I miei plug-in di Firefox

29 June 2009, 22:39 | Gruppo misto | Commenti: 5

Io sono uno molto incasinato, che però ogni tanto ha il raptus di impostare i propri plugin alla perfezione, così credo di essermi impostato Firefox con tutti i plug-in che potrebbero essere utili (ovviamente suggerimenti, nei commenti, sono estremamente bene accetti).

L’altro giorno raccontavo a Francesco dei plug-in di Firefox che uso, poi siamo stati interrotti e gli stavo scrivendo una mail, per finirgli il resoconto, poi ho pensato che è un elenco che potrebbe essere utile anche ad altri, così lo scrivo qui.

Metto soltanto quelli attivi, gli altri li uso molto sporadicamente, se non una volta sola, e non ha senso consigliarli.


Backword: è un traduttore dall’inglese a qualunque lingua. Per impostarlo ci vuole un po’, ma poi ha un sacco di funzioni. Quando Backword è attivato (dopo averlo installato basta cliccare una volta sul + in basso a destra), basta passare il mouse su di una parola in inglese e il programma darà la traduzione e un bottone per ognuna di queste possibilità: memorizzazione della frase, ricerca più approfondita, ascolto della pronuncia.
Semplicità 1/5
Utilità 5/5

Come l’ho impostato io: -> strumenti -> componenti aggiuntivi -> opzioni. Sulla scheda “settings 1” >Dictionary< >Italian< e su >search web< inserire “http://www.wordreference.com/enit/” (senza virgolette), è il dizionario inglese/italiano più immediato. Su “settings 2” ho tolto il check a “auto select, etc.”

– [In alternativa c’è anche gtranslate, che è molto più semplice da utilizzare, però ha meno funzioni, ha bisogno di due click in più, ed è più lento a caricare – d’altronde ha tutte le lingue, io lo tengo disattivato e lo attivo solo se leggo una cosa lunga in francese o spagnolo]


Downthemall: di applicazioni per riprendere i download interrotti ce ne sono molte, io uso questa perché è interna a Firefox e piuttosto semplice da utilizzare. Oltre a permettere di riprendere un download interrotto, tenta di scaricare qualunque file in varie parti (di default sono 4) velocizzandone lo scaricamento.
Semplicità 3/5
Utilità 3/5

Ci sono due modalità, una volta installato: “downthemall” e “downthemoneclick”, la prima dà sempre la possibilità di scegliere la destinazione, il numero di parti, etc. La seconda fa cominciare il download immediatamente, appunto con un click.


Favicon picker: dipende se usate la barra dei preferiti, se la usate è un must. I favicon sono quelle iconcine che avete accanto a ogni sito, e che ogni sito decide. Alcune però sono orribili e difficili da ricordare, senza contare che spesso, se memorizzate più pagine dallo stesso sito, viene la stessa. Con questo plug-in basta cliccare col destro su ogni bookmark, e scegliere il file immagine che si vuole associare a quel sito (così facendo non servono neanche più le didascalie).
Semplicità 4/5
Utilità 2/5

Ecco una piccola parte della mia bookmark bar, molti di quelli che vedete sono favicon modificati con favicon picker (ad esempio Al Jazeera English, o il Daily Dish): fav icons


Google gears: serve solo per gli utenti di gmail, soprattutto per chi ha un portatile. Gmail, in questo modo, funziona offline, e quando riconosce una connessione invia tutto quello che si è scritto o modificato nel frattempo. È come avere Gmail sempre online, tranne la ricezione, anche in cima al Gran Sasso.
Semplicità 4/5
Utilità 2/5

Questo plugin serve solo se si ha un account di posta Gmail. Molto utile la modalità “flanky” connessione lenta, che permette di lavorare dall’Hard disk, e navigare nelle proprie email, senza aspettare di avere il segnale da una connessione che, magari, va e viene. Ogni poco, poi, Gmail sincronizza l’HD con il server.


Google preview: molto facile. Associa alla ricerca google, una preview della pagina che si è cercata, in modo da avere un’informazione in più e non sbagliarsi a cliccare.
Semplicità 5/5
Utilità 1/5


IE Tab: semplice e utile. Capita di trovare qualche sito in cui la visualizzazione sia migliore, o addirittura che si veda soltanto con internet explorer: con questo plug-in, molto semplicemente, basta premere un click per aprire una tab con Explorer anziché Firefox.
Semplicità 4/5
Utilità 4/5

In basso a destra c’è il simbolo di Firefox, click e diventa Explorer, riclick e ridiventa Firefox. Se invece si vuole aprire una nuova scheda c’è “Apri con IE Tab” o “apri con un programma esterno”, che apre direttamente Explorer.


Quick Wiki: invece di aprire mille finestre, o mille tab, vedi una parola su di un blog, ci passi il mouse sopra e premi control: in un riquadro molto 2.0 si apre la pagina di Wikipedia relativa (a scelta se italiano o inglese), se premi shift, invece, si apre il wiktionary, il dizionario di Wikipedia.
Semplicità 2/5
Utilità 2/5


Textlink: per chi, come me, ama risparmiare anche pochi click, questo plug-in è indispensabile. Quando trovate una pagina web scritta così: www.distantisaluti.com, dovete selezionare il testo, cliccare il tasto destro, fare “copia”, aprire un’altra tab e incollare. Con questo programma basta un doppio click, come se fosse già linkato. Non è di fondamentale importanza, ma visto che non costa nulla, sempre meglio non perdere tempo.
Semplicità 5/5
Utilità 3/5

Non c’entra col plug-in, o sì, comunque è lo stesso genere: lo sapete che cliccare sullo scroller, ovvero la rotellina, sopra a un link apre una nuova scheda, mentre cliccare sopra a una scheda, la chiude? Anche qui, sempre all’insegna del risparmio click.


Wolfram Alpha Google: Wolfram Alpha è un motore di ricerca strano, perché non cerca quello che – secondo lui  – vorresti sapere, per quello c’è già Google, ma trova quello che secondo lui ti potrebbe essere utile, anche se non lo stai cercando. E lo fa in modo molto schematico, direi scientifico, con tanto di grafici, e di chiara lettura. Ad esempio, se cerco il mio nome, “Giovanni”, WA non mi dà come risultato il sito di un tal Giovanni, ma informazioni sussidiarie tipo: la quantità di persone con quel nome negli ultimi cent’anni, l’età media, i luoghi dove è più presente, etc. Questo plug-in associa Wolfram Alpha a ogni ricerca in Google, sulla parte destra dello schermo – almeno idealmente – completandolo. Non c’è nessuno svantaggio perché Wolfram Alpha viene cominciato a caricare solamente quando Google ha già caricato tutti i risultati, in modo che questo plugin non “rubi” neanche un istante alle ricerche di google.
Semplicità 4/5
Utilità 2/5

Funziona solo con ricerche in – o ricerche riconducibili all’ – inglese



Facciamo la prossima puntata sui di motori di ricerca da mettere nel search in alto a destra?

– Commenti:



5 Commenti presenti su “I miei plug-in di Firefox” – Feed

  1. corrado – 30 June 2009, 07:31 (n° 1)

    ehi, utilissimo, grazie!

  2. Francesco – 30 June 2009, 09:09 (n° 2)

    So già che Backword e Quickwiki diventeranno imprescindibili. Ma Wordreference è meglio di Oxfordparavia?

  3. Giovanni Fontana – 30 June 2009, 09:11 (n° 3)

    Francesco ha scritto:

    So già che Backword e Quickwiki diventeranno imprescindibili. Ma Wordreference è meglio di Oxfordparavia?

    All’inizio l’avevo messo costretto (oxford paravia non è associabile, perché non ha un link a ogni parola), poi mi son reso conto che per tradurre una parola da un testo è più immediato. Se ci fai l’occhio, capisci perché lo dico.
    Nel search mantengo oxford paravia

  4. Francesco C. – 30 June 2009, 23:03 (n° 4)

    Molto ultile, grazie!

    Da parte mia segnalo Xmarks:

    https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/2410

    Se si usa firefox su diversi computer (per es. lavoro/casa) permette di mantenere i segnalibri automaticamente sincronizzati.

  5. Roberto – 29 July 2009, 15:09 (n° 5)

    molto molto utile e pieno di spunti

Vuoi lasciare un commento?
Bene, e grazie! Questo blog crede nella persuasione – ama le discussioni e chi le fa. Si discute per cambiare idea o per dare la possibilità agli altri di cambiarla. Perciò, più della tua opinione, ci interessano le ragioni che la sostengono, ciò che potrebbe far cambiare idea anche a noi. E tu? Potresti cambiare idea? Se la risposta è no, è inutile partecipare alla discussione – hai già deciso di non farlo.




Distanti saluti