I disegni dei bambini

26 April 2016, 8:45 | Katsika | Commenti: 4

Ero lì che lavoravo al negozio, cercando di non far entrare i bambini in un’area a loro interdetta perché ci sono degli strumenti scolastici che, più volte, sono spariti. In queste situazioni il tuo pensiero è molto concreto: “etla” (esci), “barra” (fuori), cerchi di ricordarti il nome di quelli che conosci, anche con un certo grado di severità. Alla fine è un gioco quotidiano: Martyna, una delle mie bambine preferite – ma lei non sa di esserlo – prova a entrare nel magazzino tutte le volte che la porta viene aperta, talvolta nascondendosi dietro a ciò che viene portato dentro, talvolta “corrompendo” qualche volontario con il suo sorriso, talvolta prendendo la rincorsa e o-la-va-o-la-spacca. Alla fine sono bambini, bambini come tutti gli altri.

Beh, dicevo, ero riuscito nel mio improbo compito di allontanare i bimbi dall’area scolastica, e l’occhio mi è capitato sui disegni che alcuni bambini avevano fatto a scuola. Ho cominciato, ingenuamente, a guardarli senza neanche ragionare su ciò che avrei potuto trovare, e mentre li scorrevo ho trovato immagini come queste (scusate la qualità delle foto, ma ho visto questi disegni e li ho fotografati):

WP_20160425_13_25_58_Pro

La propria casa bombardata non so se dall’esercito siriano o dall’Isis

WP_20160425_13_25_53_Pro

Il barcone con il quale, presumibilmente, sono arrivati in Grecia

WP_20160425_13_26_04_Pro

L’elicottero che li ha salvati dal naufragio, dopo chissà quanto tempo, in chissà quali condizioni

È difficile immaginare cosa hanno in testa queste creature, prima di vederlo su un foglio di carta. Alla fine sono bambini, purtroppo non come tutti gli altri.

– Commenti:



4 Commenti presenti su “I disegni dei bambini” – Feed

  1. McAskya – 26 April 2016, 09:20 (n° 1)

    nota il bianco e nero dei cattivi nel primo disegno ( a parte la casa propria) in contrasto con il cielo azzurro e il sole splendente segni di speranza degli altri due disegni.

    Rispondi  |  Cita
  2. franco rivera – 26 April 2016, 09:29 (n° 2)

    poveri piccini

    Rispondi  |  Cita
  3. vittoria e mario – 26 April 2016, 10:18 (n° 3)

    Le immagini che mettono sulla carta con tanto realismo e capacità espressiva sono le stesse che hanno evidentemente impresse nella mente e lì rimarranno con il loro carico di orrore per chissà quanto tempo e forse per tutta la vita.
    La grandezza del lavoro di chi ,come voi , li accoglie e li cura con amore sta proprio nell’aiutarli ad elaborare tutto questo male e riconciliarli con l’umanità. Grazie per loro e anche per noi che ci limitiamo a sostenervi, da lontano, sia pure con tanta gratitudine e partecipazione.
    Buon lavoro

    Rispondi  |  Cita
  4. Mauro – 26 April 2016, 17:30 (n° 4)

    Questi disegni dicono molto di più di ogni inchiesta giornalistica.

    Rispondi  |  Cita

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti