA.
    Un modo per combattere l’ignoranza su questo argomento, che dilaga nel nostro paese.
    LO STATO , QUINDI ANCHE LA SCUOLA DEVE ESSERE LAICA.

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti