I complottisti sono malati

7 June 2010, 17:24 | Il di dietro | Commenti: 54

interesse 3 su 5

Non avrei mai pensato di essere più tenero del dovuto con i cospirazionisti. Ho sempre detto che una persona per bene non crede ai complotti, perché il solo fatto d’immaginare un diabolico e arzigogolato piano orchestrato ai proprî danni, rende i contorni di una persona: significa, al tempo stesso, avere un’intelligenza diabolica per immaginarlo, e una disposizione d’animo sedotta dal male per crederlo vero. Vedere sempre un lato oscuro in ogni cosa, è un ottimo indizio della presenza di un lato oscuro in chi lo vede.

Leggendo questo articolo del New Scientist ho scoperto di essere stato perfino buono: ci sono diversi tipi di movimenti che rifiutano “la verità ufficiale”, declinandola in un piano di irrealtà fosca e paranoica, ma hanno tutti dei tratti comuni. Il rifiuto della realtà, è – il paradosso delle due cose assieme – un rifiuto della complessità, e un rifiuto della semplicità. L’analisi psicologica ed emotiva di chi è cagionevole a questo tipo di doppio pensiero è piuttosto spietata:

Qualunque cosa stiano negando, i movimenti negazionisti hanno molto in comune fra loro, non ultimo l’uso delle stesse strategie. Tutti si considerano come dei coraggiosi difensori degli oppressi che lottano contro un’élite corrotta legata a una cospirazione per sopprimere la verità, o per dare corpo a una malevola menzogna, ai danni delle persone normali. Il complotto è solitamente descritto come impegnato a promuovere un sinistro piano: che sia lo Stato del Grande Fratello, la conquista dell’economia mondiale, il potere dei governi sugli individui, il guadagno economico, o l’ateismo.

Il cospirazionismo è storicamente un riflesso del pensiero di destra, del conservatorismo contrario al progresso scientifico. Ne sono espressione il rifiuto dell’evoluzionismo, quello del riscaldamento globale, il collegamento fra HIV e l’AIDS o fra il tabagismo e il cancro. Tuttavia, come molte altre cose destrorse, sta attecchendo anche a sinistra, specie quando ci sono di mezzo gli americani: i complottisti dell’Undici Settembre, quelli che Armstrong non è mai stato sulla Luna, e così via.

C’è un’intera componente, in questi movimenti, che strizza l’occhio al populismo anti-elitario: che vede lo studio – e lo studio dei fenomeni – come un metodo per industriarsi ad abbindolare il prossimo. Gli “esperti” sono coloro che hanno più strumenti per nascondere la verità: emblematico il caso di un candidato al direttivo per l’educazione del Texas, Don McLeroy, che in un dibattito a favore del creazionismo si espresse con un nitido «qualcuno dovrà pur fronteggiare gli esperti!»

Alla fine dell’articolo ci sono 6 regole che il complottista-tipo usa – nella propria testa e al di fuori – per avvalorare la propria tesi e renderla inoppugnabile. Io ne aggiungerei una settima, che è quella più depressiva e manifesta in questo tipo di ragionamenti: qualunque evento darà ragione al proprio teorema complottista. Ciascuna cosa sarà prova del complotto, o del tentativo di nascondere il complotto. Se tu dici “Viva l’America!” è perché sei un agente della CIA, se dici “America schifo!” è perché stai cercando di nascondere che sei un agente della CIA. Così facendo, qualunque espressione della realtà – l’una, o quella contraria – dimostrerà il teorema paranoide.

Se – dice Kalichaman, psicologo che ha passato degli anni a studiare i movimenti negazionisti dell’HIV dal di dentro – le persone propense a credere a complotti e negazionismi sono, per buona parte, individui ordinarî e in buona fede, essi mantengono una fragilità del pensiero che li porta a manipolare pensieri attendibili e non. Non va così bene agli animatori dei movimenti negazionisti, per i quali la diagnosi è ancora peggiore:

Questi mostrano tutti i tratti del disturbo paranoide della personalità, incluso la rabbia, l’intolleranza alle critiche, e ciò che gli psichiatri definiscono come un grandioso senso della propria rilevanza nel mondo. In definitiva, il loro negazionismo è un problema mentale. È per questo che tutti questi movimenti presentano le stesse caratteristiche, specialmente nella sottesa teoria cospirazionista.

Né i  capibastione né le truppe negazioniste mentono nel senso più convenzionale: sono intrappolati in ciò che gli studî delle nevrosi chiamano “pensiero sospettoso/diffidente”. Lo stile cognitivo dei negazionisti rappresenta un senso della realtà deformato, che è la ragione per la quale discuterci è del tutto inutile. Tutte le persone adattano il mondo al proprio senso della realtà, ma la persona sospettosa distorce la realtà con una rigidità fuori dal comune.

Ragazzi, non penseranno mica di darcela a bere?

– Commenti:



54 Commenti presenti su “I complottisti sono malati” – Feed

  1. dtm – 7 June 2010, 18:14 (n° 1)

    simile ai complottisimi c’è l’universo delle medicine alternative (dai clisteri al caffè alla dieta secondo i gruppi sanguigni, passando per la nuova medicina di Hammer) nel quale, da quel che ho potuto constatare, i cosiddetti sostenitori son spesso persone ignoranti che non riescono a comprendere il ragionamento scientifico. per il resto sono sovrapponibili.
    è una tragedia tristissima.

  2. izzo – 7 June 2010, 18:41 (n° 2)

    il complottismo americano è il contraltare del patriottismo che porta a essere scettico verso ogni altra verita’ mentre il negazionismo è spesso figlio di un’ideologia.

  3. chelidon – 7 June 2010, 18:42 (n° 3)

    bello. naturalmente questo post e l’articolo citato fa parte del grande complotto per far credere ai complottisti di essere fuori di testa.
    occhio, nella seconda parte tradotta c’è un “i i” seguito da “capibastIone” (lapsus piuttosto grazioso)

  4. chelidon – 7 June 2010, 18:45 (n° 4)

    (ovviamente, guardare pagliuzze nei tuoi occhi mi distrae dalle mie travi)

  5. Dario Giorgi – 7 June 2010, 19:02 (n° 5)

    Bell’articolo! dovresti segnalare il tuo post a Paolo Attivissimo! http://attivissimo.blogspot.com/

  6. limem – 7 June 2010, 19:09 (n° 6)

    “sono intrappolati in ciò che gli studî delle nevrosi chiamano “pensiero sospettoso/diffidente”..”

    pero a volte e’ dura non essere diffidenti anche volendo …un esempio a caso …influenza terribile dell’anno scorso…

  7. Giovanni Fontana – 7 June 2010, 19:13 (n° 7)

    chelidon scrive::

    nella seconda parte tradotta c’è un “i i” seguito da “capibastIone”

    Correggo subito, grazie del correggermi.
    Mille di queste pagliuzze!

  8. Giovanni Fontana – 7 June 2010, 19:18 (n° 8)

    Dario Giorgi scrive::

    Bell’articolo! dovresti segnalare il tuo post a Paolo Attivissimo! http://attivissimo.blogspot.com/

    Non è molto bello che lo faccia io: se pensi possa interessargli, scrivigli.

  9. Sergio – 7 June 2010, 20:06 (n° 9)

    Sarà deformazione professionale di monetarista, ma i miei preferiti sono quelli del “signoraggio”, secondo cui c’è una truffa miliardariaai danni di tutti i cittadini mondiali da parte delle “bbanche”.

    Sono irresistibili.

  10. Shylock – 7 June 2010, 20:49 (n° 10)

    Giovanni Fontana scrive::

    sta attecchendo anche a sinistra

    Sta attecchendo?!
    Mi sa che sei rimasto un po’ indietro.

  11. Stefano – 7 June 2010, 21:21 (n° 11)

    Hai di nuovo letto jesusandmo? :-)
    http://www.jesusandmo.net/2010/05/18/yeah/

  12. chelidon – 7 June 2010, 21:26 (n° 12)

    ahem, capibastione c’è ancora. starò sbagliando io? a me risultava “capibastone”.
    (sì, controllato, giusto come dico io. ma se vuoi creare una nuova parola, non ho niente in contrario).

  13. Max – 8 June 2010, 02:24 (n° 13)

    @ limem:

    damned if you do, damned if you don’t per voi cospirativi…..

    immagino che se l’epidemia avesse decimato milioni tu saresti stato tra le file di chi protestava contro big pharma e la grande judeo-masonic conspiracy che vede l’industria preferire produrre medicinali costosissimi per malattie croniche piuttosto che vaccini a basso costo per malattie infettive….

    il fatto e’ che ,purtroppo per tutti noi, big pharma ha margini di guadagno ridottissimi per quel che riguarda nuovi antibiotici e vaccini…e non solo non ci investe molto ed ha catene di produzione antiquate, ma non produce prototti nuovi…ed in prospettiva quello e’ un problema serio, te ne accorgi la prossima volte che vai in ospedale per un bugno infetto e ti ritrovi senza una gamba dopo una settimana….

    la realta e’ che l’influenza uccide e che c’e’ una finestra di poche settimane tra quando si identifica un nuovo ceppo epidemico di solito in primavera a quando si deve cominciare a produrre ad inizio estate, pena rischiare di essere nel picco infettivo avanzato senza nessuna o sufficienti dosi di vaccino disponibili. si parla di 4-6 settimane e durante quelle 4-6 settimane cio che accadeva in messico era allarmante abbastanza da spingere scienziati indipendenti per incorporare il nuovo H1N1 nella catena produttiva.

    e’ il rischio di decisioni che devono essere prese con pochi dati.

  14. franco rivera – 8 June 2010, 11:21 (n° 14)

    Shylock scrive::

    Giovanni Fontana scrive::
    sta attecchendo anche a sinistra
    Sta attecchendo?!
    Mi sa che sei rimasto un po’ indietro.

    @Shylock
    non posso che darti ragione

    @Giovanni
    come spesso accade siamo in sintonia

  15. Pla – 8 June 2010, 17:33 (n° 15)

    Concordo ma ho un problema che mi assilla da tempo.

    Per anni quelli che hanno chiesto più chiarezza su Ustica sono stati additati come complottisti. Nei primi anni le tesi portate avanti, i tipi di indizi citati e molti altri particolari sono stati davvero simili a quelli usati dai complottisti attuali (io conosco bene solo quelli dell’11 settembre ma immagino che anche gli altri facciano cose simili).

    Però, dentro di me, io so che Ustica e 11/9 sono cose diverse. Ma perché? Sulla base di quale prove posso giustificare ciò che l’istinto mi suggerisce?

  16. franco rivera – 9 June 2010, 09:04 (n° 16)

    Pla scrive::

    Concordo ma ho un problema che mi assilla da tempo.

    Per anni quelli che hanno chiesto più chiarezza su Ustica sono stati additati come complottisti.

    attento
    affermi una cosa non vera

    chi chiede chiarezza e prove NON è un “complottista”

    “complottista” è chi trae conclusioni da dati completamente inattendibili o addirittura inventati

  17. Giovanni Fontana – 11 June 2010, 11:49 (n° 17)

    La questione fondamentale, secondo me, e come aggiunta a ciò che dice Franco, è – per ciascuna delle proprie opinioni – un fatto, un accadimento, qualunque cosa che provi le nostre teorie come sbagliate. Mettere in gioco le proprie idee, significa – fondamentalmente – questo.

    Perciò se, nei casi specifici, puoi immaginare un evento che ti possa smentire vuoldire che hai un buon anticorpo contro la mente inquisitoria e cospirazionista.

    Mi sa che così non si capisce bene cosa intendo: ti faccio quest’esempio, ricordo che c’erano diverse persone che conoscevo – prima della pubblicazione delle foto di Abu Ghraib – che dicevano che gli americani in Iraq, in Afghanistan, e in tutti i teatri di guerra facevano cose orrende come torturare i civili, o fare violenze deliberate. Ma che ci fosse un enorme asservimento e un immenso controllo per cui tutte le torture non venivano fuori, il sistema d’informazione era in loro possesso.

    Nel momento in cui vennero fuori le foto di Abu Ghraib loro avrebbero dovuto dire: avevamo ragione, almeno su una prigione, però dobbiamo ricrederci – non c’è questo sistema di copertura per cui nulla viene fuori.
    Invece dicverse persone dissero: questo dimostra che c’è un sacco di sommerso! Se ci fanno vedere questo, chissà cos’altro c’è sotto!

    Così, nessuna teoria può essere smentita.

  18. Angelo – 11 June 2010, 14:43 (n° 18)

    Mi sembra chiaro, è filosofia popperiana. Un’affermazione è scentifica se è smentibile- ciò vuol dire che, se l’affermazione non è smentibile, come nel caso dei cospirazionisti, l’affermazione non è scentifica.
    L’errore che si fa secondo me è un altro: certo, non bisogna partire da nessun preconcetto; ma questo non vuol dire che alcune teorie o affermazioni,dette cospirazioniste, non possano essere LOGICHE. Questo vale per alcune questioni, come l’esistenza di Dio, che(scommetto) tu definiresti cospirazionista.

  19. Giovanni Fontana – 11 June 2010, 16:04 (n° 19)

    Beh, no, non è una teoria cospirazionista. È, appunto, una teoria infondata: come quella dell’esistenza della teiera cinese intorno all’orbita di Marte. Non c’è nessuna prova positiva, e diverse prove negative.
    Ma, partento appunto da questi presupposti infondati, i varî culti sono pienamente logici: a partire dall’idea che Dio ti richiede di far fuori gli infedeli, perché ti ha creato per quello, etc, è pienamente logico farsi esplodere su di un autobus pieno di gente a Gerusalemme.
    Cosiccome, se credi che visto che la tua vicina di casa possiede un gatto, ella sta tramando contro Cristo e il suo tocco può mandare tuo figlio all’inferno per l’eternità, darle fuoco sarà perfettamente logico e poco grave rispetto al timore di quello che può fare-

  20. Alessio – 17 June 2010, 13:19 (n° 20)

    Ma pensa un po’!! Adesso quelli che leggono Chomsky hanno un “disturbo paranoide della personalità” mentre quelli che ascoltano il Tg1 pendendo dalle labbra del conduttore sono sani… Ma fatemi il piacere!! Questo articolo è teso a screditare chi si fa domande sugli avvenimenti e va a ricercare altre fonti di informazione, altre testimonianze, altre opinioni che non siano quelle uniformate dei maistream. Voi chiamateli visionari, io vi chiamo ingenui.

    P.S. Sull’AIDS, per l’appunto… http://www.youtube.com/watch?v=WQoNW7lOnT4

  21. CocoComet – 21 June 2010, 22:41 (n° 21)

    @ Alessio:

    Ma dai, Alessio, davvero tu in tutto questo post leggi ciò che hai scritto? Hai appena reso un pessimo servizio alla tua causa, qualsiasi essa sia. Complimenti, davvero.

  22. Angela – 22 June 2010, 12:08 (n° 22)

    “Vedere sempre un lato oscuro in ogni cosa, è un ottimo indizio della presenza di un lato oscuro in chi lo vede”

    ????? Perché chi non lo vede mai é privo di lati oscuri? Cos’é quest’analisi psicologica da 4 soldi?

    “Ne sono espressione il rifiuto dell’evoluzionismo, quello del riscaldamento globale, il collegamento fra HIV e l’AIDS o fra il tabagismo e il cancro. Tuttavia, come molte altre cose destrorse, sta attecchendo anche a sinistra, specie quando ci sono di mezzo gli americani: i complottisti dell’Undici Settembre, quelli che Armstrong non è mai stato sulla Luna, e così via”

    E arridaglie, che malafede! Cioé, secondo voi se io mi faccio delle domande sull’undici settembre vuol dire per forza che devo credere alla non-esistenza dell’AIDS,al creazionismo e ad altre balle? Cioé, o credi a tutto o non credi a niente? E le vie di mezzo non esistono?

    Non pensate che in linea di principio é sempre bene verificare e andare oltre quello che dicono i TG e la televisione e i governi ufficiali?
    E allora perché esisterebbero i segreti di Stato?

  23. Alessio – 27 June 2010, 11:33 (n° 23)

    @CocoComet No no, dai scherzavo. Sicuramente è come dite voi. Dieci arabi barbuti armati di taglierini hanno buttato giù due torri nel cuore di New York. Huahauahauahauahauahauah!!!

  24. Giovanni Fontana – 27 June 2010, 13:05 (n° 24)

    @ Alessio:
    Sì, effettivamente le tue spiegazioni sulla responsabilità da attribuire agli extraterrestri fanno molto ridere.

    Ora facciamo questo test: quali sono le prove di cui avresti bisogno per credere vero che – effettivamente – sia stata Al Quaida, e quali sono le prove di cui hai bisogno per NON credere che sia stato un complotto massonico-plutocratico-sionista.

    Posso fornirti le stesse risposte per parte mia: tu puoi? Temo di no: temo che la tua teoria sia un assioma.

  25. Alessio – 2 July 2010, 14:53 (n° 25)

    Basta ragionare e spulciare un po’ su internet, mio caro. Mi rendo conto che sia molto più rassicurante pensare che i soliti 10 arabi barbuti abbiano voluto abbattere due torri perché non vedevano loro di avere 77 vergini tutte per sé. Ah, questi invasati religiosi…
    Però come dicevo, bisogna almeno ragionarci un attimo prima di accusare i “complottisti” di essere visionari alla stregua di quelli che dicono che Elvis è ancora vivo. Prima di idolatrare Travaglio e pensare che Giulietto Chiesa sia un mentecatto occorre soppesare certe notizuole che vengono fuori, nascoste certamente dai più importanti mignotte e trans che affascinano i politicanti di casa nostra. Tipo, per esempio, questi ritrovamenti di termite al WTC, (fonte un articolo pubblicato su Chemical Physics Journal, mica l’Avvenire), che quel giorno ci fu uno straordinario tasso di assenteismo, che Bin Laden ebbe rapporti con la Cia fino a poche settimane prima dello spettacolare evento, che molti dei dirottatori sono stranamente vivi e vegeti, che gli USA si sono affrettati a bombardare l’Afghanistan e ad installarsi lì (chissà perché non ci abbiamo pensato anche noi a bombardare a tappeto quando c’erano le Brigate Rosse) e chissà come mai ogni tanto quando c’è da sensibilizzare l’opinione pubblica si mette su un aereo un disgraziato senza passaporto (prova a salire tu su un aereo senza documenti…) che vuol far esplondere un ordigno che si era messo dentro le mutande (in effetti i neri hanno dei cannoni…!).
    Ovviamente sono dispostissimo a inviare link a supporto di tutto ciò, basta chiedere. E tu, hai qualcosa da mostrarmi per suffragare la tua tesi, qualcosa che non abbia già visto sul Tg1 magari?!?

  26. Giovanni Fontana – 2 July 2010, 21:58 (n° 26)

    Alessio scrive::

    Mi rendo conto che sia molto più rassicurante pensare che i soliti 10 arabi barbuti abbiano voluto abbattere due torri

    Rassicurante? Ma sei matto. È molto più rassicurante pensare che ci sia un complotto mondiale, e quindi noi siamo destinati a non poter fare nulla, e a non doverci muovere.
    Te lo insegnano al primo esame di psicologia.

    Alessio scrive::

    Prima di idolatrare Travaglio

    ???

    Alessio scrive::

    questi ritrovamenti di termite al WTC

    Ok, non sai cos’è la termite.

    Alessio scrive::

    che molti dei dirottatori sono stranamente vivi e vegeti,

    BOOOOOOM! Poi dici di Elvis Presley. Questa bischerata è stata smentita pure dai principali teorizzatori complottisti che – anzi – sostengono sia stata una voce messa in giro proprio dalla CIA per screditare il fronte complottista.

    Senti, facciamo così: tu raccontami, precisamente, come è andata secondo te, perché so già quello che farai. Sposterai i paletti.
    Quindi di’ chiaramente come pensi che sia andata, e io farò opera di smentita su ciascuna delle invenzioni.

  27. Alessio – 3 July 2010, 09:58 (n° 27)

    Che sia rassicurante che ci sia un complotto universale “massonico-plutocratico-sionista” è una tua opinione. Il mio riscontro invece è che il popolino crede ciecamente ai media, senza farsi nessuna domanda. Io non so quale sia stato lo scopo di questa messinscena ma mi sembra alquanto strano che 19 arabi si siano potuti impossessare di 3 aerei armati di taglierini e abbiamo distrutto due torri nel cuore di New York. Se a te tutto torna sono felice per te, ma per me è men male agitarsi nel dubbio che riposar nell’errore.

    P.S. Trattasi di nanotermite e non di termite, pardon.
    P.P.S. Pregasi di postare qualche link che confermi che quei dirottatori siano effettivamente morti l’11 settembre.
    P.P.S. Ti consiglio di approfondire qualcosa che riguardi il rapporto tra Osama e gli USA.

  28. Giovanni Fontana – 3 July 2010, 12:43 (n° 28)

    Alessio scrive::

    il popolino

    Naturalmente tu non ne fai parte, no?

    Alessio scrive::

    Io non so quale sia stato lo scopo di questa messinscena

    Ah, e allora di che parli?

    Lo vedi che hai esattamente, alla lettera, il comportamento che viene descritto dell’articolo del New Scientist? Non hai idea di come sia andata, ma ciò che ti è sufficiente è dubitare della verità-ufficiale.

    Mi dimostri che la tua opinione è falsificabile?

  29. Alessio – 3 July 2010, 14:39 (n° 29)

    In realtà per quanto mi riguarda la spiegazione la si potrebbe cercare nei 10 anni di politica estera americana successivi, ma potrebbe essere una spiegazione semplicistica, ma io a differenza tua non ho tutte le verità.
    Che tu mi bolli come un individuo con, aspetta com’era, fragilità di pensiero, e poi, disturbo paranoide della personalità sinceramente non me ne po’ frega’ de meno, è una definizione creata ad hoc per etichettare quelli che seguono ragionamenti non preconfezionati… Come detto io sono pieno di dubbi, leggo molto a destra e a manca, può anche darsi che non mi accorga di qualche panzana, il mio pensiero è in perenne evoluzione. Mi compiaccio di ciò: maggiore è l’ignoranza, maggiore è il dogmatismo.
    Il mio obiettivo è solo questo, instillare il dubbio. Ti lascio con questo link http://www.ae911truth.org/, ciao caro, torna a scrivere qualche bell’aneddoto

  30. Alessio – 3 July 2010, 14:41 (n° 30)

    troppi “ma” nella prima frase, non rileggo mai

  31. Angelo – 3 July 2010, 19:17 (n° 31)

    noi non conosciamo tutta la verità, alcune volte è impossibile poter falsificare una teoria. Ciò non vuol dire però che sia una verità assoluta…
    Ok, ci sono delle teorie “complottiste” che non stanno nè in cielo nè in terra, ma alcune volte succede che, non avendo i mezzi per verificare se Berlusconi ha riciclato soldi mafiosi o no, che faccio, mi allineo con la versione ufficiale? Anche se ci sono condanne varie in primo grado, punti oscuri che rimandano a qualcos’altro ecc.
    Ciònonostante berlusconi è stato assolto più e più volte. Sicuramente avranno ragione i giudici. Qual’è la prova più attendibile? Le mie supposizioni o la verità ufficiale?

    Non sempre è così facile dire: la versione ufficiale è quella giusta. Ci sono volte che si rimane nel dubbio, con la possibilità, seppur minima, di aver ragione

  32. Angelo – 3 July 2010, 19:20 (n° 32)

    insomma, le verità scentifiche non sono assolute.

  33. Alessio – 3 July 2010, 20:09 (n° 33)

    Un altro argomento sul quale “quelli che benpensano” sbeffeggiano “quelli che a pensar male si fa peccato ma qualche volta ci si indovina” potrebbe essere il caso del mostro di Firenze. Tre contadini che ignorano l’indicativo presente del verbo essere che uccidono 8 coppiette (di giovani) e amputano il pube alle vittime femminili con chirurgica precisione… Se gli paventi l’implicazione di una setta massonica ecco che il loro cervello lineare li ricollega a Garibaldi e Mazzini, per cui ti ridono in faccia…

  34. Tutte e tre, a rotazione. | Distanti saluti – 23 February 2011, 21:05 (n° 34)

    […] anche lui sempresialodato, ha cominciato una rubrica-bestiario tutta di email che riceve dai varî complottisti e malati denigratori – un po’ sul modello di hatemail with Dawkins – in cui riporta i teoremi […]

  35. Mattia – 2 March 2011, 18:39 (n° 35)

    Gentile Giovanni,
    ho letto e condivido quello che ha scritto.
    Vorrei però chiederle, restando sul tema, se a suo avviso Paolo Barnard ha ragione quando parla della cessione di sovranità nazionale a favore di sovrastrutture di stampo prettamente economico come l’Unione Europea.
    Glielo chiedo perché effettivamente sembrerebbe un discorso da cospirazionista quello che fa, eppure è ricco di riscontri.
    Suppongo che sarebbe da stolti definire tutti coloro che parlano di Sistema ed Antisistema come dei cospirazionisti affetti da una sindrome egocentrica, si commetterebbe lo stesso loro errore di semplificazione.
    Cordialità

  36. Giovanni Fontana – 3 March 2011, 14:09 (n° 36)

    @ Mattia:
    Ciao Mattia, diamoci del tu.
    Se mi dài qualche link a ciò di cui ti riferisci ti do il mio parere. Le volte che ho letto Barnard non mi ha convinto moltissimo, però l’ho fatto frettolosamente e di sfuggita.

    In genere, ciò che io definisco “complottista” è ciò che non può essere smentito da niente che succeda nel mondo.

  37. “Noi non siamo così” | Distanti saluti – 4 May 2011, 20:13 (n° 37)

    […] giro per il mondo è molto più importante che tentare – senza possibile successo – di appagare delle persone malate della peggiore malattia: la […]

  38. Le piroette di Borghezio e Magdi Allam | Distanti saluti – 27 July 2011, 19:20 (n° 38)

    […] è precisamente la lingua di quei rintronati dei cospirazionisti (o, più propriamente, clinicamente malati) per i quali gli attentati del terrorismo islamico sono compiuti dalla […]

  39. Max – 27 July 2011, 19:38 (n° 39)

    La CIA in uno studio defini 4 elementi o semplificazioni del pensiero cospirativo:

    -Appearances deceive;
    -Conspiracies drive history;
    -Nothing is haphazard;
    -The enemy always gains power, fame, money, and sex

    questi 4 elementi e l’impermeabilita a fatti ed teorie alternative (e.g. un sacco di eventi in politica internazionale sono piu spesso il risultato di “unintended consequences” e dei limiti umani piu che di macchinazioni di elites infernali…) le rendono perniciose, ed attraenti allo stesso tempo.

  40. Giovanni Fontana – 27 July 2011, 19:42 (n° 40)

    @ Max:
    “America’s mistakes are sometimes so basic that its rivals can’t believe that they’re really mistakes and instead react as if they’re part of a master plan.”
    Gamal Abdel Nasser

  41. Fabrizio – 24 August 2011, 00:34 (n° 41)

    Sicuramente il web ha dato una grande spinta ai cospirazionisti,offrendo loro un proscenio per i propri deliri,e ha contribuito a far nascere personaggi come Straker di http://www.tankerenemy.com che oltre ad essere una persona di un’ignoranza abissale è anche di una violenza verbale estremamente preoccupante.
    Se si analizza bene questo personaggio ci si rende conto che la sua follia rasenta la pericolosità sociale.Questo individuo,a cui peraltro riconosco una vena comica non indifferente,è arrivato a creare nel suo blog delle vere proprie liste di proscrizione di quelle persone che lui definisce disinformatori,dove pubblica le foto e i recapiti che riesce a trovare e invitando i suoi accoliti a perseguire in qualche modo i suddetti. E questo in barba alla privacy e quant’altro.
    Con 179 iscritti al suo blog dice di poter mobilitare 15 milioni di italiani che lo seguono,ovviamente è nel mirino della C.I.A e di svariate altre organizzazioni governative per via delle sue scoperte.
    Ma nonostante gli ILLUMINATI e le BANCHE e gli svariati attentati che ha subito lui prosegue nel cammino della verità.
    Straker non si è concentrato su un solo complotto ma li ha svelati TUTTI!
    Dalle fibre sintetiche che crescono sulla pelle a seguito delle scie chimiche alla presenza nei posti chiave dei rettiliani.
    Fino all’individuazione dell’isola segreta su cui vivono i dirottatori del 11/9.
    Per non parlare poi del terremoto in Giappone scatenato ovviamente dagli USA.
    Pensate che questo uomo è arrivato a strumentalizzare la morte del suo anziano padre sostenendo che è stato ucciso da una non meglio precisata agenzia governativa per indurre lui al silenzio,l’omicidio del padre è avvenuto attraverso un’antenna che dalla finestra dell’ospedale lo ha colpito con un fascio di onde elettromagnetiche killer.
    Su questo argomento ovviamente ha scritto un libro di denuncia di circa 200 pagine.

  42. andros – 23 November 2011, 16:41 (n° 42)

    Salve. Ho un amico che voi definite “cospirazionista”, “complottista”, “allucinato”, “folle”, “malato di mente”, etc. Insomma, o si e’ come voi, o si e’ fuori di testa. Posso dirvi solo che la maggior parte degli argomenti che lui seguiva assiduamente attraverso la rete, alla fine gli hanno dato ragione. Due esempi: “scie chimiche” ne hanno parlato anche alla RAI in una trasmissione da poco, confermando tutto quello che dicono i cosiddetti “allucinati” della rete da anni. “Signoraggio bancario”: e’ di questi giorni la notizia che la Germania vuole ritornare al marco: come me lo dimostrate? Paolo Barnard: avete letto il suo libro “Il piu’ grande crimine”? Io l’ho letto e proprio per vedere se stesse o meno dicendo cavolate, ho fatto una ricerca abnorme durata mesi per verificare tutte le fonti: quel che scrive e’ assolutamente corretto (rimane il dubbio sul gruppo economico americano con cui ha collaborato, ma non voglio dilungarmi): provate a leggere alcuni manifesti ufficiali del Capitalismo in cui si leggono frasi aberranti tipo “controllo delle masse”, “oligarchie invisibili”, “conquista del mondo”, “Ording Caos”, controllo dei media, “controllo delle universita'” (ordo ab chao) etc. etc. (documenti ufficiali, testi universitari come il libro Propaganda di Barney). Leggendo questi testi ho scoperto che non e’ che la fantascienza (George Orwel per intenderci) crei storie assurde, al contrario la fantascienza e’ una copia della realta’, e pure fatta male. Il punto e’, a mio vedere, che bisogna saper individuare gli argomenti validi e le fonti. Io ci penserei due volte, ad esempio, prima di affermare che Bush e’ un rettiliano (cosa non impossibile .. ;-D), perche’ veramente mi sembra assurdo, ma molti topic, la’ dove sono supportati da prove valide e ben argomentati, perche’ non porvi il vecchio e buono dubbio socratico? Nessuno in fondo ha verita’ assolute, anzi, credo che se da un lato dubitare di tutto sia sinonimo di qualunquismo, dall’altro affermare che la scienza o chicchessia sia detentrice di verita’ assolute e super-partes (proprio come Dio – siamo tutti uguali dinanzi a Dio no? anche dinanzi a Dio-Scienza), beh, mi sembra un po’ presuntuoso. Del resto, da vegano, noto come la stramaggioranza dei medici ancora nel 2011 consigliano di bere latte anche dopo lo svezzamento: come si spiega? Io ad esempio sto seguendo con interesse argomenti come quello del revisionismo storico dell’olocausto, e non mi sembra per nulla una bufala, anche se prendo l’argomento con le pinze e cerco di analizzare i vari profili dei revisionisti quanto piu’ possibile (attenzione, non confondiamo i revisionisti con i negazionisti – i revisionisti sotengono solo che non vi furono camere a gas e che i nazisti non avevano premeditato l’uccisione degli ebrei, cosa che cambierebbe ovviamente la storia dell’olocausto usato piu’ come propaganda per giustificare la guerra da parte degli alleati americani: credete la cosa sia assurda?). Inoltre mi sto interessando alla battaglia tra darwinisti e creazionisti, e devo dire, anche parlando con evoluzionisti convinti, che effettivamente la teoria di darwin non e’ in grado di spiegare l’antropogenesi, o meglio la spiega ma non ha le prove necessarie (ci sono un sacco di dubbi: perche’ ad esempio Darwin e’ stato portato avanti per secoli pur non avendo le prove? Puo’ una semplice ipotesi diventare un dogma? E’ questa scienza o politica/religione? Perche’ sempre piu’ scienziati mettono in dubbio l’evoluzionismo? Credete sia da malati porsi domande di questo tipo? Credete veramente che la teoria di Darwin abbia dato la risposta DEFINITIVA a tutte le domande cosmogoniche umane? Se si, non vi sembra un po’ presuntuoso?). Ora, pensate che mettere in dubbio Darwin sia da allucinati? Se si, ammettiamo che domani la teoria di Darwin venga smentita definitivamente, cosi’ come anche la storia dell’olocausto (ovviamente cosa che non potra’ mai succedere, troppi interessi in gioco), allora non sarebbe il caso che i complottisti venissero qui e rimproverarvi del fatto che voi non siete in grado di analizzare alcunche’ perche’ non siete riusciti a vedere dove altri sono stati lungimiranti? Non dovreste inoltre chiedere pubblicamente scusa e magari scrivere un nuovo articoletto con il titolo “Noi ciechi, allineati ed ingenui”? E’ troppo facile generalizzare e farsi belli ed intelligenti quando si e’ poggiati sul main stream. E’ molto piu’ difficile porsi domande ed indagare andando contro il senso comune. Ma la storia la fa chi esce dal coro, mentre chi rimane dentro fa una vita da ruminante, ricordatelo questo.

  43. andros – 23 November 2011, 16:48 (n° 43)

    scusate, volevo scrivere “gruppo di economisti”*

  44. andros – 23 November 2011, 17:13 (n° 44)

    ah, aggiungerei tante altre storie. Come l’uccisione di Pasolini da parte di un commando: oggi il caso Pasolini e’ stato riaperto, lo sapevate? Il caso Mattei, che alla fine ha dato ragione ai complottisti, archiviato come “omicidio”. I fruttariani e i vegani che vanno contro il consumo di derivati animali esistono da mezzo secolo, ma solo adesso la scienza sta cominciando a dare i primi risultati che sembrerebbero confermare le loro visioni (all’epoca presi per allucinati). Insomma, potrei continuare all’infinito. Il punto e’: bisogna seguire solo il main stream o credete che magari sia giusto ascoltare anche chi non ha voce nei media “ufficiali”? Non e’ questo incuriosirsi e ascoltare anche chi canta fuori dal coro sintomo di elasticita’ mentale o deve per forza essere una malattia? Sapete che le persone che non frequentano la rete sono convinte sul serio che quello di monti sia un semplice governo tecnico che finalmente fara’ svoltare l’Italia, presidente che ha sostenuto che “l’euro e’ stata la fortuna della grecia” mentre la germania se ne sta uscendo e sta ricominciando a stampare marchi? Sapevate che e’ in rete che si fanno le vere battaglie no? E quali sono i topic scottanti che non senti in TV (o comunque nelle istituzioni tradizionali/ufficiali) se non questi che ho appena elencato? Che dire di quelle persone che parlano di massoneria e poteri occulti in rete? (come potrebbero parlarne in TV quando i nostro ex-presidente era la tessera numero 816? .. ;-D o e’ un complotto questo che ho appena affermato???). Infine, lascereste i vostri figli piccoli navigare in rete tranquillamente o non credete che dentro ci possano essere anche pedofili che li potrebbero addescare ad esempio? Se credete ai pedofili in rete, siete complottisti malati di mente? .. ;-D

  45. angia – 23 November 2011, 17:15 (n° 45)

    andros scrive::

    Io ad esempio sto seguendo con interesse argomenti come quello del revisionismo storico dell’olocausto, e non mi sembra per nulla una bufala, anche se prendo l’argomento con le pinze e cerco di analizzare i vari profili dei revisionisti quanto piu’ possibile (attenzione, non confondiamo i revisionisti con i negazionisti – i revisionisti sotengono solo che non vi furono camere a gas e che i nazisti non avevano premeditato l’uccisione degli ebrei, cosa che cambierebbe ovviamente la storia dell’olocausto usato piu’ come propaganda per giustificare la guerra da parte degli alleati americani: credete la cosa sia assurda?).

    intanto che prendi le pinze, posso dirti che a Bologna ti direbbero:
    “ma tu sei fuori dai coppi!”
    con simpatia, beninteso.
    no perché stavi scherzando, vero?
    tempo fa ho visto l’intervista a uno psicanalista junghiano (si scrive così? bòh), se vuoi cerco il titolo del suo libro sulla paranoia come fenomeno sociale in notevole aumento, te lo leggi e lo fai leggere al tuo amico.
    però, potrebbe essere anche che lui, lo psicanalista, faccia parte della massoneria rettiliana pronta ad invadere la terra dopo averci fiaccato le forze a furia di latte di mucca!
    ommioddio.

  46. angia – 23 November 2011, 17:19 (n° 46)

    andros scrive::

    ah, aggiungerei tante altre storie. Come l’uccisione di Pasolini da parte di un commando: oggi il caso Pasolini e’ stato riaperto

    andros scrive::

    Infine, lascereste i vostri figli piccoli navigare in rete tranquillamente o non credete che dentro ci possano essere anche pedofili che li potrebbero addescare ad esempio? Se credete ai pedofili in rete, siete complottisti malati di mente? ..

    stai mischiando tutto e il contrario di tutto…
    il caso Pasolini non è certo il primo caso di “giustizia” postuma.
    ti cito un altro caso se vuoi:
    Peppino Impastato.

  47. angia – 23 November 2011, 17:36 (n° 47)

    @ andros:

    Libro: Paranoia. La follia che fa la storia
    Autore: Zoja Luigi
    Editore: Bollati Boringhieri
    Argomento: Paranoia
    Genere: PSICOLOGIA
    Collana: Nuova cultura, Nr. 268

  48. andros – 23 November 2011, 17:42 (n° 48)

    @ angia:

    angia scrive::

    no perché stavi scherzando, vero?

    riguardo a cosa? Alle scie chimiche? Senti, vedi che ai rettiliani non credo, mi sa che hai interpretato male. Ti ho detto che le scie chimiche sono state confermate dalla vostra amata RAI, quindi amen.
    angia scrive::

    tempo fa ho visto l’intervista a uno psicanalista junghiano (si scrive così? bòh), se vuoi cerco il titolo del suo libro sulla paranoia come fenomeno sociale in notevole aumento, te lo leggi e lo fai leggere al tuo amico.

