Concorso – la cena del cretino

30 October 2009, 10:10 | Ogni me è politico | Commenti: 11

In questi due giorni mi sono arrivate tantissime email, e sto piano piano rispondendo a tutte (quindi non vi preoccupate ché una risposta arriva) in mezzo ai mille affaccendamenti per la partenza.

Ho pensato a questo: visto che molti mi hanno proposto d’incontraci, come fossi una celebrità, ma anche come fossi – quale sono – un cretino, l’idea è la seguente: la cena del cretino, che poi sarebbe il pranzo del cretino, ma non tornerebbe col film.

Come funziona? Non dirò a nessun amico, né nessuna madre/padre/sorella/cugino, di venirmi a prendere all’aeroporto. Chi vuole, fra tutti i lettori, simpatizzanti, sicarî, animali addomesticati, api maie, viene e ci si va a fare tutti insieme una mangiata. Dove? Io direi ad Ariccia, dove si mangia bene e si spende poco (ho un posto dove una volta feci qualcuna delle mie scemate, tipo giochi a cui alla fine parteciparono tutti gli avventori, e il gestore mi chiese – per favore – di tornarci, promettendomi di poter mangiare “per sempre” tutto quello che voglio a 10 euro: e si badi bene, non “a vita”, ma “per sempre”!), ma comunque sono aperto a tutte le proposte: una volta che ci incontriamo si decide a maggioranza, e se siamo pari ne ammazziamo uno (in caso possiamo chiedere l’aiuto dei sicarî convenuti).

Ovviamente il tutto a rischio e pericolo, magari non viene nessuno e mi prendo il mio bel pullman per Ottaviano, la mia bella metro per Flaminio, il mio bel trenino per Labaro, e il mio bel bus per Colli d’Oro.
Se invece qualcuno c’è, ci facciamo una bella mangiata, ci divertiamo un primo pomeriggio, vi porto sulla salita-che-sembra-una-discesa dove tu metti una biglia e invece di scendere sale, e ci facciamo qualche bella foto che metto sul blog, e chi ha un blog mette sul suo blog.

Quando? Beh, avevo pensato di proporvi di venire al mio arrivo a Ouagadougou, in Burkina Faso, ma poi ho riflettuto che vi sarebbe stato un po’ ostico raggiungerlo (pelandroni! Ho sempre sognato di usare questa parola), quindi facciamo quando torno a Roma.
E cioè? Io arrivo a Fiumicino giovedì 12 novembre alle 12.40 con Air Algerie (faccio scalo ad Algeri), e ci vediamo all’uscita del Terminal C: il mio numero di telefono è 3281682797, così non ci perdiamo. Poi lo ripeterò, più in là, ma intanto chi vuole mangiare tanta porchetta e bere il vino de li Castelli se lo segni.
E per chi non è di Roma? Beh, non pretendo tanto! Ma se qualcuno vuole approfittarne per farsi un giro nella capitale posso offrire un materasso per terra in camera mia.

Unica regola: nessuno mi dica “io vengo”, voglio davvero rischiare di rimanere lì come uno stambecco.

– Commenti:



11 Commenti presenti su “Concorso – la cena del cretino” – Feed

  1. Mariarita – 30 October 2009, 10:19 (n° 1)

    Sei forte, Giovanni! ti invidio, vorrei essere (stata) come te.
    Un abbraccio, con l’augurio di essere sempre e solo te stesso.
    M

  2. a, – 30 October 2009, 10:58 (n° 2)

    a bene, non rispondiamo qui, ma metti che uno vuole venire ma è appiedato? almeno possiamo sfruttare sto spazio, chessò, per organizzare le macchine?

  3. Acciuga – 30 October 2009, 11:39 (n° 3)

    Non è giusto però…io di giovedì lavoro. Potevi organizzare per un fine settimana. Che peccato. Buuh!

  4. Giovanni Fontana – 30 October 2009, 13:05 (n° 4)

    @ Mariarita:
    Grazie!
    a, scrive::

    almeno possiamo sfruttare sto spazio, chessò, per organizzare le macchine?

    Eh no, qui lo leggo!
    Acciuga scrive::

    Non è giusto però…io di giovedì lavoro

    Mi dispiace, ma quello è il giorno in cui torno.

  5. Ger. – 31 October 2009, 20:19 (n° 5)

    Verrei volentieri ma la mattina lavoro, e se venissi non te lo direi affinhè sia fatta “la tua volontà”.

    Ma comunque, la storia del pullman, metro, teno e poi autobus mi ha colpito, quindi se alla fine non viene nessuno e ti trovi a ottaviano nel primo pomerggio, fammi pure uno squillo che almeno un passaggio fino a casa posso dartelo.

    Con l’occasione ti faccio tanti complimenti per le tue interviste!

  6. Valter Gallo – 2 November 2009, 18:22 (n° 6)

    mmh, credo che mi aggregherò. ;)

  7. Reminder -> Il pranzo del Cretino | Distanti saluti – 9 November 2009, 18:44 (n° 7)

    […] Ricordate l’iniziativa che avevo scritto qui? Beh, qualcuno se la ricorderà: il pranzo del cretino. Chi vuole, viene. Ora e giorno d’arrivo sono confermati: giovedì alle 12.40, il posto è il Terminal 3 degli arrivi, a Fiumicino.  Lì ci sono due bandierone gigantesche dell’Italia e dell’Unione Europea: ci si vede lì sotto. Altre cose sullo stesso tema:Concorso – la cena del cretinoReminderReminderLunedì degli aneddoti – IX – La guerra del FútbolL’Autorità […]

  8. chiara graziani – 9 November 2009, 22:32 (n° 8)

    Quando si tratta di mangiare, bene e a poco, sono sempre la prima a dire sì. Ma non sono del tutto padrona della mia vita…Diciamo che lavoro ed in altra città. Mi unisco in comunione, saluti fraterni, Chiara

  9. Anellidifum0 – 10 November 2009, 08:49 (n° 9)

    Beh io non verrò: il 12 novembre sarò ancora in Canada. Però abbiamo lo stesso gestore di telefonia italiana. Ti sei emozionato anche tu, vero? Spero di vederti a dicembre.

  10. angela – 10 November 2009, 15:55 (n° 10)

    Bello il tuo spirito organizzativo, tanto, tanto, io sarò vicina e presto voglio vedervi tutti insieme sulla prossima pagina :-)
    Un abbraccio generale e a te un BELLISSIMO RIENTRO!

  11. Appuntamento | Distanti saluti – 11 November 2009, 18:03 (n° 11)

    […] (o Domani se leggete proprio subito), Giovedì 12 ore 12.40, Terminal 3 Arrivi aeroporto di Fiumicino sotto la bandierona […]

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti