Domenica 9 novembre

9 November 2008, 23:22 | Diario dalla Palestina | Commenti: 3

Concorrere – Diario dalla Palestina 97

Loro hanno pensato che fossi magico, dico i bambini. In realtà solo tanta fortuna, di quella che non ti aspetti. La volta è quella della Coca Cola + Mentos, come già raccontato avevo comprato due bottiglie di Diet Coke, la quale per il decennale della presenza in Palestina – così poco? Sì, perché fino a non molto tempo fa la Pepsi aveva deciso di andare nel mondo arabo e non in Israele, così la Coca Cola aveva l’opposto – proponeva uno dei soliti concorsi “gira il tappo e vedi se hai vinto”.

Di quelli che non vinci mai, insomma.

E invece allo stappamento del secondo tappo, i bambini mi dicono (io non leggo l’arabo) – urlando di gioia – che ho vinto delle posate! Ora, io per le posate non vado così matto, ma la loro gioia e il fatto che mi dicessero di averci provato tantissime volte e poi “arrivo io e vinco”, mi aveva fatto sentire baciato dalla buona sorte. Dimentico della circostanza fortunata – e poi, pensavo: magari mi stanno facendo uno scherzo perché sanno che non leggo l’arabo – iniziamo il gioco, che entusiasma quanto immaginate. Entusiasma talmente tanto che alla fine le due bottiglie non bastano: bisogna ripeterlo!

Quindi di corsa mi tuffo nel negozio assieme a Yazan, Ahmed e Nasri per comprare un’altra bottiglia. Torniamo altrettanto di corsa e… di nuovo: hai vinto un bicchiere!

cola.JPG

I bimbi erano esterrefatti, pensavano fosse uno dei miei soliti giochi: ci doveva essere un trucco sotto!

p.s. in Italia non ho mai vinto nulla.

– Commenti:



3 Commenti presenti su “Domenica 9 novembre” – Feed

  1. Valentina – 10 November 2008, 10:19 (n° 1)

    direi..che “classe”! XD

  2. daniela – 10 November 2008, 11:37 (n° 2)

    grande!

  3. Personalità 21 – 11 November 2008, 01:01 (n° 3)

    Mago Paco!

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti