Accettare i difetti di chi si ama?

13 May 2010, 14:57 | CASO | Commenti: 1

interesse: 4 su 5

per il Post

Corso di Alfabetizzazione Sentimentale Obbligatoria – Prof. du Lac – 4° lezione
-
Eccoci di nuovo qui cari allievi,
il quesito della scorsa settimana ha dato àdito a risposte combattute, succulente e davvero polarizzate: c’è chi dice che bisogni – certamente – accettare i difetti dell’amato e chi dice, assolutamente, di no.

Facciamo chiarezza su quello che – in realtà – è solo un vezzo linguistico: “io amo i difetti del mio amato”. È l’errore in cui incorrono Anton Ioni e Federica trascurando l’elementare considerazione che gli individui hanno preferenze peculiari: se ciò che fa una persona ci piace, quello più che un difetto è una qualità. Dire che si ama qualcuno per i suoi difetti è una sciocchezza: per noi quella caratteristica è un pregio, checché ne dica il resto del mondo.

Esemplare, in questo senso, il compito di Gabriele:

NO, i difetti non si devono accettare: si devono affrontare. E vorrei però precisare che, secondo me, i difetti sono soggettivi e non oggettivi: io non considero un difetto l’essere disordinati, per mia madre è uno dei peggior difetti. Voler migliorare credo che sia la vera essenza dell’amore. Sia verso un’altra persona che verso se stessi.

Che ci permette di passare ad affrontare il punto centrale del CASO di oggi assieme a Saverio (posta):

In effetti credo che faccia parte delle “scienze sentimentali” l’idea per cui si possano comunicare dei “valori”, nella speranza che possano migliorare i nostri partner (e viceversa: se la mia compagna non mi migliora, che compagna è?). Insomma, la bellezza di un rapporto è anche quella di crescere assieme.

In questo senso un “+” va ad Alberto V (posta), Ally, Luca, Angelo, Marco, Franco, Potacchione (posta) e Lucia. Devo però una menzione speciale all’eccezionale, anche se un po’ arzigogolata, prova di Filippo: ne ho viste poche, di così buone, in decenni d’insegnamento.

Accettare qualcosa che non ci piace in una persona significa degradarla. Significa pensare che chi amiamo non abbia la capacità o la voglia di modificare un suo difetto. Significa condannarsi all’idea che un’altra persona – simile, ma priva di quel difetto – potrebbe presto prenderne il posto.

A.D. È così: se la coincidensa perfetta – almeno in partensa – è quantomeno implausibile, è vero che ci sono due possibili strade per fronteggiare tale imperfessione: si può decidere di cambiare gli uni per gli altri o di sottomettersi all’idea di piacere a metà. Si può scegliere d’impegnarsi a evolvere, o costringere chi ci sta accanto a tollerare ciò che non ama. È del tutto ovvio quale, fra queste due strade, sia quella dell’innamorato.

Non ci innamoriamo di mille persone alla volta, ma di una sola: è quella che ci può dare i migliori consigli e che ci sa insegnare le cose più giuste. Se non pensassimo questo di lei, come ce ne potremmo innamorare? E così viceversa: scelgo chi è già un bel terreno e ha la giusta disposissione per coltivarlo. È per questo che non potrei “accettare” i difetti della persona che amo: non potrei mai accettare di rinunciare a una parte di lui, di darlo per perduto.

È proprio così, Dora. Chi dice che le persone non cambiano fa un errore lordo: misura gli altri col proprio metro inane e stantìo; se non si è in grado o – più sinceramente – non si è disposti a migliorarsi, è abusivo estendere la stessa misura agli altri. È probabile che ci siano persone ottuse e affezionate ai lati peggiori di loro stessi, ma non è fra queste che vogliamo scegliere il nostro amato.

Perfettamente speculare a questo è ciò che, in proprio, va fatto: non bisogna accettarsi, non bisogna “essere sé stessi”, bisogna costantemente cercare di essere un’altra persona, un “io” – un po’ – migliore del giorno prima. E l’unico modo per fare questa operazione è scegliere una persona che ci sia alleata, una persona con cui – dandole il braccio – salire milioni di scale.

-

A.D. Questa settimana, nei compiti a casa, facciamo il primo passo dalla teoria all’applicassione pratica:

Valentino/a vi lascia, dopo diverso tempo assieme, dicendovi che si è reso/a conto che non gli/le piacete. Quali sono i vostri pensieri? Come agite?

Inviate le vostre risposte qui sotto oppure nella posta del Prof. Discuteremo le risposte martedì prossimo.


Altre cose sullo stesso tema:

  1. Accettare la pace
  2. In difesa di chi applaude ai funerali
  3. Chi invecchia e chi no
  4. Ride bene chi ride ultimo
  5. Guevara chi?

Condividi – Commenti:

Un commento presente su “Accettare i difetti di chi si ama?” – Feed

  1. Shylock – 13 May 2010, 16:28 (n° 1)

    “Chi dice che le persone non cambiano fa un errore lordo: misura gli altri col proprio metro inane e stantìo.”

    Ommioddio: siamo al Teorema dello Specchio Riflesso?

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.