    guarda, ripeto, mi sa che hai interpretato male il mio post, perche’ ti ho scritto che quanto viene dato in rete deve essere preso con le pinze e scherzao sui rettiliani. Poi, essere allarmisti, wow! ci volevano gli psicologi per capirlo dato che sai, hanno buttato due bombe atomiche in giappone appena 50 anni fa, ti dice niente? Stanno massacrando popoli interi, ne sai qualcosa? Hanno venduto interi stati, come il tuo, te ne sei accorto? a prescindere, il parere di uno psicologo mi interessa molto poco se non niente, poi junghiano … Credi jung (e discepoli) abbiano certezze assolute? Io no. Ok, allora dato che per te “ufficiale” e’ sinonimo di “reale” ti dico che “all’interno della psicologia di Wundt, nell’ambito della psicologia sperimentale (quindi verita’ sacrosanta), prende piede la teoria ipodermica, che sostiene che i soggetti che subiscono continui messaggi mediatici ripetuti piu” volte da fonti piu’autorevoli, finiscono per inglobare gli stimoli mediatici senza opporre alcuna resistenza. La teoria ipodermica sostiene che i soggetti che si auto-allineano alla propaganda mediatica mostrano il seguente profilo: indifferenziati;
    isolati e atomizzati;
    anonimi e poco colti;
    senza organizzazione e leadership ;
    facilmente suggestionabili;
    contraddistinti da comportamenti collettivi uniformi.
    Come la mettiamo adesso? Secondo questa teoria il malato di mente “suggestionabile” e “poco colto” e’ quello che crede a tutto cio’ che le fonti “ufficiali” (l’autorita’) gli propina, accettata senza batter ciglio.. ;-D

  49. andros – 23 November 2011, 18:07 (n° 49)
  50. andros – 23 November 2011, 18:39 (n° 50)
  51. andros – 23 November 2011, 18:40 (n° 51)
  52. angia – 23 November 2011, 21:12 (n° 52)

    andros scrive::

    mi sa che hai interpretato male.

    no, mi sa che tu dovresti leggerti, e bene, qualche libro in più, e mi riferisco alle scemenze che hai scritto riguardo al revisionismo sulla Shoa.
    ma non preoccuparti, sei in buona compagnia (neonazi & Co.).

    andros scrive::

    confermate dalla vostra amata RAI

    ma chi te l’ha detto che amo la Rai?
    miiii, sei proprio sospettoso, amigo.
    manco per sogno, guardo solo dei programmi che mi piacciono, e giro a zonzo per le reti.
    e poi, anche se fosse, cosa c’entra?
    lo ammetto, non guardo “Misteri”.

    andros scrive::

    Poi, essere allarmisti, wow! ci volevano gli psicologi per capirlo dato che sai, hanno buttato due bombe atomiche in giappone appena 50 anni fa, ti dice niente?

    non capisco il passaggio, scusa, spiegati meglio.

    andros scrive::

    della psicologia di Wundt, nell’ambito della psicologia sperimentale (quindi verita’ sacrosanta), prende piede la teoria ipodermica, che sostiene che i soggetti che subiscono continui messaggi mediatici ripetuti piu” volte da fonti piu’autorevoli, finiscono per inglobare gli stimoli mediatici senza opporre alcuna resistenza. La teoria ipodermica sostiene che i soggetti che si auto-allineano alla propaganda mediatica mostrano il seguente profilo: indifferenziati;
    isolati e atomizzati;
    anonimi e poco colti;
    senza organizzazione e leadership ;
    facilmente suggestionabili;
    contraddistinti da comportamenti collettivi uniformi

    oddio, ariecco il grande fratello.
    e che ci voleva la “teoria ipodermica” per capire che la tv e la vita stressante e frenetica dei nostri tempi rincoglionisce e isola le persone?
    ma questo secondo te basta a dire che ci sta un grande fratello, o sorella (preferirei una donna al posto di comando, sai) che ci comanda tutti come burattini?
    ma perché vuoi farti del male?
    esci, spegni la tv, il pc e guardati in giro.
    per quanto permesso dal nostro stile di vita, dai nostri bisogni e dai nostri doveri di cittadini siamo liberi, liberi pure di lasciare baracca e burattini e andare a vivere in una grotta in montagna a mangiare radici essiccate.

    andros scrive::

    Come la mettiamo adesso? Secondo questa teoria il malato di mente “suggestionabile” e “poco colto” e’ quello che crede a tutto cio’ che le fonti “ufficiali” (l’autorita’) gli propina, accettata senza batter ciglio.. ;-D

    oh, la gente è poco colta perché non ha voglia di informarsi, per pigrizia o perché ha figli, poco tempo libero e casa da mantenere con mutuo e bollette da pagare, mica perché glielo ha ordinato il dottore.
    sul “suggestionabile” poi, meglio lasciar perdere, non puoi usare quell’aggettivo a cuor leggero, proprio tu che ti bevi così tante panzane (scusa, eh?)….
    scrivo tutte queste parole pensando in cuor mio che, ahimé, forse sei già irrecuperabilmente perso sulla strada che porta dritti alla paranoia da gomblotto globale (!)
    vado ad ascoltarmi un po’ di musica per riprendermi (ho comprato il cd perché ho sentito una canzone meravigliosa in tv, pensa te quanto è potente il grande fratello che traghetta i miei soldini nelle tasche delle case discografiche!)

  53. andros – 23 November 2011, 21:22 (n° 53)

    @ angia:

    revisionismo sulla Shoa.
    ma non preoccuparti, sei in buona compagnia (neonazi & Co.).

    mettici anche i palestinesi nel mezzo … se poi vogliamo essere un po’ metaforici, anche la libia, i vietnamiti, gli iraqueni, i prossimi saranno gli iraniani … ;-D …al resto ti rispondo con piu’ calma dopo ..

  54. andros – 23 November 2011, 21:23 (n° 54)

    e comunque si, vatti ad ascoltare un po’ di musica .. tanto te sai solo sparare minchiate senza cognizione di causa per poi giocare a risiko coll’amichi tua .. ;-DDD

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti